Valentina Cervi

Attrice italiana dall'indiscutibile talento, Valentina Cervi è una figlia d'arte, suo padre è un regista, lo zio un attore; dalla recitazione seducente ed eterogenea, si fa strada nel panorama cinematografico italiano a suon di candidature a Nastro d'argento e Premio Cèsar, a testimonianza di una versatilità diagonale tra Italia e Francia.

Valentina Cervi, una “passione estrema” per il cinema

(Roma, 13 aprile 1976)

Valentina Cervi biografiaValentina Cervi nasce in una famiglia radicata nel mondo dell’arte e dello spettacolo, figlia del regista e produttore cinematografico Tonino Cervi è la nipote dell’indimenticabile Gino Cervi, ovvero il “Peppone” dei film con Don Camillo.

Sin da piccola segue il papà sui set, ma non si convince subito a voler fare l’attrice, piuttosto prende l’esperienza come un lavoro estivo da cui trarre profitto. Ma, grazie all’approfondimento delle pellicole del nonno e lo studio del metodo Stanislavskij, si appassiona alla settima arte e decide di farne il suo lavoro.

È del 1986 il suo debutto televisivo con il film “Portami la luna” di Carlo Cotti, per poi approdare sul grande schermo con la pellicola di Francesca Archibugi “Mignon è partita” (1988), ritratto di una dolce adolescenza e delle problematiche familiari.

Figlia d'arte con la recitazione nel sangue

Successivamente è parte del cast della prima opera di Cristiano Bortone “Oasi” (1994), per poi recitare nell’internazionale “Ritratto di Signora” (1996) di Jane Campion, in cui Valentina lavora affianco agli hollywoodiani Nicole Kidman e John Malkovich. La carriera della giovane attrice prosegue con i film: “Artemisia - Passione estrema” (1997) di Agnès Merlet, sulla vita e le passioni della nota artista pisana, “Figli di Annibale” (1998) di Davide Ferrario, con Silvio Orlando e Diego Abatantuono e “Branchie” (1999) di Francesco Ranieri Martinotti, tratto dall’omonimo romanzo di Nicolò Ammaniti. Nello stesso anno viene scelta da Pupi Avati per il suo “La vita degli angeli”, e il regista Francis Ford Coppola la dirige in uno spot del caffè Illy che omaggia Federico Fellini.

Il 1999 è anche l’anno delle sue esperienza estere con le pellicole: “Rien sur Robert” di Pascal Bonitzer; “Five Seconds to Spare” di Tom Connolly ; per poi proseguire con il film tv “James Dean” (2001) di Mark Rydell, con il bellissimo James Franco, e “Hotel” (2001) di Tom Connolly. È la terribile Teresa nel film di Sergio Rubini del 2002 “L’anima gemella”, e fa parte del gruppo di amici che si riunisce in vecchio casale nel film nostalgico “Passato Prossimo” (2003) di Maria Sole Tognazzi, con Claudio Santamaria, Gianmarco Tognazzi, Paola Cortellesi e Pierfrancesco Favino. L’attrice romana si guadagna per questa interpretazione il premio come Migliore attrice al Sulmonacinema Film Festival del 2003.

Valentina Cervi: attrice all'insegna della versatilità

Valentina Cervi smorfiaValentina Cervi è caratterizzata da uno sguardo obliquo ed intenso, e da un viso acqua e sapone, riesce ad interpretare ruoli forti e molto drammatici, che richiedono una profonda introspezione, ma anche ragazze con la voglia di divertirsi come nel film di Luca Guadagnino “Mundo Civilizado” (2003), con Libero de Rienzo e Carlo Gioé. Sempre nel 2003 il regista Peter Greenaway la sceglie per “The Tulse Luper Suitcases: Antwerp”, film ad episodi a cui fanno seguito: “Le valigie di Tulse Luper - La storia di Moab” (2003); “The Tulse Luper Suitcases, Part 3: From Sark to the Finish” (2003) e “The Tulse Luper Suitcases, Part 2: Vaux to the Sea” (2004).

Si fa notare per il suo ruolo di madre negligente e moglie assente, ma ossessionata, nella pellicola “Provincia meccanica” (2005) di Stefano Mordini , con Stefano Accorsi. Affianca di nuovo Claudio Santamaria nel film denuncia sulla malavita italiana “Fine pena mai” (2007) di Davide Barletti e Lorenzo Conte, per essere diretta ancora da Peter Greenaway in “Ripopolare la Reggia” (2007). Successivamente lavora a: “Il resto della notte” (2008) di Francesco Munzi e “Tigri di carta” (2008), regia di Dario Cioni.

Valentina Cervi: da Spike Lee a True Bood

La grande occasione di partecipare ad un film importante ed internazionale le viene data ancora una volta quando Spike Lee decide di girare in Italia “Miracolo a Sant'Anna” (2008), che racconta l'eccidio di Sant'Anna di Stazzema nell'agosto del '44, in cui la nostrana Valentina ha il ruolo di Renata. La Cervi ha partecipato poi al film Sleepless” (2009) di Maddalena De Panfilis. Nel 2011 interpreta la folle Bertha Mason in "Jane Eyre".

Nel 2012 entra a far parte del cast della serie TV americana "True Blood", della HBO. Veste poi i panni di psicologa nella commedia surreale di Sergio Rubini “Mi rifaccio vivo”, un film che sconfina con ironia nel tema dell’aldilà. Nel 2015 sarà impegnata nella fiction tv "Solo per amore". Nel 2016 prende parte al film "Ho amici in Paradiso" di Fabrizio Maria Cortese con Fabrizio Ferracane, Antonio Catania, Enzo Salvi, dove interpreta una psicologa che porterà un uomo a redimersi.

Sonia Serafini

Valentina Cervi Filmografia - Cinema

Valentina Cervi filmografia

  • Mignon è partita, regia di Francesca Archibugi (1988)
  • Oasi, regia di Cristiano Bortone (1994)
  • La notte e il momento, regia di Anna Maria Tatò (1994)
  • Ritratto di signora, regia di Jane Campion (1996)
  • Escoriandoli, regia di Flavia Mastrella e Antonio Rezza (1996)
  • Artemisia - Passione estrema, regia di Agnès Merlet (1998)
  • Figli di Annibale, regia di Davide Ferrario (1998)
  • Branchie, regia di Francesco Ranieri Martinotti (1999)
  • La via degli angeli, regia di Pupi Avati (1999)
  • Rien sur Robert, regia di Pascal Bonitzer (1999)
  • Five Seconds to Spare, regia di Tom Connolly (1999)
  • James Dean, regia di Mark Rydell (2001)
  • Hotel, regia di Tom Connolly (2001)
  • L'anima gemella, regia di Sergio Rubini (2002)
  • Sansa, regia di Siegfried (2003)
  • Passato prossimo, regia di Maria Sole Tognazzi (2003)
  • Mundo civilizado, regia di Luca Guadagnino (2003)
  • The Tulse Luper Suitcases: Antwerp, regia di Peter Greenaway (2003)
  • Le valigie di Tulse Luper - La storia di Moab, regia di Peter Greenaway (2003)
  • The Tulse Luper Suitcases, Part 3: From Sark to the Finish, regia di Peter Greenaway (2003)
  • The Tulse Luper Suitcases, Part 2: Vaux to the Sea, regia di Peter Greenaway (2004)
  • La Tempesta, regia di Tim Disney (2004)
  • Provincia meccanica, regia di Stefano Mordini (2005)
  • Fuori dalle corde, regia di Fulvio Bernasconi (2007)
  • Fine pena mai, regia di Davide Barletti e Lorenzo Conte (2007)
  • Ripopolare la Reggia, regia di Peter Greenaway (2007)
  • Il resto della notte, regia di Francesco Munzi (2008)
  • Tigri di carta, regia di Dario Cioni (2008)
  • Miracolo a Sant'Anna, regia di Spike Lee (2008)
  • Donne assassine, regia di Alex Infascelli e Francesco Patierno (2008)
  • Sleepless, regia di Maddalena De Panfilis (2009)
  • Jane Eyre, regia di Cary Fukunaga (2011)
  • R.I.F., regia di Franck Mancuso (2011)
  • Mi rifaccio vivo, regia di Sergio Rubini (2013)
  • Ho amici in paradiso, regia di Fabrizio Maria Cortese (2016)

Valentina Cervi Filmografia - Televisione

  • Portami la luna, regia di Carlo Cotti (Film TV) (1986)
  • I ragazzi del muretto (Serie TV, 1 episodio) (1993)
  • James Dean - La storia vera, regia di Mark Rydell (Film TV) (2001)
  • Gilgamesh (Serie TV) (2003)
  • Il vizio dell'amore (Serie TV, 1 episodio) (2006)
  • Guerra e pace, regia di Robert Dornhelm (Miniserie TV) (2007)
  • Tigri di carta, regia di Dario Cioni (Miniserie TV) (2008)
  • Donne assassine (Serie TV, 1 episodio)  (2008)
  • Le inchieste dell'ispettore Zen (Serie TV, 3 episodi) (2011)
  • Distretto di Polizia (Serie TV) (2011-2012)
  • Una grande famiglia (Serie TV) (2012)
  • True Blood (Serie TV, 11 episodi)  (2012)
  • I Borgia (Serie TV, 2 episodio) (2012)
  • Buio, regia di Nicolaj Pennestri (Miniserie TV, 1 episodio) (2013)
  • Solo per amore (Serie TV) (2015-in corso)
  • I Medici (Serie TV) (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *