Una famiglia

  • Regia: Sebastiano Riso
  • Cast:  Micaela Ramazzotti, Pippo Delbono, Patrick Bruel, Fortunato Cerlino, Gaetano Bruno, Sebastian Gimelli Morosini, Alessandro Riceci, Marco Leonardi, Matilda De Angelis, Ennio Fantastichini
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 105 minuti
  • Produzione: Italia, Francia 2017
  • Distribuzione: Bim Distribuzione
  • Data di uscita: 28 settembre 2017

"Una famiglia" scena dal film"Una famiglia", un film che svela i segreti più intimi di una coppia, celati da una normale e tranquilla quotidianità.

Vincent è un uomo di cinquant’anni, nato a Parigi, che ha stroncato ogni rapporto con la sua famiglia; come lui, Maria, una giovane donna nata a Ostia che non vede i suoi da molto tempo. Le loro vite si incrociano, insieme formano una bellissima coppia, serena, innamorata, ma non tutto è come sembra.

Dietro a quella semplice quotidianità, fatta di cene romantiche, sguardi complici e un amore passionale, si nasconde il progetto di Vincent: aiutare coppie che non possono avere figli, un progetto portato avanti con determinazione dall’uomo e accettato da lei solo per un amore incondizionato.

Il rapporto tra i due inizia a frantumarsi quando Maria esprime il desiderio di formare un nucleo tutto suo, maturato in seguito a quella che, lei ritiene, essere l’ultima gravidanza. Ne seguirà la ribellione di Vincent, l’uomo che lei ama più di tutto.

Una famiglia: l'opera seconda di Sebastiano Riso sul diritto alla famiglia

Sebastiano Riso realizza un dramma sul vero significato della famiglia, sui suoi valori e su come, tale scelta, comporta delle conseguenze all’interno della coppia. Soprattutto, intende esplorare uno dei più difficili conflitti: l’amore nei confronti del proprio partner contro il voler una famiglia da lui non voluta. Cosa fare?

In concorso al Festiva di Venezia 2017, il direttore artistico Alberto Barbera l’ha descritto così:

Un livello di maturità registica sorprendente, fa sorridere ma invita anche a riflettere su un soggetto sensibile. Sfugge alla regola dell’opera seconda deludente!”. 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *