Transformers – L’ultimo cavaliere

Transformers - L'ultimo cavaliere - Recensione - Autobot non più alieni

Transformers - L'ultimo cavaliere BumbleBee

In questo ultimo capitolo della saga cinematografica sugli Autobot, "Transformers – L’ultimo cavaliere", si percepisce qualcosa di diverso dai film precedenti. Mentre nelle altre pellicole i robot da combattimento si limitano ad essere ‘macchine’, nel quinto film c’è un’umanizzazione di questi personaggi.

Michale Bay ci fa capire che i robot non sono solamente delle armi pericolose ed estranee al nostro mondo, l’evoluzione dei transformers nell'arco di tutti e cinque i film avviene in maniera graduale. Se nel primo vedevamo gli Autobot e Decepticon come organismi estranei al pianeta terra, in questo quinto capitolo ne sono quasi parte integrante.

La maggiore caratterizzazione della razza aliena è solamente un minuscolo barlume di luce in un mare di oscurità. L’intero film va infatti degenerando, la mancanza di originalità è palpabile e rende l’intera storia prevedibile.

Riguardo agli effetti speciali è risaputo, Michael Bay sembra lo faccia di proposito nel mettere così tante scene di esplosioni, urla e caos; un mix che distoglie l’attenzione dall'intera trama, dove l’unica cosa che prende il sopravvento è il desiderio che finisca il prima possibile. Dopo l’ennesima scena d’azione buttata a caso si perde totalmente interesse nel sapere cosa può succedere.

Transformers – L’ultimo cavaliere: una saga interminabile

All'inizio di "Transformers – L’ultimo cavaliere" viene spiegato come gli Autobot hanno avuto una connessione col passato fino ad arrivare ai giorni nostri. É stato sicuramente utile ai fini della trama questa inserzione all'interno di miti e leggende che si scoprono essere veri. Lo scopo è sicuramente quello di aggiungere altro materiale per lo sviluppo di un ennesimo film del franchise “Transformers”.

Arrivati a questo punto non si sa se possa essere una buona idea portare avanti fino allo stremo una saga cinematografica che si può dire finita già due film fa, ormai scaduta nell'esagerazione. I colori e la fotografia sono sicuramente belli da vedere, ma nonostante il CGI molto realistico, il tutto è assolutamente banale e quasi noioso per via dell’eccesso.

Alessio Camperlingo

  • Titolo originale: Transformers - The Last Knight
  • Regia: Michael Bay
  • Cast: Mark Wahlberg, Laura Haddock, Isabela Moner, Anthony Hopkins, Josh Duhamel, Jean Dujardin, Tyrese Gibson, Mitch Pileggi, Peter Cullen, Kevin Kent, Jerrod Carmichael, Allen Phoenix, John Goodman, Stanley Tucci, Santiago Cabrera, Gil Birmingham, Ken Watanabe
  • Genere: Azione, Colore
  • Durata: 148 minuti
  • Produzione: USA, 2017
  • Distribuzione: Universal Pictures
  • Data di uscita: 22 Giugno 2017

 Poster Transformers - L'ultimo cavaliere"Transformers: L'ultimo Cavaliere" mette in scena il quinto film della famosa saga action-fantasy: ora i Transformers e gli esseri umani sono in guerra.

L'organizzazione militare Transformers Reaction Force, dopo la battaglia di Hong Kong, è decisa a distruggere tutti i Transformers senza alcuna distinzione. Proprio mentre gli Autobot, i Dinobots e Cade Yeager sono ricercati dalla TFR, una nuova terribile minaccia si abbatte sulla Terra.

Cade Yeager si impegna nella creazione di una singolare alleanza, l'unica in grado di salvare l'intero pianeta: insieme a lui si uniranno un elegante lord inglese, una professoressa di Oxford e l'immancabile Bumblebee. A questa impresa decidono di prendere parte anche i soldati: l'obiettivo è quello di riportare la pace fra gli esseri umani e i villain. Nel frattempo Optimus Prime è andato via, alla ricerca dei creatori di tutta la specie degli autobot, ossia i Quintessons.

L'unica soluzione per salvare il futuro è arrivare alle radici del passato ed esplorare la storia segreta dei Transformers sulla Terra: quale dei due mondi sopravviverà?

Transformers - L'ultimo cavaliere: un grande epilogo

Con "Transformers - L'ultimo cavaliere" il regista statunitense Michael Bay scrive il gran finale della saga degli amati Transformers, un film girato a Cuba e in tante altre località del mondo. Il director ha deciso di chiudere un cerchio durato dieci anni, realizzando un progetto che collega in ogni mossa i cinque capitoli di una delle storie più amate dal grande pubblico. In questo gran finale la mitologia, grazie alla storia, si espande come mai prima e permette allo spettatore di avere una visione completa dell'universo dei tecnologici alieni.

Michael Bay ha dichiarato che questo probabilmente è il suo ultimo lavoro di questo franchise: "A ogni film dei Transformers ho annunciato che sarebbe stata la mia ultima volta. Vedo i 120 milioni di fan nel mondo che vanno a vedere questi film, i parchi tematici e i ragazzini che visitano il set grazie a Make-A-Wish. Adoro fare questi film e questo è stato particolarmente divertente da girare, ma potrebbe essere davvero l'ultima volta. È un capitolo finale e un nuovo inizio".

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *