The Man Who Killed Don Quixote (2018)

 

  • Titolo originale: The Man Who Killed Don Quixote
  • Regia: Terry Gilliam
  • Cast: Adam Driver, Olga Kurylenko, Stellan Skarsgård, Jonathan Pryce, Óscar Jaenada, Jordi Mollà, Rossy De Palma, Jason Watkins, Jason Watkins
  • Genere: Avventura, Fantasy
  • Durata: 137 minuti
  • Produzione: Gran Bretagna, Spagna, 2018
  • Distribuzione: M2 Pictures
  • Data di uscita: n/d

The Man Who Killed Don Quixote poster"The Man Who Killed Don Quixote" di Terry Gilliam racconta la celebre storia del romanzo spagnolo "Don Chisciotte della Mancia" di Miguel de Cervantes S., ambientandolo nel 21°secolo attraverso lo sguardo di un regista pubblicitario, protagonista del film.

The Man Who Killed Don Quixote: una storia antica nel presente

"The Man Who Killed Don Quixote" vede infatti come protagonista Toby (Adam Driver), giovane disilluso e cinico, ma geniale regista di spot pubblicitari. Proprio mentre Toby sta lavorando a un soggetto legato a Don Chisciotte su un set spagnolo, un vecchio calzolaio impazzito (Jonathan Pryce) si convince di essere il protagonista, Don Chisciotte, e scambia il regista per Sancho Panza, il suo fedele scudiero.

Il regista inoltre, incontra un gitano venditore abusivo di  DVD di film spagnoli tra i quali ritrova una copia di una sua opera giovanile avente come tema sempre quello dell'opera di Cervantes, la quale è stata girata in un paesino poco lontano. Toby si vede risucchiato in una folle avventura sempre più surreale, durante la quale sarà costretto a confrontarsi con le tragiche conseguenze di un film realizzato quando era ancora un giovane idealista pieno di ambizioni.

Quel lavoro infatti, aveva creato numerose aspettative negli abitanti, cambiando per sempre le speranze e i sogni di un piccolo villaggio spagnolo. Tuttavia anche Toby, come già accaduto al vecchio cavaliere Don Chisciotte, inizia a venire gradualmente consumato dalle sue illusioni, rischiando di non saper più distinguere i sogni dalla realtà.

Toby saprà riscattarsi? Riuscirà il nuovo "Don Chisciotte" a sopravvivere alla propria follia?  Oppure sarà l'amore a salvare Toby vincendo su tutto?

The Man Who Killed Don Quixote: un film dalla produzione travagliata

The Man Who Killed Don Quixote foto scena film Il film "The Man Who Killed Don Quixote" ha conosciuto la fama già durante la sua produzione, diventando celebre non per il contenuto tematico e scenografico, ma bensì per i problemi riscontrati durante la realizzazione. La pellicola, infatti, ha subito ben otto tentativi di messa in scena nell'arco di quasi vent'anni, diventando uno degli esempi più estremi di "development hell" della storia del cinema.

La produzione di "The Man Who Killed Don Quixote" viene avviata per la prima volta nel 1998, con Jean Rochefort come Don Chisciotte e Johnny Depp nel ruolo di Toby. Le riprese sono continuate in Spagna nel 2000 e qui sono sorti i primi problemi. Il film infatti, è stato cancellato a causa sia di difficoltà finanziarie e di un'alluvione improvvisa che distrusse alcuni set e materiali importanti; sia per l'abbandono dell'attore Rochefort per problemi di salute.

Inseguito alla cancellazione del progetto, il regista Terry Gilliam ha perso i diritti della sceneggiatura, recuperandoli solamente nel 2006. In quest'anno infatti, si è ripreso a lavorare sul lungometraggio apportando periodicamente modifiche sia al cast che alla sceneggiatura. Tuttavia  nuove difficoltà finanziarie hanno reso vani i tentativi di Gilliam di risollevare il progetto. Solo nel 2017 il film si è riusciti definitivamente ad entrare e a completare con successo la produzione, arrivando persino a proiettare "The Man Who Killed Don Quixote" in anteprima a Cannes.

Purtroppo però stando alle notizie attuali "The Man Who Killed Don Quixote"  di Terry Gilliam non trova pace, infatti il regista e produttore è stato nuovamente citato in causa da Paulo Branco perdendo, questa volta, i diritti del film, come è possibile leggere nell'articolo "The Man Who Killed Don Quixote: Terry Gilliam perde i diritti del film".

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *