The Breadwinner

The Breadwinner – Recensione: un film d’animazione impegnato

the breadwinner famiglia

"The Breadwinner" è un film d’animazione molto bello. Veicola concetti dolorosi e attuali sulla situazione afghana sotto il controllo talebano, puntando i riflettori sulla questione femminile, e su come la vita sia difficile anche per gli uomini che non si piegano a questo tipo di tirannia, una tirannia materiale, intellettuale, morale, che priva i singoli dei diritti primari, arruolando manovalanza tra le classi sociali meno colte e più propense all’indottrinamento.

The Breadwinner: una produzione sentita che dà voce alla speranza

Fortemente voluto da Angelina Jolie, che l’ha prodotto assieme ai creatori di “The Secret of Kells” e “Song of Sea”, il film, tratto dal best seller di Deborah Ellis, è diretto da Nora Twomev che, nonostante una certa lentezza imposta dalla narrazione, riesce a tenere sempre viva l’attenzione dello spettatore, spettatore che non può non rimanere turbato dalla violenza di alcune immagini e dalla generale situazione di oppressione in cui si muovono i nostri protagonisti.

Ma "The Breadwinner" non è solo lo specchio di una dolorosa realtà, veicola, infatti, concetti universali di libertà e coraggio, ed è anche un grido di speranza, un monito a non arrendersi mai, come la nostra piccola Paryana. Non mancano in questo racconto animato figure positive, che rischiamo del proprio per aiutare il prossimo.

The Breadwinner: un elogio al potere salvifico dell’immaginazione

"The Breadwinner" è anche un inno al potere miracoloso delle storie, dei racconti, che salvano la mente e il cuore dalle tenebre umane e morali, dall’oscurantismo culturale, proiettandoci in mondi dove molto è possibile, trasmettendo esperienze che possano aiutarci nella nostra personale lotta per trovare un posto.

Il vecchio padre raccontava storie ai suoi figli, per allargare i loro orizzonti, parimenti fa la nostra protagonista per alleggerire la tensione familiare dopo l’arresto del padre, e per far coraggio a se stessa ed alla sua giovane amica quando tutto sembra volgere al peggio.

La grafica è davvero coinvolgente, le diverse soluzioni creative adoperate per differenziare il racconto principale dalle storie narrate sono accattivanti, le ambientazioni riportano a una Baghdad sotto assedio, distrutta dai bombardamenti.

"The Breadwinner" sicuramente non è adatto ai piccini, ma è fruibile dai giovanissimi, che possono farsi un’idea di ciò che accade attorno a noi, cose delle quali spesso con loro non parliamo, pensando erroneamente di proteggerli dal male del mondo. Solo la conoscenza delle cose ci rende liberi, e permette ai nostri figli di diventare adulti, obiettivi e responsabili.

Maria Grazia Bosu

 

  • Regia: Nora Twomey
  • Cast: Saara Chaudry, Laara Sadiq, Shaista Latif, Ali Badshah, Noorin Gulamgaus, Kawa Ada, Soma Chhaya, Kane Mahon, Ali Kazmi, Kanza Feris
  • Genere: Animazione
  • Durata: 94 minuti
  • Produzione: Canada, Irlanda, 2017
  • Data di uscita: n/d

the breadwinner locandina"The Breadwinner", film di animazione diretto da Nora Twomey e prodotto da Angelina Jolie, è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma 2017.

La protagonista, Paryana, è una bambina di 11 anni che cresce nell’Afghanistan del 2001 sotto il governo Taliban, in una famiglia obbligata dalle terribili circostanze a vivere secondo regole in cui non credono. Le donne devono stare in casa e non possono uscire se non accompagnate da un uomo, e l’unico uomo della casa, escluso il fratellino minore, è il vecchio padre malato della piccola, un ex insegnante che mal digerisce un regime così gretto e ottuso, e non manca di istruire le donne della famiglia. Quando l’uomo viene ingiustamente arrestato, Paryana si travestirà da ragazzo, per sostenere la famiglia e avere notizie dell’amato padre.

In "The Breadwinner", la forza di Paryana risiede nei valori che il padre le ha trasmesso: saranno proprio le storie che quest’ultimo era solito narrarle a darle coraggio. Rischierà la propria vita per ritrovarlo, con una determinazione e liricità d’animo che solo la purezza dell’infanzia possiede.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *