THE BOURNE LEGACY - RECENSIONE
 sabato 25 ottobre 14 - 20:48

  Home Page |
Email






Ricerca personalizzata

The Bourne Legacy - Recensione

The Bourne Legacy: quarto capitolo che, nonostante l'assenza di Matt Damon, conferma l'ottima fattura di una saga action con tutti gli ingredienti del genere

.

Regia: Tony Gilroy – Cast: Jeremy Renner, Rachel Weisz, Edward Norton, Albert Finney, Joan Allen Scott Glenn, Stacy Kean, Oscar Isaac – Genere: Thriller, colore, 135 minuti - Produzione: Usa 2011- Distribuzione: Universal Pictures - Data di uscita: 7 settembre 2012.


Arriva il tanto atteso quarto film della saga “Bourne”, tratta dai romanzi di Robert Ludlum ed iniziata nel 2002, peccato che manchi lui, l’indiscusso protagonista di sempre Jason Bourne/alias Matt Damon. Tuttavia, la sua presenza/assenza alleggia ovunque e ci sono tutti gli ingredienti del cinema d’azione al loro meglio.


Firma la regia, nonché la sceneggiatura, Tony Gilroy subentrato dietro la camera a Paul Greengrass, che aveva a sua volta raccolto il testimone da Doug Liman.

Al centro della storia c’è Aaron Cross, spia del programma segreto “Outcome”, proveniente da “Operazione Treadsone”, e impersonato da Jeremy Renner. L'eroe di questa avventura dovrà sopravvivere a quella stessa intelligence che l’aveva ingaggiato e che ha deciso di chiudere un programma diventato scomodo.


Quello che differenzia profondamente Aaron dal collega Jason è il non cercare un perché nel suo essere diventato una macchina da guerra invincibile. A sancire il passaggio tra questa storia e l'ultimo capitolo ”The Bourne Ultimatum - Il ritorno dello sciacallo” del 2007 è una sparatoria nel cuore di Londra e un inseguimento da paura a New York. Una sorta di prologo, perché il vero inizio del film è in un lago ghiacciato dell’Alaska, da cui riemerge Aaron Cross.

Il protagonista affronta i lupi e le impervie montagne innevate, ma il bello deve ancora arrivare. Come nei precedenti capitoli della saga, l’azione si sposta in meno di un secondo dal Canada a Washington, passando per Manila. Gli intrighi politici ad altissimo livello si intersecano con la ricerca scientifica utilizzata per creare dei super guerrieri. L’eroina femminile della saga è una brillante scienziata, impersonata da Rachel Weisz, l’unica sopravvissuta al massacro di un improbabile psicopatico in un laboratorio supersegreto.


Come è canonico, in questo genere di pellicole, non è tanto la trama che conta, bensì tutto quello che vi ruota intorno e c’è veramente tanto: dagli inseguimenti, al cardiopalma, alle location fantastiche.


Il cattivo è impersonato dalla star Usa Edward Norton, nei panni del Colonnello Ric Byer, direttore della potente NRAG che vuole eliminare i suoi stessi uomini. Tra vecchi e nuovi personaggi, lo spettatore è portato letteralmente dentro lo schermo.


C’è tanta azione ma in fondo si può leggere tra le righe quanto il potere possa essere crudele. Nel cast ritroviamo vecchi interpreti come Albert Finney, Joan Allen, David Strathairn e Scott Genn.


Tutto gira benissimo, come nei precedenti capitoli, da una sceneggiatura curatissima ad una fotografia eccellente. Ancora una volta, anche senza Matt Damon i film del filone "Bourne" si confermano essere opere perfette come orologi svizzeri.

Massimiliano Ponzi




Ultimi aggiornamenti

Scrivi il tuo commento sulla pagina
'The Bourne Legacy - Recensione '


Il tuo nome (facoltativo)

Contatti

Per contattare la redazione del sito Ecodelcinema scrivere all'indirizzo email redazione@ecodelcinema.com

 


Rachel Weisz - Biografia

Edward Norton - Biografia






 
Le foto presenti su Ecodelcinema.com sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail redazione@ecodelcinema.com che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.
Ecodelcinema.com - Registrazione al Tribunale di Roma n.79/2009 del 11/03/2009

www.ecodelcinema.com di Eco del Cinema - email redazione@ecodelcinema.com -