Steven Spielberg contro Netflix

Steven Spielberg afferma che i film di Netflix e altre piattaforme streaming non dovrebbero vincere gli Oscar in quanto rappresentano un pericolo per i cineasti.

Steven Spielberg: un tradizionalista

Steven Spielberg regista

Pur promuovendo il suo futuristico film ad alta tecnologia “Ready Player One“, Steven Spielberg rivela la sua vena tradizionalista, mettendo in discussione la parità di condizioni tra i film e le rappresentazioni teatrali lanciati da Netflix e altre piattaforme di streaming.

Durante la sua carriera da regista che va avanti da ben cinquant’anni, sono nate alcune innovazioni come i commenti su DVD, fotocamere digitali e proiettori. Spielberg ha spesso messo in dubbio la necessità di deviare dall’approccio classico. E ci sono risultati positivi di questa riverenza per la tradizione, incluso il lavoro di Spielberg su una serie di cause di conservazione e altri sforzi per rafforzare l’eredità di Hollywood. Ma l’ultimo bersaglio del suo scetticismo sono i lungometraggi che si avviano su servizi di streaming come Netflix e Amazon. (I suoi punti di vista, e quelli di altri cineasti come Christopher Nolan, non sono nuovi, ma stanno ricevendo nuove attenzioni).

In un’intervista con ITV News, Spielberg ha notato che il business del cinema non ha mai affrontato delle sfide da parte dalla televisione, soprattutto considerando l’aumento dello streaming. Ma mentre questo fenomeno trae dei benefici per la cultura generale, Spielberg ritiene che le funzionalità lanciate su piattaforme di streaming non dovrebbero essere incluse agli Oscar.

“Non credo che i film che ricevono titoli di riconoscimento, in un paio di teatri per meno di una settimana, debbano qualificarsi per le nomination agli Academy Award. Una volta che ti impegni in un formato televisivo, sei un film TV. Se si tratta di un bel spettacolo, ti meriti un Emmy. Ma non un Oscar” afferma il regsita.

Gli studi cinematografici oggi sono focalizzati sui tendoni di marca. I registi sono in grado di trovare compratori disposti nel mondo SVOD, cambiando radicalmente il gioco. “La televisione sta prosperando con qualità e cuore”, ha detto. “Ma rappresenta un pericolo chiaro e presente per i cineasti”.

Marina Kozak

26/03/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *