Spike Jonze

Regista, sceneggiatore, attore e produttore statunitense, sia di film che di spot pubblicitari e videoclip, Spike Jonze ha fatto dell'anomalia la caratteristica distintiva di tutti i suoi film, alludendo a falsi miti come la popolarità e lo sfruttamento del talento che gli consentono di stravolgere le storie, con una stravaganza attraverso la quale è riconosciuto e si è affermato a Hollywood come uno dei registi più eclettici e particolari.

Spike Jonze, il regista che voleva “essere John Malkovic”

(Rockville, 22 ottobre 1969)

Spike Jonze biografiaSpike Jonze, il cui vero nome è Adam Spiegel, nasce il 22 ottobre del 1969 a Rockville, nel Maryland, anche se poi cresce a Gulph Mills, in Pennsylvania.

Il regista americano, pur con pochissimi film all’attivo, è considerato attualmente uno dei più interessanti indipendenti sulla piazza di Hollywood. L’infanzia e la giovinezza di Jonze sono la quintessenza della vita americana, la sua famiglia appartiene all’agiata middle class, il padre è un manager, la madre un’artista e scrittrice. Suo fratello Sam, più noto Squeak E. Clean è un famoso discografico e DJ.

Fin da ragazzino si interessa di fotografia e di scrittura. Mentre verso i sedici anni lavora in un negozio, un suo amico gli appioppa il soprannome “Spike Jonze”, con il quale comincerà a farsi chiamare e che in seguito userà per firmare i suoi lavori.

Spike Jonze: la fase della fotografia e della regia di videoclip musicali

Negli stessi anni, Spike sviluppa una passione per le BMX, le biciclette da cross, e lo skateboard che lo spinge a interessarsi di giornalismo.

Negli anni ’80 il giovanissimo Spike, con alcuni amici, lavora come fotografo e redattore in riviste di sport e di moda giovanile come “Freestyle Magazine”, “Homeboy” e “Dirt”. Dalla fotografia, Jonze comincia ad interessarsi al video e ben presto, grazie al suo giro di conoscenze nel mondo dello spettacolo e della moda, inizia a girare videoclip. Il suo primo lavoro è del 1991 e il successo quasi immediato.

Diventa uno dei più richiesti registi di video musicali e lavora con gruppi e artisti famosissimi come Beastie Boys, Bjork, Pavement o REM. In particolare è suo il video di “Buddy Holly”, dove per i Weezar rimonta sequenze mitiche di “Happy Days” o “Weapon of Choice” che vede un incredibile Christopher Walken ballare furiosamente sulla musica di Fatboy Slim.

Spike Jonze: "Essere John Malkovich", piccolo capolavoro surreale

Prima dei trent’anni, il giovane regista si ritrova ad essere uno dei beniamini di Hollywood, con la fama di un piccolo genio del video, è fidanzato con Sofia Coppola, che sposerà nel 1999, e frequenta i più grandi attori e registi. A questo punto il salto alla regia cinematografica è quasi d’obbligo.

Per una fortunata coincidenza, Charlie Kaufman, alla ricerca di un regista per una sua sceneggiatura, invia una storia molto interessante a Francis Ford Coppola, che decide, su consiglio della figlia, di passarla a Jonze.

Nasce “Essere John Malkovich” surreale apologo sull’identità e la celebrità che ha per protagonisti, oltre a Malkovich, John Cusack e Cameron Diaz. Il racconto surreale, che vede due impiegati sfigati scoprire un portale che consente di accedere alla mente di un famoso attore, viene salutato da un successo immediato, grazie anche alla barocca abilità registica di Jonze, fruttando al film ben tre nomination agli Oscar.

Spike Jonze, il 'ladro di orchidee'

Il lavoro successivo di Jonze, altrettanto complesso e di nuovo sceneggiato da Charlie Kaufman, è “Il ladro di orchidee” (2002). Interpretato da un Nicolas Cage in gran forma, oltre che da un’ottima Meryl Streep, la pellicola narra le vicende di uno sceneggiatore in crisi, lo stesso Kaufman, che cerca invano di adattare un libro, “Il ladro di orchidee” per un film, disturbato dal fratello gemello, dall’autrice del libro e da fastidi e sciagure di ogni tipo.

Il film è ancora più acclamato del precedente, riceve quattro nomination all’Oscar e ne vince uno, Miglior Attore Non Protagonista, per Chris Cooper. All’apice del suo successo Jonze sente il bisogno di dedicarsi ancora al videoclip e alla fotografia, mentre il suo matrimonio con Sofia Coppola arriva al capolinea nel 2003.

Spike Jonze: “Nel paese delle creature selvagge” segna il ritorno sul grande schermo dopo una piccola pausa

Dopo una lunga pausa, intervallata da molti lavori in video, Jonze torna al grande schermo nel 2009 con “Nel paese delle creature selvagge”, adattato da un famoso libro per ragazzi di Maurice Sendak. Si tratta questa volta di una sognante avventura infantile, molto lontana dalle nevrosi dei precedenti due lungometraggi.

Il piccolo Max è un ragazzino solitario, figlio di genitori divorziati. In fuga dalla famiglia si ritrova magicamente su un’isola popolata di mostruose creature che lo eleggono inaspettatamente loro re.

Il film è un successo di critica, anche se l’entusiasmo del pubblico fatica ad accendersi forse a causa dell’intima malinconia della pellicola. Jonze continua a lavorare a nuovi video musicali e cortometraggi, come il recente “I’m here”, anche se non abbandona il progetto di un nuovo film che potrebbe essere tratto dal romanzo di Shane Jones “Light Boxes”.

Il 2013 gli regala una nuova avventura con “Her”, la triste storia di un uomo (Joaquin Phoenix) che si innamora del proprio sistema operativo, a causa di troppa solitudine; ma Martin Scorsese lo sceglie anche per far parte del suo prestigioso cast in “The Wolf of Wall Street”.

Fabio Benincasa

Spike Jonze Filmografia - Regista

Spike Jonze filmografia

  • Essere John Malkovich (1999)
  • Il ladro di orchidee (2002)
  • Spike Jonze. The Work of a Director (2003)
  • Bijork. Medulla (2005)
  • Nel paese delle creature selvagge (2009)
  • I'm Here (Cortometraggio) (2010)
  • Lei (2013)

Spike Jonze Filmografia - Attore

  • Mi vida loca (1993)
  • Pig! (1996)
  • The Game - Nessuna regola (1997)
  • Torrance Rises (1999)
  • Essere John Malkovich (1999)
  • Three Kings (1999)
  • Keep Your Eyes Open (Documentario) (2002)
  • Jackass: The Movie (2002)
  • Nel paese delle creature selvagge (2008)
  • Moneyball, regia di Bennett Miller (2011)
  • Jackass Presents: Bad Grandpa, regia di Jeff Tremaine (2013)
  • The Wolf of Wall Street, regia di Martin Scorsese (2013)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *