Sophia Loren

Il suo fascino stellare sommato a un viso che buca lo schermo, più una buona dose di spontaneità e autentico talento recitativo, hanno contribuito a rendere Sophia Loren la star che è stata e continua a essere ancora oggi, icona di quel cinema italiano anni cinquanta che ha saputo stregare registi e pubblico, a livello internazionale.

Sophia Loren: 'pane, amore e...' film

(Roma, 20 settembre 1934)

Sophia Loren black and whiteSophia Loren è una delle bellezze celebrate dal cinema italiano degli anni '60, che resta tutt’oggi un’icona mondiale della cultura popolare. La sua storia ha umili origini, in una famiglia povera che vive a Pozzuoli, dove lei passa gran parte della sua infanzia. A soli sedici anni si aggiudica il titolo di Miss Eleganza nel concorso di Miss Italia.

Nel 1951 incontra a Roma il regista Carlo Ponti, che sarà il suo futuro marito e da cui riceve la prima proposta cinematografica di un contratto con la Titanus. In questo periodo interpreta principalmente il ruolo della “bella popolana” in film come “Carosello napoletano” (1954) di Ettore Giannini e “L’oro di Napoli” (1954), di e con Vittorio De Sica.

Sophia Loren: tra semplicità partenopea e carisma da diva internazionale

Sophia Loren bianco e neroL’esperienza americana serve sicuramente ad aumentare il suo successo, ma coincide anche con un cambiamento di stile e di immagine. Mentre la Sophia degli esordi spiccava per il connubio di bellezza e semplicità, quella successiva diventa il simbolo di una avvenenza sofisticata e di uno stile da diva. Ma l’apice della sua carriera coincide sicuramente con la proposta di Vittorio De Sica di interpretare il ruolo della madre (rifiutato da Anna Magnani) ne “La ciociara”, del 1960, per cui riceve il Nastro d’Argento e il premio come Miglior Attrice Protagonista al Festival di Cannes.

Il sodalizio con De Sica la vede ancora protagonista di “Boccaccia ’70” (1962), “I sequestrati di Altona” (1962), “Ieri, oggi e domani” (1963), con lo spogliarello a Mastroianni, ormai divenuto un cult, “Matrimonio all'italiana” (1964) e “I girasoli” (1970). Ormai diva da gossip e prime pagine sposa nel 1966 il regista Carlo Ponti, da cui avrà il primo figlio, Carlo Junior, due anni dopo.

Sophia Loren: l'Oscar alla carriera nel 1991

Sophia Loren vestito rossoNel ’77 è la casalinga in epoca fascista del bellissimo “Una giornata particolare”, di Ettore Scola, dove sarà di nuovo in coppia con un grande Marcello Mastroianni.

Negli anni Ottanta, oltre a essere vittima di un’inchiesta tributaria ai danni del fisco, abbandona i set cinematografici e si dedica principalmente alla televisione, con dei risultati poco entusiasmanti e degni di nota.

Nel 1991 riceve l’Oscar alla carriera e nello stesso anno, in Francia, viene insignita della Legion d’Onore. Riceve il titolo di Cavaliere della Repubblica nel 1997 dal Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro. Nel 2009 è nel cast stellare del musical "Nine", accanto a Nicole Kidman, Penelope Cruz e Judi Dench.

Il 2010 la si vede impegnata in un nuovo ruolo nella miniserie televisiva "La mia casa è piena di specchi" che tratta proprio della vita dell'attrice Sophia Loren, ispirandosi all'omonimo romanzo autobiografico scritto dalla sorella Maria Scicolone. Nel 2011 presta la sua voce a Zia Topolino nel film d'animazione "Cars 2" e nel 2013 è Angela in "La voce umana" di Edoardo Ponti.

Anche se la bellezza di Sophia Loren ha potuto sfociare nel divismo “eterno”, non si può fare a meno di ricordare anche la semplice e diretta Sophia degli anni Sessanta, più affascinante che mai!

Eleonora Zilli

Sophia Loren Filmografia - Cinema

Sophia Loren oscar

 

  • Cuori sul mare, regia di Giorgio Bianchi (1950)
  • Il voto, regia di Mario Bonnard (1950)
  • Tototarzan, regia di Mario Mattòli (1950)
  • Le sei mogli di Barbablù, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950)
  • Lebbra bianca, regia di Enzo Trapani (1951)
  • Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951)
  • Milano miliardaria, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
  • Quo vadis?, regia di Mervyn LeRoy (Non accreditato) (1951)
  • Il padrone del vapore, regia di Mario Mattòli (1951)
  • Il mago per forza, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
  • Era lui... sì! sì!, regia di Vittorio Metz, Marcello Marchesi e Marino Girolami (1951)
  • Anna, regia di Alberto Lattuada (1951)
  • È arrivato l'accordatore, regia di Duilio Coletti (1952)
  • Il sogno di Zorro, regia di Mario Soldati (1952)
  • La favorita, regia di Cesare Barlacchi (1952)
  • La tratta delle bianche, regia di Luigi Comencini (1952)
  • Africa sotto i mari, regia di Giovanni Roccardi (1953)
  • Aida, regia di Clemente Fracassi (1953)
  • Ci troviamo in galleria, regia di Mauro Bolognini (1953)
  • La domenica della buona gente, regia di Anton Giulio Majano (1953)
  • Un giorno in pretura, regia di Steno (1953)
  • Carosello napoletano, regia di Ettore Giannini (1954)
  • Il paese dei campanelli, regia di Jean Boyer (1954)
  • Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattòli (1954)
  • Tempi nostri, regia di Alessandro Blasetti (1954)
  • Miseria e nobiltà, regia di Mario Mattòli (1954)
  • Pellegrini d'amore, regia di Andrea Forzano (1954)
  • Attila, regia di Pietro Francisci (1954)
  • L'oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica (1954)
  • Peccato che sia una canaglia, regia di Alessandro Blasetti (1954)
  • La donna del fiume, regia di Mario Soldati (1954)
  • Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
  • La bella mugnaia, regia di Mario Camerini (1955)
  • Pane, amore e..., regia di Dino Risi (1955)
  • La fortuna di essere donna, regia di Alessandro Blasetti (1955)
  • Il ragazzo sul delfino, regia di Jean Negulesco (1957)
  • Orgoglio e passione, regia di Stanley Kramer (1957)
  • Timbuctù, regia di Henry Hathaway (1957)
  • Desiderio sotto gli olmi, regia di Delbert Mann (1958)
  • La chiave, regia di Carol Reed (1958)
  • Orchidea nera, regia di Martin Ritt (1958)
  • Un marito per Cinzia, regia di Melville Shavelson (1958)
  • Quel tipo di donna, regia di Sidney Lumet (1959)
  • Il diavolo in calzoncini rosa, regia di George Cukor (1960)
  • Olympia, regia di Michael Curtiz (1960)
  • La baia di Napoli, regia di Melville Shavelson (1960)
  • La miliardaria, regia di Anthony Asquith (1960)
  • La ciociara, regia di Vittorio De Sica (1960)
  • El Cid, regia di Anthony Mann (1961)
  • Madame Sans-Gêne, regia di Christian-Jaque (1961)
  • Boccaccio '70, regia di Vittorio De Sica (Episodio La riffa) (1962)
  • Il coltello nella piaga, regia di Anatole Litvak (1962)
  • I sequestrati di Altona, regia di Vittorio De Sica (1962)
  • Ieri, oggi, domani, regia di Vittorio De Sica (1963)
  • Matrimonio all'italiana, regia di Vittorio De Sica (1964)
  • La caduta dell'impero romano, regia di Anthony Mann (1964)
  • Operazione Crossbow, regia di Michael Anderson (1965)
  • Lady L, regia di Peter Ustinov (1965)
  • Judith, regia di Daniel Mann (1966)
  • Arabesque, regia di Stanley Donen (1966)
  • La contessa di Hong Kong, regia di Charlie Chaplin (1967)
  • C'era una volta..., regia di Francesco Rosi (1967)
  • Questi fantasmi, regia di Renato Castellani (1967)
  • I girasoli, regia di Vittorio De Sica (1970)
  • La moglie del prete, regia di Dino Risi (1970)
  • La mortadella, regia di Mario Monicelli (1971)
  • Bianco, rosso e..., regia di Alberto Lattuada (1972)
  • L'uomo della Mancha, regia di Arthur Hiller (1972)
  • Il viaggio, regia di Vittorio De Sica (1974)
  • Breve incontro, regia di Alan Bridges (Film TV) (1974)
  • L'accusa è: violenza carnale e omicidio, regia di André Cayatte (1974)
  • La pupa del gangster, regia di Giorgio Capitani (1975)
  • Cassandra Crossing, regia di George Pan Cosmatos (1976)
  • Una giornata particolare, regia di Ettore Scola (1977)
  • Angela, regia di Boris Sagal (1978)
  • Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova, si sospettano moventi politici, regia di Lina Wertmüller (1978)
  • Obiettivo Brass, regia di John Hough (1978)
  • Bocca da fuoco, regia di Michael Winner (1979)
  • Qualcosa di biondo, regia di Maurizio Ponzi (Film TV) (1984)
  • Madre Coraggio (Film TV) (1986)
  • Mamma Lucia, regia di Stuart Cooper (Miniserie TV) (1988)
  • La ciociara, regia di Dino Risi (Film TV) (1989)
  • Sabato, domenica e lunedì, regia di Lina Wertmüller (Film TV) (1990)
  • Prêt-à-Porter, regia di Robert Altman (1994)
  • That's Amore - Due improbabili seduttori, regia di Howard Deutch (1995)
  • Soleil, regia di Roger Hanin (1997)
  • Francesca e Nunziata, regia di Lina Wertmüller (Film TV) (2001)
  • Cuori estranei, regia di Edoardo Ponti (2002)
  • La terra del ritorno, regia di Jerry Ciccoritti (Film TV) (2004)
  • Peperoni ripieni e pesci in faccia, regia di Lina Wertmüller (2004)
  • Nine, regia di Rob Marshall (2009)
  • La mia casa è piena di specchi, regia di Vittorio Sindoni (Miniserie TV) (2010)
  • Cars 2, regia di Brad Lewis e John Lasseter (Film d'animazione) (Voce) (2011)
  • La voce umana, regia di Edoardo Ponti (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *