Silvana Pampanini

Attrice cinematografica italiana molto nota fra gli anni cinquanta e sessanta, Silvana Pampanini è stata un'interprete di molte pellicole interessanti all'interno del panorama cinematografico italiano.

Silvana Pampanini: più corteggiatori che mal di testa

(Roma, 25 settembre 1925 – Roma, 6 gennaio 2016)

Silvana Pampanini primo pianoSpontanea, bella, effervescente, sensuale, Silvana Pampanini è una delle prime interpreti italiane diventate famose in tutto il mondo. Adulata da personaggi importanti come il capo di stato venezuelano Jimenez e Fidel Castro, l’attrice ha affermato di aver avuto ‘più corteggiatori che mal di testa’.

Nipote della celebre cantante lirica Rosetta Pampanini, Silvana nasce a Roma il 25 settembre del 1925 da genitori veneti. Studia al conservatorio musicale di Santa Cecilia, oltre a diplomarsi all'istituto magistrale. Nel 1946 una sua maestra di canto la iscrive al concorso di Miss Italia, che vince ‘ex aequo’ insieme a Rossana Martini, soprattutto per l’appoggio favorevole del pubblico. Quest’importante vetrina le apre le porte del cinema, dove lavora specialmente in film musicali, grazie alle sue doti canore e al sostegno del padre che, se in un primo momento è scontento della carriera della figlia, ben presto diventa il suo agente.

Gli anni cinquanta come gli anni più prolifici di Silvana Pampanini

Debutta sul grande schermo con “L'apocalisse” (1946) di Giuseppe Maria Scotese, ma acquista notorietà con “I pompieri di Viggiù” (1949) di Mario Mattoli.

Nel corso degli anni Cinquanta si afferma come una delle attrici più conosciute del cinema italiano, ancor prima della Loren e della Lollobrigida, sebbene non sarà mai apprezzata dalla critica e non riceverà mai premi. Lavora in pellicole come “47 morto che parla” (1950) di Carlo Ludovico Bragaglia, dove recita accanto a Totò, che la corteggia costantemente durante le riprese; “Bellezze in bicicletta” (1950) di Carlo Campogalliani, dove duetta con Delia Scala; “O.K. Nerone” (1951) suo primo successo internazionale diretto da Mario Soldati; il drammatico “Processo alla città” (1952) di Luigi Zampa, in cui recita accanto ad Amedeo Nazzari; “La peccatrice dell'isola” (1952) di Sergio Corbucci, “La tratta delle bianche” (1952) di Luigi Comencini, “La presidentessa” (1952) di Pietro Germi, l’indimenticabile “Un giorno in pretura” (1954) di Steno, “Allegro squadrone” (1954) di Paolo Moffa, con Paolo Stoppa, Vittorio De Sica e Alberto Sordi; “La bella di Roma” (1955) di Luigi Comencini, ancora con Paolo Stoppa e Alberto Sordi e “La strada lunga un anno” (1958) di Giuseppe De Santis, candidato all’Oscar e vincitore del Golden Globe come Miglior Film Straniero.

Silvana Pampanini: l'esordio alla regia

Silvana Pampanini biografiaEsordisce alla regia nel 1958 con il cortometraggio documentaristico “Melodie a Sant’Agata”, dedicato a Giuseppe Verdi.

L’attrice non disdegna il lavoro per la radio e la TV, partecipando a trasmissioni all’epoca sperimentali e presenziando a eventi come presentatrice o madrina. È lei a lanciare nel 1956 il mago Silvan al quale dà il nome d'arte.

Sentimentalmente si vocifera su diverse possibili relazioni, ma lei afferma che il suo più grande amore, non appartenente al mondo dello spettacolo, è morto a un mese dalle nozze. L’attrice non si sposerà mai, nonostante le innumerevoli proposte di matrimonio. Si scontra spesso con i produttori e in particolare con Morris Ergas, uno dei più importanti dell’epoca che, sedotto e abbandonato, farà di tutto per rovinarle la carriera.

I lavori in Francia e all'estero di una diva al tramonto

Nel corso degli anni Sessanta diminuisce la sua attività cinematografica, non riesce a concretizzare ingaggi a Hollywood, ma lavora in altri paesi come Francia, dove viene chiamata Ninì Pampan, Messico, Spagna, Jugoslavia e Argentina.

È una diva al tramonto nel film di Dino Risi “Il gaucho” (1964), dopodiché, nel 1966 si ritira dal cinema per stare accanto agli anziani genitori fino alla loro morte.

Per la RAI torna a recitare in una commedia di Flaubert nel 1970 e, nel 1999, è la madre di Alba Parietti nella miniserie Mediaset “Tre stelle”. Infine interpreta se stessa nella pellicola “Il tassinaro” (1983) diretta da Alberto Sordi.
La vediamo nel 2002 a Domenica In, programma condotto da Mara Venier che lascia dopo soli due mesi di presenza.

Nel 2004 viene pubblicata “Scandalosamente perbene”, autobiografia in cui si paragona a Greta Garbo e ha dialoghi immaginari con artisti come Neruda, Garcia Lorca o Prevert.

Roberta D’Amico

Silvana Pampanini Filmografia - Cinema

Silvana Pampanini B/N

  • L'apocalisse, regia di Giuseppe Maria Scotese (1946)
  • Il segreto di don Giovanni, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
  • Arrivederci, papà!, regia di Camillo Mastrocinque (1947)
  • Il barone Carlo Mazza, regia di Guido Brignone (1948)
  • Lo sparviero del Nilo, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
  • Marechiaro, regia di Giorgio Ferroni (1949)
  • Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
  • Antonio di Padova, regia di Pietro Francisci (1949)
  • I pompieri di Viggiù, regia di Mario Mattoli (1949)
  • Il richiamo nella tempesta, regia di Oreste Palella (1950)
  • È arrivato il cavaliere, regia di Steno, Mario Monicelli (1950)
  • Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani (1950)
  • 47 morto che parla, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1950)
  • L'inafferrabile 12, regia di Mario Mattoli (1950)
  • La bisarca, regia di Giorgio Simonelli (1950)
  • Tizio, Caio, Sempronio, regia di Marcello Marchesi, Vittorio Metz e Alberto Pozzetti (1951)
  • O.K. Nerone, regia di Mario Soldati (1951)
  • Ha fatto 13, regia di Carlo Manzoni (1951)
  • Una bruna indiavolata, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1951)
  • Io sono il Capataz, regia di Giorgio Simonelli (1951)
  • La paura fa 90, regia di Giorgio Simonelli (1951)
  • Processo alla città, regia di Luigi Zampa (1952)
  • La peccatrice dell'isola, regia di Sergio Corbucci (1952)
  • Miracolo a Viggiù, regia di Luigi Giachino (1952)
  • Canzoni di mezzo secolo, regia di Domenico Paolella (1952)
  • Le avventure di Mandrin, regia di Mario Soldati (1952)
  • La donna che inventò l'amore, regia di Ferruccio Cerio (1952)
  • La tratta delle bianche, regia di Luigi Comencini (1952)
  • La presidentessa, regia di Pietro Germi (1952)
    Viva il cinema!, regia di Enzo Trapani (1952)
  • Vortice, regia di Raffaello Matarazzo (1953)
  • Noi cannibali, regia di Antonio Leonviola (1953)
  • Un marito per Anna Zaccheo, regia di Giuseppe De Santis (1953)
  • Canzoni, canzoni, canzoni, regia di Domenico Paolella (1953)
  • Koenigsmark, regia di Solange Térac (1953)
  • Bufere, regia di Guido Brignone (1953)
  • L'incantevole nemica, regia di Claudio Gora (1953)
  • La schiava del peccato, regia di Raffaello Matarazzo (1954)
  • La principessa delle Canarie, regia di Paolo Moffa (1954)
  • Un giorno in pretura, regia di Steno (1954)
  • Allegro squadrone, regia di Paolo Moffa (1954)
  • Amori di mezzo secolo, regia di Mario Chiari (1954) (episodio "Dopoguerra 1920")
  • Il matrimonio, regia di Antonio Petrucci (1954)
  • Orient Express, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1954)
  • Canzoni di tutta Italia, regia di Domenico Paolella (1955)
  • La torre del piacere, regia di Abel Gance (1955)
  • La bella di Roma, regia di Luigi Comencini (1955)
  • Racconti romani, regia di Gianni Franciolini (1955)
  • Kyriakatikoi iroes (1956)
  • La legge della strada, regia di Ralph Habib (1956)
  • Saranno uomini, regia di Silvio Siano (1957)
  • Melodie a Sant'Agata (1958) (cortometraggio documentaristico, anche regista)
  • La strada lunga un anno, regia di Giuseppe De Santis (1958)
  • Sed de amor (1959)
  • Il terrore dei mari, regia di Domenico Paolella (1961, anche sceneggiatrice)
  • Mariti a congresso, regia di Luigi Filippo D'Amico (1961)
  • La spada dell'Islam, regia di Enrico Bomba e Andrew Marton (1961)
  • Napoleoncito (1964)
  • Il gaucho, regia di Dino Risi (1964)
  • Mondo pazzo... gente matta!, regia di Renato Polselli (1966)
  • Tres mil kilometros de amor (1967)
  • Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?, regia di Mariano Laurenti (1971)
  • Il candidato, regia di Maurizio Scaparro (1971)
  • Il Tassinaro, regia di Alberto Sordi (1983)
  • Tiburzi, regia di Paolo Benvenuti (1996)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *