Sergio Castellitto

Attore, regista e sceneggiatore italiano, Sergio Castellitto è riuscito ad affermarsi come attore e regista, ottenendo consensi unanimi di pubblico e critica. La sua carriera è sempre stata aperta a settori differenti tra loro, ma sempre percorrendo quella linea indipendente che si snoda in storie mai banali, senza stereotipi o schemi. E' da inserire tra quel gruppo di miti che hanno segnato la storia del cinema italiano.

Sergio Castellitto: “l’uomo delle stelle”

(Roma, 18 agosto 1953)

Sergio Castellitto photoshootSergio Castellitto è molto di più di un semplice attore: ha infatti mostrato le sue doti anche come sceneggiatore e regista cinematografico. Nato a Roma il 18 agosto del 1953, Sergio Castellitto lavora dapprima in una società di distribuzione di giornali, per poi dedicarsi alla recitazione iscrivendosi, senza terminare gli studi, all'Accademia Nazionale d’Arte Drammatica.

Nonostante ciò sale sul palcoscenico passando dalla porta principale e, a teatro, è diretto nel corso degli anni Ottanta da importanti registi come Luigi Squarzina, Aldo Trionfo ed Enzo Muzzi.

Sergio Castellitto: l'esordio al cinema passa prima dal teatro

Intanto esordisce al cinema in film come “Carcerato”(1981) con Aldo Giuffré e Mario Merola; “Il generale dell’armata morte” (1983) con Michel Piccoli e Marcello Mastroianni; “Magic Moments” (1984) con Stefania Sandrelli; e “La famiglia” (1986) con Vittorio Gassman, Stefania Sandrelli e Fanny Ardant.

L’anno dopo convola a nozze con la scrittrice e attrice Margaret Mazzantini (conosciuta durante la messa in scena de “Le tre sorelle” di Cechov), dalla quale avrà quattro figli e con cui collaborerà professionalmente in svariate occasioni.

Una presenza sempre più imponente tra pellicole e televisione

Poi è protagonista de “La parete della stanza accanto” (1987), di cui cura anche la sceneggiatura, e di “Sembra morto… ma è solo svenuto” (1987). Dopo “Paura e amore” (1988) di Margarethe Von Trotta, con Fanny Ardant e Valeria Golino, è diretto da Luc Besson in “Le Grand Bleu” (1988), per poi lavorare con Richy Tognazzi, per la prima volta dietro la macchina da presa, in “Piccoli equivoci” (1989).

La sua presenza si fa forte anche in televisione grazie al successo delle tre serie di “Un cane sciolto” (1990 – 1992) di Giorgio Capitani. Seguono: “Stasera a casa di Alice” (1990) di e con Carlo Verdone; “La carne” (1991) di Marco Ferreri con Francesca Dellera; il biografico “Rossini! Rossini!” (1991) di Mario Monicelli; e il commovente “Il grande cocomero” (1993) di Francesca Archibugi, in cui vengono messe in luce, attraverso una storia commovente, le inadeguatezze delle strutture italiane per ciò che concerne le malattie mentali.

Il trasformista Castellitto: da "Padre Pio" a "L'ultimo bacio"

Questa interpretazione gli vale il Nastro d’Argento, che ottiene nuovamente con “L’uomo delle stelle” (1995) di Giuseppe Tornatore. Sempre nel 1995 offre un’altra splendida prova in “Il grande Fausto”, mentre nel 1999 esordisce alla regia con “Libero burro” con Margaret Mazzantini. Intanto nel 1996 è per la prima volta regista teatrale per “Manola”, scritta e interpretata da Margaret Mazzantini e da Nancy Brilli.

Nel 2000 si cala egregiamente nei panni di Padre Pio, nell'omonima fiction diretta da Carlo Carlei, ed è nel cast de “L’ultimo bacio” di Gabriele Muccino; nel 2001 diventa sarto ebreo per Ettore Scola in “Concorrenza sleale”; fa innamorare tra i fornelli un’algida Martina Gedeck in “Ricette d’amore” ed è protagonista di “Chi lo sa?” di Jacques Rivette. Nel 2002 lo troviamo impegnato ne “L’ora di religione” di Marco Bellocchio, che lo dirigerà nuovamente nel 2006 ne “Il regista di matrimoni”.

La sua interpretazione migliore in "Non ti muovere", successo internazionale

L’anno dopo si cala nei panni del professore ingenuo e invadente in “Caterina va in città” di Paolo Virzì; mentre nel 2004 ottiene il David di Donatello per quella che forse è la sua interpretazione migliore, in “Non ti muovere” da lui diretto e tratto da un romanzo della moglie. Particolarmente affiatato il cast, che include una Penelope Cruz bravissima, imbruttita e tenera in un ruolo per lei insolito e una Claudia Gerini, pienamente in parte. Lo stesso anno è impegnato a teatro con “Zorro”, tratto da un’altra storia della Mazzantini.

Una carrellata di pellicole, Castellitto impegnato in veste di attore ma anche come regista affermato

Nel 2006 partecipa all'episodio di Isabelle Coixet “Paris je t’aime” ed è protagonista per Gianni Amelio dell’impegnato “La stella che non c’è”. Seguono: “O’ professore” (2007); l’internazionale “Le cronache di Narnia: Il principe Caspian” (2008); “Italians” (2009) di Giovanni Veronesi, dove duetta con Riccardo Scamarcio; “Questione di punti di vista” (2009) dove lavora nuovamente con Jacques Rivette. Torna ancora alla regia con “La bellezza del somaro” (2010) con Laura Morante e con “Venuto al mondo” (2011) dove ritrova Penelope Cruz.

Nel 2012 viene diretto a sua volta da Paolo Genovese nella commedia “Una famiglia perfetta”, la storia di un uomo solo che decide di ‘affittare’ una famiglia, formata da attori di vario genere.

Sergio Castellitto Filmografia - Cinema

Sergio Castellitto filmografia

  • Tre fratelli, regia di Francesco Rosi (1981)
  • Carcerato, regia di Alfonso Brescia (1981)
  • Il generale dell'armata morta, regia di Luciano Tovoli (1983)
  • Magic moments, regia di Luciano Odorisio (1984)
  • Sembra morto... ma è solo svenuto, regia di Felice Farina (1985)
  • Giovanni Senzapensieri, regia di Marco Colli (1985)
  • Tu sei differente, regia di Alberto Taraglio (1985)
  • Dolce assenza, regia di Claudio Sestieri (1986)
  • La famiglia, regia di Ettore Scola (1987)
  • Paura e amore, regia di Margarethe Von Trotta (1987)
  • Il mistero del panino assassino, regia di Giancarlo Soldi (1987)
  • Le grand bleu, regia di Luc Besson (1988)
  • Piccoli equivoci, regia di Ricky Tognazzi (1989)
  • Tre colonne in cronaca, regia di Carlo Vanzina (1990)
  • Una fredda mattina di maggio, regia di Vittorio Sindoni (1990)
  • Stasera a casa di Alice, regia di Carlo Verdone (1990)
  • I taràssachi, regia di Rocco Mortelliti, Fulvio Ottaviano e Francesco Ranieri Martinotti (1990)
  • In viaggio con Alberto (Alberto Express), regia di Arthur Joffé (1990)
  • Rossini! Rossini!, regia di Mario Monicelli (1991)
  • La carne, regia di Marco Ferreri (1991)
  • Nero, regia di Giancarlo Soldi (1992)
  • Nessuno, regia di Francesco Calogero (1992)
  • Il grande cocomero, regia di Francesca Archibugi (1993)
  • Toxic affair, regia di Philippe Esposito (1993)
  • Con gli occhi chiusi, regia di Francesca Archibugi (1994)
  • L'uomo delle stelle, regia di Giuseppe Tornatore (1995)
  • Silenzio si nasce, regia di Giovanni Veronesi (1996)
  • Hotel Paura, regia di Renato De Maria (1996)
  • Le cri de la soie, regia di Yvon Marciano (1996)
  • Portrait chinois, regia di Martine Dugowson (1996)
  • Quadrille, regia di Valérie Lemercier (1997)
  • Pronto, regia di Jim McBride (1997)
  • Que la lumière soit, regia di Arthur Joffé (1998)
  • À vendre - In vendita, regia di Laetitia Masson (1998)
  • Libero Burro, regia di Sergio Castellitto (1999)
  • Il partigiano Johnny, regia di Guido Chiesa (2000)
  • Victoire, ou la douleur des femmes, regia di Nadine Trintignant (2000)
  • Chi lo sa?, regia di Jacques Rivette (2000)
  • Concorrenza sleale, regia di Ettore Scola (2001)
  • L'ultimo bacio, regia di Gabriele Muccino (2001)
  • Ricette d'amore, regia di Sandra Nettelbeck (2001)
  • Segreti di famiglia, regia di Dennis Berry (2002)
  • L'ora di religione, regia di Marco Bellocchio (2002)
  • Caterina va in città, regia di Paolo Virzì (2003)
  • Non ti muovere, regia di Sergio Castellitto (2004)
  • Ne quittez pas!, regia di Arthur Joffé (2004)
  • Paris, je t'aime, regia di Isabel Coixet (2006)
  • Il regista di matrimoni, regia di Marco Bellocchio (2006)
  • La stella che non c'è, regia di Gianni Amelio (2006)
  • Le cronache di Narnia - Il principe Caspian, regia di Andrew Adamson (2008)
  • Italians, regia di Giovanni Veronesi (2009)
  • Tris di donne e abiti nuziali, regia di Vincenzo Terracciano (2009)
  • Questione di punti di vista, regia di Jacques Rivette (2009)
  • Alza la testa, regia di Alessandro Angelini (2009)
  • La bellezza del somaro, regia di Sergio Castellitto (2010)
  • Venuto al mondo, regia di Sergio Castellitto (2012)
  • Una famiglia perfetta, regia di Paolo Genovese (2012)
  • La buca, regia di Daniele Ciprì (2014)
  • Piccoli crimini coniugali, regia di Alex Infascelli (2017)

Sergio Castellitto Filmografia - Televisione

  • Le singolari avventure di Francesco Maria (Serie TV), regia di Enzo Muzii (1982)
  • Western di cose nostre (Serie TV), regia di Pino Passalacqua (1983)
  • Nontuttorosa (Serie TV), regia di Amanzio Todini (1986)
  • Un siciliano in Sicilia, regia di Pino Passalacqua (1987)
  • La parete della stanza accanto, regia di Carlo Di Carlo (1987)
  • Amore a cinque stelle, regia di Roberto Giannarelli (1988)
  • Cinema!, regia di Luigi Magni (1988)
  • Come stanno bene insieme, regia di Vittorio Sindoni (1989)
  • Un cane sciolto, regia di Giorgio Capitani (1990)
  • Un cane sciolto 2, regia di Giorgio Capitani (1991)
  • Un cane sciolto 3, regia di Giorgio Capitani (1992)
  • Il Grande Fausto, regia di Alberto Sironi (1995)
  • Don Milani il priore di Barbiana, regia di Antonio e Andrea Frazzi (1997)
  • Padre Pio, regia di Carlo Carlei (2000)
  • Ferrari, regia di Carlo Carlei (2003)
  • Maigret, regia di Renato De Maria (2004)
  • Fuga per la libertà - L'aviatore, regia di Carlo Carlei (2008)
  • 'O professore, regia di Maurizio Zaccaro (2008)
  • In Treatment (Serie TV) (2013)
  • Il sindaco pescatore (2016)

Sergio Castellitto Filmografia - Regista

  • Libero Burro (1999)
  • Non ti muovere (2004)
  • La bellezza del somaro (2010)
  • Venuto al mondo (2012)
  • Nessuno si salva da solo (2015)
  • Fortunata (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *