Safari

  • Regia: Ulrich Seidl
  • Genere: Documentario, colore
  • Durata: 90 minuti
  • Produzione: Austria, Danimarca, Germania, 2016
  • Distribuzione: Lab 80 Film
  • Data di uscita: 1 settembre 2017

Safari LocandinaDal sapore inconfondibile dato dal tocco austero e critico del noto regista australiano Ulrich Seidl, "Safari" entra a pieni voti nel panorama controverso dell'artista, che continua - anche con questa pellicola - a sviscerare in tono irriverente, i segreti più oscuri e inquietanti che, secondo lui, infestano l'Austria e tutta la comunità dei suoi cittadini.

In seguito a pellicole che denunciavano il famoso e quanto mai fruttuoso costume del turismo sessuale in "Paradise: Love" e dopo aver passato in rassegna il mondo della cantine austriache in "In The Basement"; lo sguardo di Seidl si sposta nella Savana, alla ricerca di una nuova affascinante figura da analizzare: il cacciatore a pagamento.

Safari: lo sguardo critico su di una nazione

Al fianco di una quasi impossibile integrazione con il pensiero della madre patria, vi è l'intransigente e iracondo punto di vista del regista, profondamente impegnato nell'intento di voler mostrare al mondo i raccapriccianti usi e costumi di una nazione che in modo assolutamente ingenuo e apparentemente sprezzante delle regole ambientali, si ostina a promuovere un commercio aberrante che lucra rendendo ludica un'attività illegale, quale può essere l'abbattimento di animali protetti e in via di estinzione (impala, gnu, zebre, giraffe ed elefanti), avendo come aggravante il puro fine del divertimento.

Sullo schermo, con oggettività e freddezza, immagini di carcasse di animali appena abbattuti, ritratti in foto ricordo di cattivo gusto, per il diletto dei turisti paganti. La riflessione continua - seppure attraverso un codice narrativo più velato, ma altrettanto severo - trattando il tema coloniale, gli scomodi rapporti tra Occidente e Terzo Mondo e l'interminabile e mai sorpassata guerra tra ricchi e poveri, accompagnata da un humour oscuro ed inquietante, che rende la visione ancora più sconvolgente.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *