Ray Liotta

Attore statunitense, Ray Liotta è capace di cambiare genere e ruoli con molta facilità, per questo molto apprezzato

Ray Liotta, da 'bravo ragazzo' a poliziotto corrotto

(Newark, 18 dicembre 1954)

Ray Liotta Biografia

Nato a Newark, a pochi chilometri dalla sfavillante New York, Ray Liotta è adottato dalla famiglia Vidimarli a soli sei mesi dalla nascita a causa della dipartita dei genitori, di origine italo-americana, Mary e Alfred. Per pagarsi gli studi, presso la Miami University, durante il liceo si impegna in lavori part-time fin anche ad esercitare la professione di becchino presso il cimitero locale. Ma gli sforzi pagano e Liotta riesce a frequentare i corsi di recitazione all’Università dove conoscerà anche il suo migliore amico, nonché collega, Steven Bauer.

È proprio grazie a quest’ultimo che nel 1986, dopo una lunga gavetta fatta di serie televisive, musical e soap opera, ottiene una parte in “Qualcosa di travolgente” di Jonathan Demme, in cui è protagonista Melanie Griffith, sposata in quegli anni con Bauer. Il mondo iridato di Hollywood gli apre le porte con la nomination ai Golden Globe del 1987 come Miglior Attore non Protagonista. Nonostante ciò Liotta non si crea problemi nell’accettare ruoli minori in film come “Nick e Gino” (1988), e “L’uomo dei sogni” (1989) dove recita al fianco di Kevin Costner e cerca di scrollarsi di dosso l’immagine di attore legato al mondo delle crime story.

Ray Liotta, il primo ruolo da protagonista

Nel 1990 arriva il primo ruolo da protagonista, e a sceglierlo in tale veste è Martin Scorsese, per il film “Quei bravi ragazzi”. Il suo personaggio però è legato al mondo della mafia e della criminalità, interpreta infatti un irlandese che, emigrato negli Stati Uniti, cerca di emergere nel mondo mafioso locale. Per allontanarsi dallo stereotipo in cui rischia di incorrere nel 1992 dà vita ad un poliziotto squilibrato in “Abuso di potere” e rispolvera il suo lato romantico in “Una moglie per papà” (1994). L’anno successivo è sul set di “Quando gli elefanti volano” mentre nel 1997 partecipa al film “Cop Land”. Sempre nel 1997 convola a nozze con Michelle Grace, da cui si separerà dopo sette anni, e dalla quale avrà una figlia, Karsen Liotta.

Nel 2001 in “Blow” si cala nei panni del padre di Johnny Depp nella ricostruzione della vita dello spacciatore George Jung, tratta dal romanzo di Bruce Porter. Ancora nel 2001 si dedica alla commedia in puro stile americano al fianco di Jennifer Love Hewitt dal titolo “Hearthbrakes – Vizi di famiglia”. Sempre nello stesso anno recita inoltre in “Hannibal” dove è diretto da Ridley Scott. Nel 2002 compare in tre film: “Punto d’origine”, “Narc – Analisi di un delitto” e “ “John Q” di Nick Cassavetes con Denzel Washington.

Un successo dopo l'altro per Ray Liotta

Nel 2004 partecipa alla produzione di “Control” e nel 2005 in quella di “Revolver”. Nel 2007 dà la voce ad uno dei personaggi del cartone animato in 3D “Bee Movie” e gira il film di Walt Becker “Svalvolati on the road”, con John Travolta, Tim Allen e Martin Lawrence, che racconta il viaggio in moto attraverso la California di quattro bikers in crisi di mezza età. Nel 2008 recita invece in tre film: “Hero Wanted”, “In The Name of The King”, “Chasing 3000” mentre nel 2009 in “Crossing Over”. Nel 2010 è di nuovo sul grande schermo nei film: “Youth in Revolt”, "Crazy on the Outside", "Snowmen" e "Charlie St. Cloud" al fianco di Zac Efron.

Nel 2011 torna a vestire i panni del poliziotto, ruolo che gli è congeniale in “The Son of No One” di Dito Montiel,  e l’anno dopo non rinuncia al genere thriller comparendo in “Cogan - Killing Them Softly” di Andrew Dominik con Brad Pitt nei panni di un killer assoldato dalla mafia. Non perde il vizio di vestire la divisa in “Come un tuono” di Derek Cianfrance nel 2012, in cui viene smascherato dal compagno Bradley Cooper.

Nel 2014 cambia completamente genere, partecipando alle pellicole “Muppets Most Wanted”, per la regia di James Bobin, “Sin City – Una donna per cui uccidere”, adattamento cinematografico della graphic novel “Una donna per cui uccidere” di Frank Miller, “La formula della felicità” e “Stretch”, diretto da Joe Carnahan.

Eva Carducci

Ray Liotta Filmografia - Cinema

Ray Liotta Filmografia

  • Il prezzo del successo, regia di Peter Sasdy (1983)
  • Qualcosa di travolgente, regia di Jonathan Demme (1987)
  • Nick e Gino, regia di Robert M. Young (1988)
  • L’uomo dei sogni, regia di Phil Alden Robinson (1989)
  • Quei bravi ragazzi, regia di Martin Scorsese (1990)
  • Abuso di potere, regia di Jonathan Kaplan (1992)
  • Articolo 99, regia di Howard Deutch (1992)
  • Fuga da Absolom, regia di Martin Campbell (1994)
  • Una moglie per papà, regia di Jessie Nelson (1994)
  • Quando gli elefanti volavano, regia di Simon Wincer (1995)
  • Specchio della memoria, regia di John Dahl (1996)
  • Cop Land, regia di James Mangold (1997)
  • Turbulence – La paura è nell’aria, regia di Robert Butler (1997)
  • Phoenix – Delitto di polizia, regia di Robert Butler (1998)
  • Le due verità, regia di Paul Schrader (1999)
  • I Muppets venuti dallo spazio, regia di Tim Hill (1999)
  • La voce degli angeli, regia di Peter O’Fallon (2000)
  • Pilgrim – Il fuggitivo, regia di Harley Cokeliss (2000)
  • Blow, regia di Ted Demme (2001)
  • Hannibal, regia di Ridley Scott (2001)
  • Heartbreakers – Vizio di famiglia, regia di David Mirkin (2001)
  • Punto d’origine, regia di Newton Thomas Sigel (2002)
  • Narc – Analisi di un delitto, regia di Joe Carnahan (2002)
  • John Q, regia di Nick Cassavetes (2002)
  • Identità, regia di James Mangold (2003)
  • The Last Shot, regia di Jeff Nathanson (2004)
  • Control, regia di Tim Hunter (2004)
  • Revolver, regia di Guy Ritchie (2005)
  • Rivincita per due, regia di Bruce McCulloch (2006)
  • Doppia ipotesi per un delitto, regia di Wayne Beach (2006)
  • Smokin’ Aces, regia di Joe Carnahan (2006)
  • Even Money, regia di Mark Rydell (2006)
  • Svalvolati on the road, regia di Walt Becker (2007)
  • Bee Movie, regia di Steve Hickner e Simon J. Smith (voce) (2007)
  • Battle in Seattle – Nessuno li può fermare, regia di Stuart Townsend (2007)
  • Hero Wanted, regia di Brian Smrz (2008)
  • In the Name of the King, regia di Uwe Boll (2008)
  • Chasing 3000, regia di Gregory J. Lanesey (2008)
  • La linea, regia di James Cotten (2009)
  • Powder Blue, regia di Timothy Linh Bui (2009)
  • Crossing Over, regia di Wayne Kramer (2009)
  • Observe and Report, regia di Jody Hill (2009)
  • Youth in Revolt, regia di Miguel Arteta (2009)
  • Snowmen, regia di Robert Kirbyson (2010)
  • Ricomincio da zero, regia di Tim Allen (2010)
  • Notte folle a Manhattan, regia di Shawn Levy (2010)
  • Segui il tuo cuore, regia di Burr Steers (2010)
  • The Son of No One, regia di Dito Montiel (2011)
  • The Details, regia di Jacob Aaron Estes (2011)
  • La notte non aspetta 2 – Strade violente, regia di Chris Fisher (2011)
  • Nudi e felici, regia di David Wain (cameo) (2012)
  • Cogan – Killing Them Softly, regia di Andrew Dominik (2012)
  • The Iceman, regia di Ariel Vromen (2012)
  • Come un tuono, regia di Derek Cianfrance (2012)
  • Pawn, regia di David A. Armstrong (2013)
  • Muppets Most Wanted, regia di James Bobin (2014)
  • Sin City – Una donna per cui uccidere, regia di Robert Rodríguez con Frank Miller (2014)
  • La formula della felicità, regia di Geoff Moore con David Posamentier (2014)
  • Stretch, regia di Joe Carnahan (2014)
  • La regola del gioco (Kill the Messenger), regia di Michael Cuesta (2014)
  • Go with Me, regia di Daniel Alfredson (2015)
  • Blackway, regia di Daniel Alfredson (2015)

Ray Liotta Filmografia - Televisione

  • Destini (Serial TV, 8 puntate) (1978-1981)
  • A cuore aperto (Serie TV, episodio 1×09) (1983)
  • Casablanca (Serie TV, 5 episodi) (1983)
  • L’onore della famiglia (Serie TV, 10 episodi) (1985)
  • Rat Pack – Da Hollywood a Washington, regia di Rob Cohen (Film TV) (1998)
  • E.R. – Medici in prima linea (Serie TV, episodio 11×06) (2004)
  • Smith (Serie TV, 7 episodi) (2006-2007)
  • Hannah Montana (Serie TV, episodio 4×02) (2010)
  • Texas Rising – miniserie TV (2015)
  • Shades of Blue - serie TV,26 episodi (2016-in corso)
  • Modern Family - serie TV, episodio 7x10 (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *