Park Chan-wook

Regista e sceneggiatore sudcoreano, studia filosofia all'università e fonda, insieme ad altri studenti, un circolo cinematografico, il "Film Gang", provvisto di una ricchissima videoteca. Inizia così la carriera di 'scrittore' di Park Chan-wook , dedicandosi alla stesura di articoli, saggi e recensioni, con particolare attenzione al cinema contemporaneo. Lavorerà in seguito come critico cinematografico per diverse riviste e giornali, ma il suo desiderio di intraprendere la carriera di regista lo spingerà fino ai set cinematografici.

Park Chan-wook: il “Mr. Vendetta” sudcoreano

(Seul, 23 agosto 1963)

Park-Chan-wookÈ uno dei registi e sceneggiatori sudcoreani più apprezzati dalla critica internazionale e dal pubblico di tutto il mondo che considera alcuni suoi film veri e propri cult. Laureato in Filosofia, Park Chan-wook esordisce dietro la macchina da presa dopo aver fatto diversi lavori, con “The Moon is The Sun's Dream” (1992), che tuttavia non ottiene il successo sperato, così come il successivo “Trio” (1997), realizzato in seguito a un periodo molto difficile da un punto di vista economico, durante il quale Park lavora in una videoteca e scrive articoli come critico e sceneggiature da presentare ai produttori.

Park Chan-wook: la passione covata per il cinema, nata dai film di Hitchcock

Nonostante il fallimento delle sue prime opere, la passione per la settima arte, nata dopo la visione del film di Hitchcock “La donna che visse due volte”, lo porta a persistere sulla sua strada e nel 1999 realizza il cortometraggio “The Judgement”, selezionato al Festival di Clermont-Ferrand.

Da questo momento in poi le cose iniziano a girare per il verso giusto. L’importante casa di produzione Myung Films gli propone di occuparsi dell’adattamento cinematografico del romanzo DMZ di Park Sang-yun. È così che grazie anche al considerevole budget a disposizione che Park ha la libertà di esprimere tutto il suo estro con “JSA: Joint Security Area” (2000), giallo politico, campione d’incassi in patria, nonché opera apprezzata anche all’estero.

La scrittura e la sceneggiatura: le grandi abilità di Park Chan-wook

Si dedica poi alla sceneggiatura ed entra a far parte della EGG Films, società fondata da lui e altri, grazie alla quale i registi vengono assunti per periodi a lunga scadenza e possono lavorare in assoluta libertà. La maggiore tranquillità raggiunta permette a Park Chan-wook di tornare su un progetto risalente a cinque anni prima ed è grazie a esso che prende vita l’estremo e violento “Sympathy for Mr. Vengeance”, uscito in Italia con il titolo di “Mr. Vendetta” (2002), primo film della cosiddetta Trilogia della Vendetta.

Il lungometraggio "Oldboy", dove il regista porta temi difficili della prigionia e della vendetta

Partecipa poi al collettivo “If You Were Me” (2003), con l’episodio “N.E.P.A.L.” (Never Ending Peace And Love), per tornare poi lo stesso anno sul tema a lui più caro con “Oldboy” (seconda pellicola sulla vendetta), dove la macchina da presa si fa portavoce degli stati d’animo del protagonista. Rapimento, prigionia e vendetta sono i tre movimenti principali da cui si dispiega il plot, vivacizzato da continui flashback, che alterano la linea temporale. Presentato al Festival di Cannes del 2004, il lungometraggio viene premiato con il Gran Premio della Giuria (presieduta quell’anno da Tarantino, che diventa un veroe proprio ammiratore del regista).

Park Chan-wook: regista apprezzato sia a Cannes che a Berlino

Park prosegue la sua carriera con l’episodio “Cut” del lungometraggio “Three... Extremis” (2004), per poi concludere nel 2005 la sua trilogia con “Lady Vendetta” (“Sympathy for Lady Vengeance”), dove ancora una volta l’azione cruenta della protagonista è mossa dalla necessità di giungere a una catarsi liberatoria. Il film partecipa in concorso alla 62a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, mentre l’anno dopo il regista, sempre al Festival di Venezia fa parte della giuria.

Il 2007 è invece la volta del Festival di Berlino con “I'm a Cyborg, But That's OK” (2006), mai distribuito in Italia, dove alla violenza si sostituisce una narrazione poetica e ancora una volta originale. Nel 2009 lavora al film "Thirst" incentrato sulla figura di un sacerdote che, dopo essersi sottoposto a un delicato esperimento scientifico, si ritrova trasformato in vampiro: una condizione che mette a dura prova il suo giuramento di castità tra continue tentazioni della carne e depravazioni varie.

Nel 2013 dirige il suo primo lungometraggio in lingua inglese "Stoker", storia di una relazione complicata tra zio e nipote.

Laura Calvo

Park Chan-wook Filmografia - Lungometraggi

  • Moon Is the Sun's Dream (1992)
  • Trio (1997)
  • JSA Joint Security Area (2000)
  • Mr. Vendetta (2002)
  • Old Boy (2003)
  • Lady Vendetta (2005)
  • I'm a Cyborg, But That's OK (2006)
  • Thirst (2009)
  • Stoker (2013)
  • Agassi (2016)

Park Chan-wook Filmografia - Cortometraggi

  • Judgement (1999)
  • If You Were Me (2003)
  • Three... Extremes (2004)
  • Night Fishing (2011)

Park Chan-wook Filmografia - Sceneggiatore

  • Moon Is... Sun's Dream (1992)
  • Trio (1997)
  • Judgement (1999)
  • Anarchists (2000)
  • Gongdonggyeongbigu-yeok JSA (2000)
  • The Humanist (2001)
  • Mr. Vendetta (2002)
  • Taekwon Girl (2002)
  • If You Were Me (2003)
  • Old Boy (2003)
  • Three... Extremes (2004)
  • Lady Vendetta (2005)
  • A Boy Who Went to Heaven (2005)
  • I'm a Cyborg, But That's OK (2006)
  • Crush and Blush (2008)
  • Thirst (2009)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *