Paolo Sorrentino

Paolo Sorrentino è un regista, sceneggiatore e scrittore italiano. È vincitore di un Premio Oscar, un Golden Globe, quattro European Film Awards, un Premio BAFTA, cinque David di Donatello e di sei Nastri d'argento. È considerato uno dei più importanti e conosciuti registi italiani a livello internazionale. Nel 2010 ha esordito nel mondo letterario con "Hanno tutti ragione", romanzo terzo classificato al Premio Strega 2010.

Paolo Sorrentino, il regista di 'grande bellezza'

(Napoli, 31 marzo 1970)

paolo-sorrentino

Creativo artista italiano, si muove tra grande e piccolo schermo come sceneggiatore per poi esordire come regista arrivando ai Festival di Cannes e Venezia dove il suo grande talento viene consacrato a livello internazionale. Paolo Sorrentino nasce a Napoli il 31 marzo del 1970 e, partendo dall’ambito della scrittura, coltiva e sviluppa una spiccata e personale passione per la macchina da presa.

Nel 1995 partecipa al Palermo Film Festival con “Un paradiso”, suo primo cortometraggio, diretto insieme a Stefano Russo. Lo stesso anno vive un’esperienza, da lui stesso definita negativa, come ispettore di produzione del film “Il Verificatore” di Stefano Incerti; lavora come aiuto-regista nel cortometraggio “Drogheria” di Maurizio Fiume; scrive, insieme a Silvestro Sentiero, la sceneggiatura per “Napoletani”, lungometraggio mai realizzato nonostante fosse il vincitore del Premio Solinas.

La vittoria dello stesso premio avviene nel 1997 con “Dragoncelli di fuoco”. Subito dopo, oltre alla scrittura di alcuni episodi della fiction televisiva “La Squadra” (2000), ha inizio la sua collaborazione con il regista Antonio Capuano nella sceneggiatura di “Polvere di Napoli” (1998).

Gli accordi con la Indago Film

Nel 1998 stringe stretti rapporti con la Indigo Film (produttrice successivamente di tutte le sue pellicole) con il cortometraggio, da lui scritto e diretto, “L’amore non ha confini”. Nello stesso periodo scrive con Umberto Contarello la sceneggiatura di “La voce dell’amore”, per un film, mai realizzato, sulla musica napoletana da affidare a Michele Placido.

Del 2001 è, invece, la sceneggiatura di “La notte lunga”, cortometraggio co-prodotto dalla Regione Lombardia nell’ambito di una campagna contro la droga. Nello stesso anno l’esordio come sceneggiatore e regista del suo primo lungometraggio, “L’uomo in più”, che, presentato al Festival di Venezia, ottiene grande successo e molti premi: il Nastro D’Argento per il Miglior Regista Esordiente, il Ciak D’Oro per la Migliore Sceneggiatura, tre candidature al David di Donatello 2002 e la Grolla d’Oro al protagonista Toni Servillo.

"Le conseguenze dell'amore" e il successo

Il sodalizio con quest’ultimo continua nel suo lavoro successivo: “Le conseguenze dell’amore” (2004) che,Paolo Sorrentino director presentato al Festival di Cannes, ottiene ancora grandi riconoscimenti: cinque David di Donatello (Miglior Film, Miglior Regia, Migliore Sceneggiatura, Migliore Attore Protagonista, Miglior Direttore della Fotografia) e tre Nastri D’Argento (Miglior Attore Protagonista, Miglior Attore non Protagonista, Miglior Direttore della Fotografia).

Nel 2005 è supervisore della regia di “Nature: Consuelo”, cortometraggio di Carlo Pisani, mentre sul piccolo schermo dirige l’ormai inseparabile attore Servillo, girando per Rai Due una versione televisiva di “Sabato, domenica e lunedì”, commedia di Eduardo De Filippo.

Nel 2006 si improvvisa persino attore comparendo in un breve cameo ne “Il Caimano”, film di Nanni Moretti. Nello stesso anno partecipa di nuovo al Festival di Cannes con “L’amico di famiglia” riscuotendo grande favore dalla critica.

Nel 2008 Toni Servillo è protagonista del suo nuovo lavoro cinematografico, “Il divo”, nei panni di Giulio Andreotti, che concorre ancora una volta a Cannes nell’ambito della selezione ufficiale. In questa occasione un'altra vittoria per il cineasta partenopeo: il Premio della Giuria e un grandissimo successo riscosso su tutti i fronti (critica italiana, internazionale e di pubblico).

Il grande successo e il trionfo agli Oscar

Nel 2009 si concentra sul tema della fiducia girando il corto “La partita lenta” per il progetto “Per Fiducia”, al quale partecipano anche Ermanno Olmi e Gabriele Salvatores. Dello stesso anno è il documentario “L’assegnazione delle tende”, sugli effetti del terremoto dell’Aquila 2009, realizzato per l’edizione online de “La Repubblica”. Nel 2010 Feltrinelli pubblica il suo libro: “Hanno tutti ragione”.

Tra i suoi progetti del 2012 vediamo un primo film in lingua inglese “This Must Be the Place” che ha come protagonista la star internazionale Sean Penn.

Nel 2013 torna dietro la macchina da presa con "La grande bellezza", pellicola con la quale, nell'anno seguente, vince il Golden Globe e il BAFTA ma soprattutto trionfa agli Oscar, conquistando l'ambita statuetta nella categoria Miglior Film Straniero.

Un nuovo film per Paolo Sorrentino nel 2015 dal titolo "Youth - La giovinezza", il secondo in lingua inglese dopo "This Must Be the Place". Un film dedicato a Francesco Rosi, che si ambienta prevalentemente in Svizzera.

Il 2016 invece è l'anno in cui sperimenta per la prima volta una serie tv che sarà prodotta da Sky, Canal + e HBO, "The Young Pope", che vede la magnifica partecipazione di  Jude Law, Diane Keaton e Silvio Orlando come protagonisti, che per le molte critiche positive è stata rinnovata per una seconda stagione, prevista per il 2017.

Elisa Cuozzo

Paolo Sorrentino Filmografia - Cinema

Paolo Sorerntino regista

 

  • Un paradiso (Cortometraggio) (1995)
  • L'amore non ha confini (Cortometraggio) (1998)
  • Polvere di Napoli, regia di Antonio Capuano (Sceneggiatura) (1998)
  • La squadra (Serie TV) (Sceneggiatura) (2000)
  • La notte lunga (Cortometraggio) (2001)
  • L'uomo in più (2001)
  • Le conseguenze dell'amore (2004)
  • L'amico di famiglia (2005)
  • Sabato, domenica e lunedì (Film TV) (2005)
  • Il caimano, regia di Nanni Moretti (Cameo) (2006)
  • Il divo (2008)
  • La partita lenta (Cortometraggio) (2009)
  • L'Aquila 2009 - Cinque registi tra le macerie (Cortometraggio) (2009)
  • Questione di cuore, regia di Francesca Archibugi (Cameo) (2009)
  • Boris (Serie TV) (Cameo) (2010)
  • Napoli 24 (Cortometraggio) (2010)
  • This Must Be the Place (2011)
  • La grande bellezza (2013)
  • Youth - La giovinezza (2015)

Paolo Sorrentino Filmografia - Televisione

  • Sabato, domenica e lunedì (2004) - da Eduardo De Filippo
  • Le voci di dentro (2014) - da Eduardo De Filippo
  • The Young Pope (2016) - 10 episodi

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *