My Name Is Adil

  • Regia: Adil Azzab, Andrea Pellizzer, Magda Rezene
  • Cast: Husam Azzab, Hamid Azzab, Adil Azzab, Hassan Azzab, Zilali Azzab, Mohamed Atiq, Ali Tatawi, Hanan Filali, Aicha Badraoui
  • Genere: Biografico, colore
  • Durata: 74 minuti
  • Produzione: Italia, Marocco, 2016
  • Distribuzione: Unisona
  • Data di uscita: 24 ottobre 2017

 

My Name is Adil locandina"My Name is Adil", girato tra Milano e la campagna marocchina, segue la storia di Adil, un bambino che vive nella campagna del Marocco con madre, fratelli, e nonno (divenuto capofamiglia a causa dello spostamento del padre in Italia per via dell’estrema povertà). Il padre torna di rado in Marocco, persino ogni tre anni e la vita di Adil consiste unicamente nel far pascolare le pecore: animali che arriva ad odiare. La sua vera ambizione è continuare a studiare, e gli ottimi voti alle elementari lo confermano, tuttavia rimane un sogno impossibile da realizzare. L’idea di continuare a vivere nel suo paese lo atterrisce, anche perché è costretto a subire la violenza dello zio; decide quindi di raggiungere il padre a Milano.

Presto si rende conto che la vita non è particolarmente facile neppure lì: deriso dai compagni è costretto a cambiare casa continuamente, circondato da persone che, disperate, vedono nell’alcool l’unica via di fuga, dopo la scuola deve, inoltre, lavorare al mercato. Diviene poi elettricista, ed infine educatore e videomaker.

Una volta raggiunta l’età adulta, Adil torna in Marocco, terra mai dimenticata, per riscoprire le proprie radici e guardarsi attorno con una mentalità e una maturità diversa.

"My Name is Adil", tramite gli occhi del giovane protagonista, mostra come l’Italia non sia un paese leggendario in cui la ricchezza è alla portata di tutti, ma neppure una realtà totalmente negativa: è stato grazie al trasferimento a Milano che Adil ha potuto studiare ed instaurare nuovi rapporti.

My Name is Adil: un progetto divenuto realtà

"My Name is Adil", film autobiografico di Adil Azzab, è stato realizzato grazie all’aiuto di Gabriele Salvatores, promotore del crowdfunding  che ha portato il progetto alla luce.

Adil Azzab, ventottenne marocchino impiegato in una comunità minorile e studente di Scienze dell’Educazione, ha imparato l’arte del cinema grazie a Imagine Factory, un’associazione milanese che s’impegna nel promuovere la creatività giovanile e organizza corsi di videomaking contro l’emarginazione sociale.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *