Mr Cobbler e la bottega magica

  • Titolo originale: The Cobbler
  • Regia: Thomas McCarthy
  • Cast: Adam Sandler, Dan Stevens, Dustin Hoffman, Melonie Diaz, Steve Buscemi, Cliff Smith, Lynn Cohen, Ellen Barkin, Joey Slotnick, Yul Vazquez, Elli, Adam Shapiro, Evan Neumann, Allen Lewis Rickman, Donnie Keshawarz, Ethan Khusidman, Sondra James, Kim Cloutier
  • Genere: Commedia, colore
  • Durata: 99 minuti
  • Produzione: USA, 2014
  • Distribuzione: Barter Multimedia
  • Data di uscita: 21 Luglio 2016

Mr Cobbler e la bottega magica"Mr Cobbler e la bottega magica" è ambientato nel Lower East Side newyorchese. Max Simkin, interpretato da Adam Sandler, è un calzolaio, come il resto della sua famiglia da quattro generazioni a questa parte e si occupa della gestione del negozio che suo padre (Dustin Hoffman) gli lasciò quando scomparve misteriosamente molti anni prima.

Max è un uomo di mezza età che vive con la madre (Lynn Cohen) e conduce una vita piatta e poco elettrizzante. Dedica le sue giornate alla riparazione senza sosta delle calzature degli abitanti del quartiere. Pochi amici nella cerchia di Max: il più fidato è il suo vicino di casa, il barbiere Jimmy (Steve Buscemi).

Durante un’importante riparazione per un malvivente locale, l’unica macchina per la cucitura delle suole in possesso di Max si rompe e il calzolaio si trova costretto ad utilizzare un vecchio cimelio di famiglia trovato in cantina. Ben presto, però, Max capirà che quella non è una macchina qualunque e soprattutto che lui non è un calzolaio qualunque. La sua vita si trasforma irrimediabilmente, facendogli perdere il controllo. Grazie all'amicizia e all'aiuto di Carmen (Melonie Diaz), Max si farà forza, risolverà il suo problema e affronterà la magnate Elaine Greenawalt (Ellen Barkin), diventando un piccolo eroe nella sua cittadina.

Con "Mr Cobbler e la bottega magica" Thomas McCarthy vuole dimostrare che non è mai troppo tardi per diventare quello che si desidera essere. "Mr Cobbler e la bottega magica" è una favola sulla famiglia, l'abilità creativa, la responsabilità sociale e i superpoteri.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *