Michel Piccoli

Michel Piccoli è un attore, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico francese che vanta una filmografia enorme e una carriera costellata da grandissimi successi

Michel Piccoli, una "grande abbuffata” di successi

(Parigi, 27 dicembre 1925)

Michel Piccoli Biografia

Michel Piccoli è un attore, regista, sceneggiatore e un produttore cinematografico d’oltralpe. Sin dalla tenera età respira l’aria artistica: la madre e il padre sono musicisti, rispettivamente pianista e violinista e lo istruiscono alle arti. In primo luogo interprete, recita in “Silenziosa minaccia” nel 1945, diretto da Christian-Jaque. Il suo curriculum è lungo e prestigioso e vanta film importanti dell’ultimo secolo. Amico intimo di Jean Paul Sartre stringe legami sia nella cerchia elitaria del mondo cinematografico, sia tra gli esponenti del panorama internazionale.

La sua intelligenza e profonda cultura, oltre al bell’aspetto, gli permettono di smussare e modellare gli innumerevoli personaggi interpretati davanti alla macchina da presa. A partire dalla metà del ventesimo secolo prende parte a produzioni francesi ed internazionali.

Nel 1949 recita in “Le point du jour” e ne “Il vendicatore folle” (1949), entrambi di Louis Daquin. Successivamente lavora per grandi registi come Jean Renoir in “French Cancan” (1954); Luis Buñuel, che ne fa il suo attore feticcio, in “La selva dei dannati” (1956), “Death in the Garden” (1956), “Il diario di una cameriera” (1964), “Bella di giorno” (1967), “La via lattea” (1968), “Il fascino discreto della borghesia” (1972), “Il fantasma della libertà” (1974), “Léonor” (1975); Jean-Luc Godard in “Il disprezzo” (1963), in cui recita al fianco di Brigitte Bardot; Costantin Costa Gravas in “Vagone letto per assassini” (1965), “Il 13° uomo” (1967); Alain Resnais in “La guerre è finita” (1966); Agnès Varda in“Les créatures” (1966); Roger Vadim in “La calda preda” (1966).

Micheal Piccoli e il rapporto con l'Italia

Non mancano le incursioni nel Belpaese: nel 1967 per il nostro Mario Bava è l’ispettore Ginko, l’acerrimo nemico del ladro in calzamaglia dagli occhi verdi e la Jaguar in “Diabolik”; per Vittorio De Seta nel 1969 è invece interprete de “L’invitata”. Anche Marco Ferreri ha un debole per lui: sempre nel 1969, è protagonista del suo particolare “Dillinger è morto”, nel 1971 de “L’udienza”, nel 1972 de “La cagna”, nel 1973 de “La grande abbuffata”, nel 1974 di “Non toccare la donna bianca”, nel 1976 de “L’ultima donna”; nel 1981 di “Storie di ordinaria follia”.

Nel 1969 anche Alfred Hitchcock si accorge di lui e lo recluta per “Topaz”. Dopo il divorzio dall’attrice svizzera Eléonore Hirt, dal cui matrimonio è nata la sua unica figlia, Anne-Cordélia, verso la fine degli anni Sessanta si risposa con l'attrice e cantante francese Juliette Gréco, dalla quale divorzierà nel 1977. Prosegue con successo la sua carriera in pellicole come “L’amante” (1970), “Il commissario Pelissier” (1971) e “Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre” (1974) tutte di Claude Sautet. Il grande Claude Chabrol lo richiede per “L’amico di famiglia – Le nozze rosse” (1973). Nel 1974 è protagonista di “Life Size” di Luis Garcia Berlanga, in cui interpreta un uomo con manie per le bambole gonfiabili. È diretto ancora dagli italiani Elio Petri in “Todo Mondo” (1976) e Sergio Corbucci in “Giallo napoletano” (1979).

E sarà proprio grazie al regista italiano Marco Bellocchio che otterrà la Palma d’Oro a Cannes come Miglior Attore per la prova resa in “Salto nel vuoto” (1980), dove veste i panni di un magistrato alle prese con il problematico rapporto con la sorella. Sempre nel 1980 si risposa con la sceneggiatrice Ludivine Clerc, sua attuale moglie e partecipa ad “Atlantic City” di Louis Malle. Sulla scia di questo successo nel 1982 Ettore Scola lo recluta per “Il mondo nuovo”, Jean-Luc Godard per “Passion” e Liliana Cavani per “Oltre la porta”.

Michel Piccoli, dietro e davanti la macchina da presa

Nel 1984 è per la prima volta dietro la macchina da presa per “Train de nuit” di cui è anche interprete, oltre a essere nel cast di “Viva la vita” di Claude Lelouche, che lo rivuole in “Tornare per rivivere” (1985). Ritrova Ferreri nel 1988 in “Come sono buoni i bianchi!” e nel 1989 Malle in “Milou a maggio”. Non perde il suo ascendente su grandi autori che continuano a utilizzarlo anche negli anni Novanta e Duemila: Jacques Rivette per “Divertimento” e “La bella scontrosa” (entrambi del 1991); Agnés Varda per “Le cento e una notte (di Simon Cinéma)” (1995); Manoel De Oliveira per “Party” (1996), “Ritorno a casa” (2000), “Specchio magico” (2005) e “Belle Toujours – Belle sempre” (2006); di nuovo Rivette per “La duchessa di Langeais” (2007). Ancora attivissimo nel 2010 è protagonista del film diretto da Nanni Moretti “Habemus Papam” in cui interpreta proprio l’uomo designato dal concilio come prossimo pontefice, ma profondamente in crisi. Nel 2012 è nel nuovo film di Leos Carax, “Holy Motors”.

Piccoli nel corso della sua lunga carriera ha dimostrato di essere l’esempio vivente di un cinema alternativo, culturale e non commerciale, che dà valenza e spessore a tutto il movimento artistico fornendo con la sua carriera un baluardo, e un faro, che dovrebbe illuminare e guidare le nuove generazioni di attori e registi.

Fabiana Girelli

Michel Piccoli Filmografia - Cinema

Michel Piccoli Filmografia

  • Silenziosa minaccia, regia di Christian-Jaque (1945)
  • Le point du jour, regia di Louis Daquin (1949)
  • Il vendicatore folle, regia di Louis Daquin (1949)
  • Terreur en Oklahoma, regia di André Heinrich (Mediometraggio) (1951)
  • …E mi lasciò senza indirizzo…, regia di Jean-Paul Le Chanois (1951)
  • Torticola contre Frankensberg, regia di Paul Paviot (Mediometraggio) (1952)
  • Chicago Digest, regia di Paul Paviot (Mediometraggio) (1952)
  • French Cancan, regia di Jean Renoir (1954)
  • Destini di donne, regia di Christian-Jaque,  Jean Delannoy, Marcello Pagliero (Serie TV) (1954)
  • Tout chante autour de moi, regia di Pierre Gout (1954)
  • Aggressione armata, regia di Maurice de Canonge (1955)
  • Ernst Thälmann – Führer seiner Klasse, regia di Kurt Maetzig (1955)
  • Les mauvaises rencontres, regia di Alexandre Astruc (1955)
  • Maria Antonietta, regia di Jean Delannoy (1956)
  • La selva dei dannati, regia di Juan Luis Buñuel (1956)
  • Death in the garden, regia Juan Luis Buñuel (1956)
  • Le vergini di Salem, regia di Raymond Rouleau (1957)
  • Nathalie, regia di Christian-Jaque (1957)
  • Raffiche sulla città, regia di Pierre Chenal (1958)
  • Les copains du dimanche, regia di Henri Aisner (1958)
  • Tabarin, regia di Richard Pottier (1958)
  • La Venere tascabile, regia di Pierre Chenal (1959)
  • La dragée haute, regia di Jean Kerchner (1960)
  • Le schiave bianche, regia di Michel Clément e Umberto Scarpelli (1960)
  • Les petits drames, regia di Paul Vecchiali (1961)
  • La chevelure, regia di Adonis Kyrou (1961)
  • Le vergini di Roma, regia di Carlo Ludovico Bragaglia e Vittorio Cottafavi (1961)
  • L’appuntamento, regia di Jean Delannoy (1961)
  • Fumée, histoire et fantaisie, regia di Edouard Berne e François Villiers (1962)
  • Desideri nel sole, regia di Jacques Rozier (1962)
  • Sensi inquieti, regia di Stellio Lorenzi (1962)
  • Lo spione, regia di Jean-Pierre Melville (1962)
  • Il giorno e l’ora, regia di René Clément (1963)
  • Il disprezzo, regia di Jean-Luc Godard (1963)
  • Paparazzi, regia di Jacques Rozier (1964)
  • Il diario di una cameriera, regia di Juan Luis Buñuel (1964)
  • L’amore e la chance, episodio “La fortuna si chiama Lucky” di Charles L. Bitsch (1964)
  • La calda pelle, regia di Jean Aurel (1964)
  • Café Tabac, regia di Claude Guillemot (Cortometraggio) (1965)
  • 50.000 sterline per tradire, regia di Basil Dearden (1965)
  • La coup de grâce, regia di Jean Cayrol e Claude Durand (1965)
  • Vagone letto per assassini, regia di Costa-Gavras (1965)
  • Lady L, regia di Peter Ustinov (1965)
  • La guerra è finita, regia di Alain Resnais (1966)
  • Marie Soleil, regia di Antoine Bourseiller (1966)
  • Les ruses du diable, regia di Paul Vecchiali (1966)
  • La calda preda, regia di Roger Vadim (1966)
  • La voleuse, regia di Jean Chapot (1966)
  • Les créatures, regia di Agnès Varda (1966)
  • Parigi brucia?, regia di René Clément (1966)
  • Mon amour, mon amour, regia di Nadine Trintignant (1967)
  • Josephine, regia di Jacques Demy e Agnès Varda (1967)
  • Il 13º uomo, regia di Costa-Gavras (1967)
  • Bella di giorno, regia di Luis Buñuel (1967)
  • Benjamin ovvero le avventure di un adolescente, regia di Michel Deville (1968)
  • La chamade, regia di Alain Cavalier (1968)
  • Diabolik, regia di Mario Bava (1968)
  • La via lattea, regia di Juan Luis Buñuel (1968)
  • Dillinger è morto, regia di Marco Ferreri (1969)
  • L’invitata, regia di Vittorio De Seta (1969)
  • Topaz, regia di Alfred Hitchcock (1969)
  • L’amante, regia di Claude Sautet (1970)
  • L’invasione, regia di Yves Allégret (1970)
  • L’udienza, regia di Marco Ferreri (1971)
  • Il commissario Pelissier, regia di Claude Sautet (1971)
  • Darsela a gambe, regia di Philippe de Broca (1971)
  • Dieci incredibili giorni, regia di Claude Chabrol (1971)
  • La cagna, regia di Marco Ferreri (1972)
  • Il fascino discreto della borghesia, regia di Juan Luis Buñuel (1972)
  • L’attentato, regia di Yves Boisset (1972)
  • La femme en bleu, regia di Michel Deville (1973)
  • Il mangiaguardie, regia di Claude Faraldo (1973)
  • L’amico di famiglia, regia di Claude Chabrol (1973)
  • La grande abbuffata, regia di Marco Ferreri (1973)
  • Le Far-West, regia di Jacques Brel (1973)
  • E cominciò il viaggio nella vertigine, regia di Toni De Gregorio (1974)
  • Non toccare la donna bianca, regia di Marco Ferreri (1974)
  • Trio infernale, regia di Francis Girot (1974)
  • Life size, regia di Luis Garcia Berlanga (1974)
  • Il fantasma della libertà, regia di Juan Luis Buñuel (1974)
  • Tre amici, le mogli e (affettuosamente) le altre, regia di Claude Sautet (1974)
  • La smagliatura, regia di Peter Fleischmann (1975)
  • Leonor, regia di Juan Luis Buñuel (1975)
  • I baroni della medicina, regia di Jacques Rouffio (1975)
  • La panchina della disperazione, regia di Claude Chabrol (1975)
  • L’ultima donna, regia di Marco Ferreri (1976)
  • Todo modo, regia di Elio Petri (1976)
  • Come è cambiata la nostra vita, regia di Maurice Dugowson (1976)
  • Mado, regia di Claude Sautet (1976)
  • Tre simpatiche carogne, regia di Francis Girod (1977)
  • L’imprécateur, regia di Jean-Louis Bertucelli (1977)
  • I miei vicini sono simpatici, regia di Bertrand Tavernier (1977)
  • Quell’oscuro oggetto del desiderio, regia di Luois Buñuel (1977)
  • Strauberg ist da, regia di Mischa Gallé (1978)
  • Giallo napoletano, regia di Sergio Corbucci (1978)
  • Una donna due passioni, regia di Étienne Périer (1978)
  • L’état sauvage, regia di Francis Girod (1978)
  • L’amante proibita, regia di Alan Bridges (1978)
  • Zucchero, regia di Jacques Rouffio (1978)
  • Foto ricordo, regia di Pierre Barouh (1979)
  • Tre per un delitto, regia di Laurent Heynemann (1979)
  • Rosso sangue, regia di Peter Newton (1979)
  • Du crime considéré comme un des beaux-arts, regia di Frédéric Compain (Cortometraggio) (1980)
  • Salto nel vuoto, regia di Marco Bellocchio (1980)
  • Der Preis fürs Überleben, regia di Hans Noever (1980)
  • Atlantic City, USA, regia di Louis Malle (1980)
  • Il prezzo di una vita, regia di Hans Noever (1980)
  • La fille prodigue, regia di Jacques Doillon (1981)
  • Gioco in villa, regia di Denys Granier-Deferre (1981)
  • Fascino dell’ambiguità, regia di Pierre Granier-Deferre (1981)
  • Alzati spia, regia di Yves Boisset (1982)
  • La signora è di passaggio, regia di Jacques Rouffio (1982)
  • Storie di ordinaria follia, regia di Marco Ferreri (1982)
  • Il mondo nuovo, regia di Ettore Scola (1982)
  • Passion, regia di Jean-Luc Godard (1982)
  • Oltre la porta, regia di Liliana Cavani (1982)
  • Gli occhi, la bocca, regia di Marco Bellocchio (1982)
  • Una camera in città, regia di Jacques Demy (1982)
  • Que les gros salaires lèvent le doigt!, regia di Denys Granier-Deferre (1982)
  • Le prix du danger, regia di Yves Boisset (1983)
  • Il generale dell’armata morte, regia di Luciano Tovoli (1983)
  • Mosse pericolose, regia di Richard Dembo (1984)
  • Viva la vita regia di Claude Lelouch (1984)
  • Il successo è la miglior vendetta, regia di Jerzy Skolimowski (1984)
  • Pericolo nella dimora, regia di Michel Deville (1985)
  • Tornare per rivivere, regia di Claude Lelouch (1985)
  • Adieu Bonaparte, regia di Yusuf Shahin (1985)
  • Mon beau-frère a tué ma soeur, regia di Jacques Rouffio (1986)
  • Le paltoquet, regia di Michel Deville (1986)
  • Rosso sangue, regia di Leos Cararax (1986)
  • La puritana, regia di Jacques Doillon (1986)
  • La rumba, regia di Roger Hanin (1987)
  • Das Weite Land, regia di Luc Bondy (1987)
  • L’homme voilé, regia di Maroun Bagdadi (1987)
  • Voglia d’amare, regia di Jacques Deray (1987)
  • Come sono buoni i bianchi, regia di Marco Ferreri (1988)
  • Blanc de Chine, regia di Denys Granier-Deferre (1988)
  • Milou a maggio, regia di Louis Malle (1990)
  • Divertimento, regia di Jacques Rivette (1991)
  • Le bateau de Lu, regia di Christine Citti (1991) – Cortometraggio
  • La bella scontrosa, regia di Jaques Rivette (1991)
  • Martha ed io, regia di Jirí Weiss (1991)
  • Il ladro di ragazzi, regia di Christian de Chalonge (1991)
  • Les Équilibristes, regia di Nikos Papatakis (1992)
  • Le bal des casse-pieds, regia di Yves Robert (1992)
  • From Time to Time, regia di Jeff Blyth (1992) – Cortometraggio
  • La vie crevée, regia di Guillaume Nicloux (1992)
  • Archipel, regia di Pierre Granier-Deferre (1993)
  • La cavale des fous, regia di Marco Pico (1993)
  • Rupture(s), regia di Christine Citti (1993)
  • Train de nuit, regia di Michel Piccoli (Cortometraggio) (1994)
  • al-Mohager, regia di Yusuf Shahin (1994)
  • Bête de scène, regia di Bernard Nissile (Cortometraggio) (1994)
  • L’angelo nero, regia di Jean-Claude Brisseau (1994)
  • Les cent et une nuits de Simon Cinéma, regia di Agnès Varda (1995)
  • Compagna di viaggio, regia di Peter Del Monte (1996)
  • Beaumarchais, l’insolent, regia di Édouard Molinaro (1996)
  • Party, regia di Manoel De Oliveira (1996)
  • Tykho Moon, regia di Enki Bilal (1996)
  • Genealogia di un crimine, regia di Raúl Ruiz (1997)
  • Passione nel deserto, regia di Lavinia Currier (1997)
  • Rien sur Robert, regia di Pascal Bonitzer (1999)
  • Libero Burro, regia di Sergio Castellitto (1999)
  • París Timbuktú, regia di Luis Garcia Berlanga (1999)
  • Tout va bien, on s’en va, regia di Claude Mouriéras (2000)
  • Ritorno a casa, regia di Manoel De Oliveira (2001)
  • Quel giorno, regia di Raúl Ruiz (2003)
  • Un homme, un vrai, regia di Arnaud Larrieu e Jean-Marie Larrieu (2003)
  • La petite Lili, regia di Claude Miller (2003)
  • Mal de mer, regia di Olivier Vinuesa (Cortometraggio) (2004)
  • Specchio magico, regia di Manoel De Oliveira (2005)
  • Giardini in autunno, regia di Otar Iosseliani (2006)
  • Bella sempre, regia di Manoel De Oliveira (2006)
  • La duchessa di Langeais, regia di Jacques Rivette (2007)
  • Rencontre unique, regia di Manoel De Oliveira (Cortometraggio) (2007)
  • Boxes, regia di Jane Birkin (2007)
  • Sous les toits de Paris, regia di Hiner Saleem (2007)
  • De la guerre, regia di Bertrand Bonello (2008)
  • La polvere del tempo, regia di Theo Angelopoulos (2008)
  • L’insurgée, regia di Laurent Perreau (2009)
  • Un envol, regia di Simon Wallon  (Cortometraggio) (2009)
  • Habemus Papam, regia di Nanni Moretti (2011)
  • Holy Motors, regia di Leos Carax (2012)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *