Meg

  • Regia: Jon Turteltaub
  • Cast: Jason Statham, Bingbing Li, Ruby Rose, Rainn Wilson, Cliff Curtis, Robert Taylor (II), Ólafur Darri Ólafsson, Jessica McNamee, Masi Oka, Page Kennedy, Winston Chao
  • Genere: Azione, colore
  • Durata: n/d
  • Produzione: USA, 2018
  • Distribuzione: Warner Bros Italia
  • Data di uscita: 23 agosto 2018

 

Meg, Jason Statham"Meg", film d’azione diretto da Jon Turteltaub, le cui riprese si sono svolte in Cina e in Nuova Zelanda, è tratto dall’omonimo romanzo di Steve Alten, pubblicato nel 1997.

Meg: un ‘mostro’ ormai familiare

La storia è incentrata sulla figura del Megalodonte, una creatura preistorica di dimensioni gigantesche (circa 25 metri), progenitore dello squalo bianco. Il protagonista, Jonas Taylor (Jason Statham), comandante della marina americana ed esperto di subacquea, che da sempre ha ritenuto che il Megalodonte fosse più di una semplice fantasia, viene mandato in soccorso dell’equipaggio bloccato all’interno di un sommergibile attaccato, per l’appunto, dalla mostruosa creatura, nel fondo del Pacifico.

Il protagonista di "Meg" si ritroverà, quindi, ad affrontare nuovamente le sue più grandi paure - Taylor, come si vedrà, ha già avuto a che fare con il Megalodonte in passato - affascinato e allo stesso tempo terrorizzato da questo ‘mostro’ che ha segnato la sua vita; ma non dovrà affrontare tutto da solo: al suo fianco ci sarà Suyin (Li Bingbing), figlia dell’oceanografo cinese (Winston Chao) da cui il protagonista è stato reclutato.

Con una punta di sarcasmo Jason Statham definisce il film un ‘incrocio’ fra “Lo Squalo” e “Jurassic Park”; un thriller a cui lo spettatore è, in buona sostanza, abituato.

Jon Turtletaub, un regista di avventure

Il regista Jon Turtletaub è attivo in campo sia televisivo che cinematografico; tra i suoi lavori più famosi, tre pellicole d'avventura prodotte da Walt Disney Pictures, in cui dirige l'attore Nicolas Cage: "Il mistero dei Templari" (2004), il sequel "Il mistero delle pagine perdute" (2007) e "L'apprendista stregone" (2010).

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *