Mathieu Kassovitz

Francese figlio d’arte, Mathieu Kassovitz inizia la sua carriera d’attore sin da giovanissimo, partecipando proprio a un film diretto dal padre. Diventerà famoso grazie alla sue doti di regista, sarà infatti insignito dei premi Cèsar per la Miglior Opera Prima e come Miglior Promessa Maschile rispettivamente per due lungometraggi, ''Cauchemar blanc'' e ''Mètisse''.

Mathieu Kassovitz: il 'favoloso amante di Amélie'

(Parigi, 3 agosto 1967)

Mathieu Kassovitz attore francesePur non essendo bellissimo, ha fascino da vendere e ogni sua interpretazione è rafforzata da una presenza scenica non indifferente. Nato a Parigi il 3 agosto del 1967, Mathieu Kassovitz è figlio del regista ungherese Peter Kassovitz ed è proprio diretto da lui che esordisce nel 1979 come attore in “Au bout du bout du banc”.

Ha diciassette anni quando lascia gli studi e inizia a lavorare come assistente alla regia; infatti il suo impegno nella settima arte sarà contemporaneamente davanti e dietro la macchina da presa. Si cimenta nella direzione di alcuni corti tra cui “Fierrot le Pou” (1990) suo primo lavoro; “Cauchemar blanc” (1991), che viene premiato al Festival di Cannes, e “Assassins” (1992).

Mathieu Kassovitz: regista promettente

Nel 1993 dirige il suo primo lungometraggio, “Métisse”, una commedia multietnica che interpreta con l’amico Vincent Cassel. Il film gli vale due nomination per la Miglior Opera Prima e per la Miglior Promessa Maschile ai premi César. Dovrà però aspettare il 1994 per ottenere quest’ultimo riconoscimento, oltre al premio Jean Gabin, con “Regarde les hommes tomber” di Jacques Audiard.

Sempre nel 1994 è nel cast del documentario sull’AIDS, “3000 scénarios contre un virus”. Il 1995 è l’anno che lo pone all’attenzione di pubblico e critica per “L’odio”, premiato per la regia al Festival di Cannes, e con tre César per Miglior Film, Miglior Montaggio e Miglior Produttore. È poi attore per “Un héros très discret” (1996) di Jacques Audiard; “Mon homme” (1996) di Bertrand Blier e “Il quinto elemento” (1997) di Luc Besson. Torna dietro la macchina da presa con il deludente “Assassin(s)” (1997), dove riprende il tema del corto del 1992 per poi interpretare, di nuovo con Cassel e il nostro Michele Placido, “Il piacere e i suoi piccoli inconvenienti” (1998) di Nicolas Boukhrief.

Mathieu Kassovitz: capacità interpretative da Miglior Attore

Nel 1999 collabora con il padre, che lo vuole per il suo “Jakob il bugiardo”, mentre il 2000 è l’anno de “I fiumi di porpora” in cui dirige, con risultati sempre inferiori a quelli raggiunti da “L’odio”, ancora una volta Cassel e Jean Reno. Nel 2001 è segretamente amato da Audrey Tautou nella deliziosa commedia “Il favoloso mondo di Amelie” di Jean-Pierre Jeunet e divide il set con Nicole Kidman, Ben Chaplin e l’amico di sempre Cassel in “Birthday Girl”. Nel 2002 prende parte a “Asterix e Obelix: Missione Cleopatra” di Alain Chabat e, per l’interpretazione in “Amen” di Constantin Costa Gravas, ottiene la nomination al premio César come Miglior Attore.

Come regista la sua carriera non segue le aspettative di pubblico e critica e, dopo il poco apprezzabile “Gothika” (2004), realizza nel 2008 il mediocre “Babylon A.D.”; mentre come attore continua a ottenere consenso con “Munich” (2006) e con una piccola parte nello strampalato “Louise Michel” di Benoît Delépine del 2008.

Nel 2011 lo troviamo sul set di "Knockout- Resa dei conti", diretto da Sodenbergh, mentre l’anno dopo è diretto dall’italiano Michele Placido in “Il cecchino”, dove veste i panni di un temibile cecchino inseguito da un commissario interpretato da Daniel Auteuil. Partecipa, dal 2015, alla serie tv  "Le Bureau - Sotto copertura", e nel 2017 torna collabora con Luc Besson nel suo "Valerian e la città dei mille pianeti". Lo stesso hanno lavora con un altro grande regista, Michael Haneke, in "Happy End".

Fabiana Girelli

Mathieu Kassovitz Filmografia - Regista - Sceneggiatore

 Mathieu Kassovitz primo piano

  • Fierrot le pou (Cortometraggio) (1990)
  • Cauchemar blanc (Cortometraggio) (1991)
  • Assassins... (Cortometraggio) (1992)
  • Metisse (1993)
  • L'odio (1995)
  • Assassin(s) (1997)
  • I fiumi di porpora (2000)
  • Gothika (2003)
  • Babylon A.D. (2008)
  • L'ordre et la morale (2011)

Mathieu Kassovitz Filmografia - Attore

  • Au bout du bout du banc, regia di Peter Kassovitz (1978)
  • L'année prochaine... si tout va bien, regia di Jean-Loup Hubert (1981)
  • La vie de Berlioz, regia di Jacques Trébouta (Serie TV) (1983)
  • Fierrot le pou, regia di Mathieu Kassovitz (Cortometraggio) (1990)
  • Chi tocca muore, regia di Piernico Solinas (1991)
  • Un été sans histoires, regia di Philippe Harel (1992)
  • Assassins..., regia di Mathieu Kassovitz (Cortometraggio) (1992)
  • Meticcio, regia di Mathieu Kassovitz (1993)
  • La Sirène, regia di Philippe Lioret (Episodio 3000 scénarios contre un virus) (1994)
  • Regarde les hommes tomber, regia di Jacques Audiard (1994)
  • Elle voulait faire quelque chose, regia di Dodine Herry (Cortometraggio) (1994)
  • La città dei bambini perduti, regia di Marc Caro e Jean-Pierre Jeunet (1995)
  • L'odio, regia di Mathieu Kassovitz (1995)
  • Les Fleurs de Maria Papadopylou, regia di Dodine Herry (Cortometraggio) (1995)
  • Mon homme, regia di Bertrand Blier (1996)
  • Un héros très discret, regia di Jacques Audiard (1996)
  • Des nouvelles du bon Dieu, regia di Didier Le Pêcheur (1996)
  • Assassin(s), regia di Mathieu Kassovitz (1997)
  • Il quinto elemento, regia di Luc Besson (1997)
  • Le Plaisir, regia di Nicolas Boukhrief (1998)
  • Jakob il bugiardo, regia di Peter Kassovitz (1999)
  • Il favoloso mondo di Amélie, regia di Jean-Pierre Jeunet (2001)
  • Birthday Girl, regia di Jez Butterworth (2001)
  • Asterix e Obelix - Missione Cleopatra, regia di Alain Chabat (2002)
  • Amen., regia di Costa-Gavras (2002)
  • Traitement de substitution n° 4, regia di Kiki Picasso (2002)
  • Munich, regia di Steven Spielberg (2005)
  • Avida, regia di Gustave de Kervern e Benoît Delépine (2006)
  • Louise-Michel, regia di Gustave de Kervern e Benoît Delépine (2008)
  • Haywire, regia di Steven Soderbergh (2011)
  • Il cecchino, regia di Michele Placido (2012)
  • Angelica (Angelique), regia di Ariel Zeitoun (2013)
  • Le Bureau - Sotto copertura (serie TV) (2015- in corso)
  • Guerra e pace (Miniserie TV) (4 episodi) (2016)
  • Valerian e la città dei mille pianeti, regia di Luc Besson (2017)
  • Happy End, regia di Michael Haneke (2017)
  • Sparry, regia di Samuel Jouy (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *