Martin Sheen

Martin Sheen diventa attore grazie alla sua determinazione e voglia di conquista, trasformandosi nell’incarnazione del famoso sogno americano. Il nome d’arte lo adotta in onore del famoso arcivescovo cattolico Fulton J. Sheen, uno dei primi telepredicatori cattolici in USA. Negli anni ’60 prenderà in mano il suo destino e si reca a New York con pochi soldi in tasca, prestati da un sacerdote mariano, mettendo su una compagnia teatrale con la speranza di essere notato da produttori del posto. Sarà l'inizio della sua carriera.

Martin Sheen:  l'attore di 'Wall Street'

(Dayton, 3 Agosto 1940)

Martin Sheen da giovaneMartin Sheen, il cui vero nome è Ramón Gerardo Antonio Estévez, nasce il 3 agosto 1940 a Dayton, nell’Ohio. Il padre, Francisco, è un immigrato spagnolo, mentre la madre Mary Ann Phelan, è nata in Irlanda. Educato severamente, il giovane Ramón si sente attratto dalla carriera di attore, nonostante l’opposizione del padre.

A soli vent'anni lascia tutto e si trasferisce a New York in cerca di fortuna, adottando il nome d’arte di Martin Sheen, per evitare la forte discriminazione che colpisce gli ispanici.

Il successo comincia ad arridergli, dopo alcune parti nel teatro sperimentale Off Broadway, viene ingaggiato nella serie di fantascienza “Oltre i limiti” (1963) trasmessa dalla CBS, che lancia la sua carriera in TV.

Martin Sheen: esordio e primo ruolo di rilievo

Nello stesso periodo si sposa: i suoi quattro figli diventeranno tutti attori, in particolare Charlie Sheen ed Emilio Estevez, il quale decide di mantenere il nome di famiglia. Il suo esordio sul grande schermo risale al 1967 con il thriller “The incident”, ma il suo primo ruolo di un certo rilievo è nella satira antimilitarista “Comma 22” (1970) di Mike Nichols.

Gli anni Settanta sono un periodo denso di soddisfazioni per Martin Sheen. Il regista indipendente Terrence Malick lo vuole insieme a Sissy Spacek nell’ormai classico “Badlands – La rabbia giovane” (1973), mentre nel 1975 è nel cast del disaster movie “Cassandra Crossing” (1975) insieme a Burt Lancaster, Ava Gardner e Sophia Loren.

Martin Sheen: entra di diritto nello star - system Hollywoodiano

Nel 1979, partecipa alla tormentata lavorazione di “Apocalypse Now” di Coppola. Nel ruolo del capitano Benjamin Willard entra definitivamente nell’Olimpo dello star-system di Hollywood, anche se a causa dell’abuso di alcool e droga sul set subisce un pericoloso infarto. Negli anni Ottanta, oltre a partecipare al premiatissimo “Gandhi” (1982) di Richard Attenborough, è il presidente degli USA in “La zona morta” (1983) di Cronenberg e ha un ruolo importante in “Wall Street” (1987) di Oliver Stone, che lo scritturerà anche per il successivo “JFK – Un caso ancora aperto” (1991).

Dal 1999 al 2006, Sheen è il presidente degli USA nella serie “West Wing” per la quale vince ben sei Emmy. Nel frattempo compare spesso in film importanti come “Prova a prendermi” (2002) di Spielberg, con Leonardo DiCaprio e Tom Hanks o “The Departed - Il bene e il male” (2006) di Scorsese con Jack Nicholson, DiCaprio e Matt Damon. Nel 2012 prende parte al reboot “The Amazing Spiderman”, nel quale interpreta Ben, l’amabile zio di Peter Parker; e nella commedia "Cercasi amore per la fine del mondo", al fianco di Steve Carell e Keira Knightley. L'anno successivo è nel cast del dramma storico "Bhopal: A Prayer for Rain" e partecipa alle riprese di “The Amazing Spiderman 2” (2014).

Isabella Gasparutti

Martin Sheen Filmografia - Cinema

Martin Sheen ad un evento Netflix

  • New York: ore tre - L'ora dei vigliacchi, regia di Larry Peerce (1967)
  • La signora amava le rose, regia di Ulu Grosbard (1968)
  • Comma 22, regia di Mike Nichols (1970)
  • No Drums, No Bugles, regia di Clyde Ware (1972)
  • Pickup on 101, regia di John Florea (1972)
  • La notte del furore, regia di George C. Scott (1972)
  • When the Line Goes Through, regia di Clyde Ware (1973)
  • The Conflict, regia di Jack Gold (1973)
  • La rabbia giovane, regia di Terrence Malick (1973)
  • The Legend of Earl Durand, regia di John Patterson (1974)
  • Cassandra Crossing, regia di George P. Cosmatos (1976)
  • Quella strana ragazza che abita in fondo al viale, regia di Nicolas Gessner (1976)
  • Apocalypse Now, regia di Francis Ford Coppola (1979)
  • Io, grande cacciatore, regia di Anthony Harvey (1979)
  • Countdown dimensione zero, regia di Don Taylor (1980)
  • Loophole, regia di John Quested (1981)
  • Gandhi, regia di Richard Attenborough (1982)
  • Correre per vincere, regia di Jason Miller (1982)
  • Enigma, regia di Jeannot Szwarc (1983)
  • In the King of Prussia, regia di Emile de Antonio (1983)
  • Un uomo, una donna e un bambino, regia di Dick Richards (1983)
  • La zona morta, regia di David Cronenberg (1983)
  • Fenomeni paranormali incontrollabili, regia di Mark L. Lester (1984)
  • A State of Emergency, regia di Richard C. Bennett (1986)
  • The Believers - I credenti del male, regia di John Schlesinger (1987)
  • Siesta, regia di Mary Lambert (1987)
  • Wall Street, regia di Oliver Stone (1987)
  • Da, regia di Matt Clark (1988)
  • Berlino - Opzione zero, regia di Leo Penn (1988)
  • Marked for Murder, regia di Rick Sloane (1989)
  • Beverly Hills Brats, regia di Jim Sotos (1989)
  • Tramonto di un eroe, regia di David Saperstein (1989)
  • Intrigo Mortale, regia di Allan A. Goldstein (1989)
  • Uomini al passo, regia di Martin Sheen (1990)
  • JFK - Un caso ancora aperto, regia di Oliver Stone (1991)
  • Mamma, mi compri un papà?, regia di Ian Toynton (1991)
  • Original Intent, regia di Robert Marcarelli (1992)
  • Killing Box, regia di George Hickenlooper (1993)
  • Occhi per sentire, regia di Robert Greenwald (1993)
  • Hot Shots! 2, regia di Jim Abrahams (Non accreditato) (1993)
  • Gettysburg, regia di Ronald F. Maxwell (1993)
  • Fortunes of War, regia di Thierry Notz (1994)
  • Quando il ramo si spezza, regia di Michael Cohn (1994)
  • Trigger Fast, regia di David Lister (1994)
  • Boca, regia di Walter Avancini e Zalman King (1994)
  • Hits!, regia di William R. Greenblatt (1994)
  • Il tesoro di San Pietroburgo, regia di Aleksandr Buravsky (1995)
  • Captain Nuke and the Bomber Boys, regia di Charles Gale (1995)
  • Running Wild, regia di Dee McLachlan (1995)
  • Dillinger and Capone, regia di Jon Purdy (1995)
  • The Break, regia di Lee H. Katzin (1995)
  • Gospa, regia di Jakov Sedlar (1995)
  • Il presidente - Una storia d'amore, regia di Rob Reiner (1995)
  • Conflitti di famiglia, regia di Emilio Estevez (1996)
  • La storia di Dorothy, regia di Michael Ray Rhodes (1996)
  • Viaggio senza ritorno, regia di Kiefer Sutherland (1997)
  • Spawn, regia di Mark A.Z. Dippè (1997)
  • Stranger in the Kingdom, regia di Jay Craven (1998)
  • Gunfighter, regia di Christopher Coppola (1998)
  • Family Attraction, regia di Brian Hecker (1998)
  • Babylon 5: The River of Souls, regia di Janet Greek (1998)
  • Snitch, regia di Ted Demme (1998)
  • A Letter from Death Row, regia di Marvin Baker e Bret Michaels (1998)
  • In fuga col malloppo, regia di Yves Simoneau (1998)
  • Codice criminale, regia di Bret Michaels (1998)
  • Ninth Street, regia di Tim Rebman e Kevin Willmott (1999)
  • Lost & Found, regia di Jeff Pollack (1999)
  • Uragano, regia di Harris Done e Vincent Spano (1999)
  • La cantina degli orrori, regia di Jeffrey Reiner (1999)
  • L'orecchio dei Whit, regia di William Blake Herron (1999)
  • O come Otello (O), regia di Tim Blake Nelson (2001)
  • We The People, regia di Rene M. Rigal e Jennifer Stander (2002)
  • Prova a prendermi, regia di Steven Spielberg (2002)
  • The Commission, regia di Mark Sobel (2003)
  • The Departed - Il bene e il male, regia di Martin Scorsese (2006)
  • Bobby, regia di Emilio Estevez (2007)
  • Parla con me, regia di Kasi Lemmons (2007)
  • Bordertown, regia di Gregory Nava (2006)
  • Flatland: The Movie, regia di Jeffrey Travis (Voce) (2007)
  • A Single Woman, regia di Kamala Lopez (2008)
  • Echelon Conspiracy - Il dono, regia di Greg Marcks (2009)
  • Qualcosa di speciale, regia di Brandon Camp (2009)
  • Immagina che, regia di Karey Kirkpatrick (2009)
  • The Bell, regia di Erik S. Weigel (Voce) (2009)
  • Chamaco, regia di Miguel Necoechea (2009)
  • Mass Effect 2, regia di Casey Hudson (Voce) (2010)
  • Il cammino per Santiago, regia di Emilio Estevez (2010)
  • The Double, regia di Michael Brandt (2011)
  • The Amazing Spider-Man, regia di Marc Webb (2012)
  • Cercasi amore per la fine del mondo, regia di Lorene Scafaria (2012)
  • Mass Effect 3, regia di Casey Hudson (Voce) (2012)
  • Bhopal: A Prayer for Rain, regia di Ravi Kumar (2013)
  • The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di Electro, regia di Marc Webb (2014)
  • Trash, regia di Stephen Daldry (2014)
  • Chiedimi tutto, regia di Allison Burnett (2014)
  • L'eccezione alla regola, regia di Warren Beatty (2016)

Martin Sheen Filmografia - Televisione

  • Route 66 (Serie TV, 1 episodio) (1961)
  • La parola alla difesa (Serie TV, 4 episodi) (1961-1964)
  • Ten Blocks on the Camino Real, regia di Jack Landau (Film TV) (1966)
  • N.Y.P.D. (Serie TV, 1 episodio) (1968)
  • F.B.I. (Serie TV, 4 episodi) (1968-1973)
  • Missione impossibile (Serie TV, 1 episodio) (1969)
  • Lancer (Serie TV, 1 episodio) (1969)
  • Dove vai Bronson? (Serie TV, 1 episodio) (1969)
  • The Andersoville Trial, regia di George C. Scott (Film TV) (1970)
  • Goodbye, Raggedy Ann, regia di Fielder Cook (Film TV) (1971)
  • Codice criminale, regia di Marvin J. Chomsky (Film TV) (1971)
  • Welcome Home, Johnny Bristol, regia di George McCowan (Film TV) (1972)
  • That Certain Summer, regia di Lamont Johnson (Film TV) (1972)
  • Pursuit, regia di Michael Crichton (Film TV) (1972)
  • Cannon (Serie TV, 3 episodi) (1972-1973)
  • Crime Club, regia di David Lowell Rich (Film TV) (1973)
  • Letters from Three Lovers, regia di John Erman (Film TV) (1973)
  • Message to My Daughter, regia di Robert Michael Lewis (Film TV) (1973)
  • Le strade di San Francisco (Serie TV, 1 episodio) (1973)
  • Colombo (Serie TV, 1 episodio) (1973)
  • The Execution of Private Slovik, regia di Lamont Johnson (Film TV) (1974)
  • The Story of Pretty Boy Floyd, regia di Clyde Ware (Film TV) (1974)
  • The California Kid, regia di Richard T. Heffron (Film TV) (1974)
  • I missili di ottobre, regia di Anthony Page (Film TV) (1974)
  • The Last Survivors, regia di Lee H. Katzin (Film TV) (1975)
  • Xanadu, regia di Lee Philips (Film TV) (1975)
  • Taxi!!!, regia di Joseph Hardy (Film TV) (1978)
  • Incubo dietro le sbarre, regia di Robert Greenwald (Film TV) (1982)
  • Kennedy, regia di Jim Goddard (Miniserie TV) (1983)
  • Choices of the Heart, regia di Joseph Sargent (Film TV) (1983)
  • L'amico silenzioso, regia di David Greene (Film TV) (1984)
  • Segreto di famiglia, regia di Gilbert Cates (Film TV) (1985)
  • The Fourth Wise Man, regia di Michael Ray Rhodes (Film TV) (1985)
  • Fuori nel buio, regia di Jud Taylor (Film TV) (1985)
  • Alfred Hitchcock presenta (Serie TV, episodio 1x06) (1985)
  • Shattered Spirits, regia di Robert Greenwald (Film TV) (1986)
  • Ultime notizie, regia di Mike Robe (Film TV) (1986)
  • Samaritan: The Mitch Snyder Story, regia di Richard T. Heffron (Film TV) (1986)
  • Conspiracy: The Trial of the Chicago 8, regia di Jeremy Kagan (Film TV) (1987)
  • Avanzare fino al punto zero, regia di Peter Markle (Film TV) (1989)
  • Canguro ultimo modello, regia di Ian Toynton (Film TV) (1991)
  • Guilty Until Proven Innocent, regia di Paul Wendkos (Film TV) (1991)
  • The Last P.O.W.? The Bobby Garwood Story, regia di Georg Stanford Brown (Film TV) (1992)
  • Chi tocca muore, regia di Piernico Solinas (Film TV) (1992)
  • A Matter of Justice, regia di Michael Switzer (Film TV) (1993)
  • Guns of Honor, regia di Peter Edwards (Film TV) (1994)
  • One of Her Own, regia di Armand Mastroianni (Film TV) (1994)
  • Roswell, regia di Jeremy Kagan (Film TV) (1994)
  • Bah, Humbug!: The Story of Charles Dickens' 'A Christmas Carol', regia di Derek Bailey (Film TV) (1994)
  • Il silenzio dell'amore, regia di Robert Allan Ackerman (Film TV) (1999)
  • West Wing - Tutti gli uomini del Presidente (Serie TV, 154 epidodi) (1999-2006)
  • Due uomini e mezzo (Serie TV, 1 episodio) (2005)
  • Anger Management (Serie TV, 14 episodi) (2012-in corso)
  • Grace and Frankie - (Serie TV, 13 episodi) (2015)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *