Marco Tullio Giordana

Regista e sceneggiatore italiano che ha contribuito, con i suoi lavori, a dare ancora più lustro al cinema italiano, portando sullo schermo lavori a metà strada tra fiction e documentari, legati alla realtà, espressioni della sua cifra stilistica, vincitore di numerosi David di Donatello, a testimonianza della sua innata arte: è Marco Tullio Giordana.

Marco Tullio Giordana: 'cento passi' nel cinema

(Milano, 1 ottobre 1950)

Marco Tullio Giordania foto

Marco Tullio Giordana nasce a Milano l’1 ottobre del 1950. Dopo una giovinezza divisa tra studio e impegno politico si accosta al mondo del cinema, collaborando con professionisti affermati, come sceneggiatore e regista.

Nel 1977 è tra gli sceneggiatori di “Forza Italia” di Roberto Faenza, film documentario che ripercorre trent’anni di potere democristiano, e nel 1979 debutta alla regia con “Maledetti, vi amerò”, con Flavio Bucci, presentato al Festival di Cannes e vincitore del Pardo d’Oro al Festival di Locarno.

L'Italia del '68 vista con gli occhi di Marco Tullio Giordana

Il soggetto in “Car Crash” di Antonio Margheriti è stato ideato proprio da Marco Tullio Giordana, nel 1981. La pellicola racconta, con amarezza e ironia, la generazione dei sessantottini. Le esperienze giovanili del regista influiscono su tutta la sua cinematografia, volta a ripercorrere capitoli scottanti della storia italiana degli ultimi decenni, a volte in modo documentaristico, a volte privilegiando la finzione, ma sempre con grande rigore storico, senza faziosità, e con una particolare dedizione all’umanità dei personaggi.

Lo stesso anno è di nuovo dietro alla macchina da presa con “La caduta degli angeli ribelli”, con Alida Valli e Vittorio Mezzogiorno, nuova riflessione sul ’68 e il terrorismo, meno riuscito della sua opera prima ma non per questo priva d’interesse.

Il format della fiction d'inchiesta con "Appuntamento a Liverpool"

Nel 1982 realizza per il Festival di Salsomaggiore il video musicale “Young Person’s Guide to the Orchestra”, da Benjamin Britten.

Nel 1984 cura il riuscitissimo adattamento per il piccolo schermo del romanzo di Carlo Castellaneta, “Notti e nebbie”, con Umberto Orsini, Senta Berger, Laura Morante e Eleonora Giorgi, in cui racconta la fine inesorabile di Salò, e con essa delle ultime speranze di ripresa per il regime fascista.

Successivamente nel 1988 dirige “Appuntamento a Liverpool”, raro esempio di fiction d’inchiesta priva di retorica o falsi moralismi con Isabella Ferrari e John Steiner. Il film, presentato in anteprima al Lido, racconta in modo incisivo, la strage del 29 maggio 1985 allo stadio dell’Heysel (Bruxelles) dove, durante la finale di Coppa Campioni, morirono 39 spettatori, di cui ben 3 tifosi italiani della Juventus, per gli incidenti scoppiati a causa di alcuni atti violenti al seguito del Liverpool.

La cronaca e la morale di Marco Tullio Giordana in "Pasolini, un delitto italiano" e "I cento passi"

Nel 1991 firma la regia di “La neve sul fuoco”, uno degli episodi del film “La domenica specialmente”, per il quale si ispira ai racconti di Tonino Guerra. La pellicola vanta nel cast la presenza di Bruno Ganz, Philippe Noiret, Ornella Muti, Nicoletta Braschi, Chiara Caselli e Nicola Di Pinto, e per gli altri tre episodi vede alla regia Giuseppe Tornatore, Giuseppe Bertolucci e Francesco Barilli.

Nel 1995 realizza con i suoi più amati collaboratori, gli sceneggiatori Rulli e Petraglia, il controverso “Pasolini, un delitto italiano”, col quale porta sullo schermo i dubbi sulla conduzione delle indagini per l’efferato delitto dell’artista.

Nel 1996 partecipa col corto “Scarpette bianche” ad un progetto Rai a favore dell’Unicef. Nel 2000 torna al Festival di Venezia e vince il premio per la Miglior Sceneggiatura, con “I cento passi”, film in cui racconta la breve vita e la tragica morte di Peppino Impastato, un giovane siciliano che pagò con la vita la sua lotta contro la mafia, fu giustiziato dal clan Badalamenti lo stesso giorno in cui a Roma ritrovarono il cadavere di Aldo Moro. Impastato è impersonato da un bravissimo Luigi Lo Cascio, e la sceneggiatura viene premiata anche con un nastro d’Argento.

Sceneggiature raffinate e forte carica emotiva: questa l'essenza del regista milanese

Lo stesso anno collabora allo script del giallo “Almost Blue”, di Alex Infascelli, per il quale vince il David di Donatello per la sceneggiatura.

Nel 2003 realizza per la Rai “La meglio gioventù’”, film vincitore nella sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes. L’opera, di ben sei ore, scritta da Rulli e Petraglia, racconta la storia d’Italia dal Sessanta ai nostri giorni, attraverso gli occhi di una famiglia medio borghese, che attraversa questi decenni tra gioie e sofferenze, protagonista, spesso involontaria, di tante situazioni dolorose.

La dedizione con la quale il regista si sofferma sui personaggi, la carica emotiva data a ciascuno di loro da un cast eccezionale, tra i quali ricordiamo Alessio Boni, Maya Sansa, Luigi Lo Cascio, Adriana Asti, Sonia Bergamasco, Jasmine Trinca e Fabrizio Gifuni, regalano al film sette Nastri d’Argento e sei David di Donatello. Il successo è tale che il film va sul grande schermo in due parti, prima della messa in onda in tv in quattro puntate.

Il "Romanzo di una strage" di Tullio Giordana

Registi e sceneggiatori hanno mostrato come si può fare fiction di successo trattando argomenti intensi, che ci fanno riflettere sul nostro passato, senza retorica o revisionismo, mettendo in primo piano le persone e l’intimità delle loro scelte. I film successivi, seppur interessanti, non raggiungono i livelli di “La meglio gioventù”, senza dubbio l’opera più bella del regista.

“Quando sei nato non puoi più nasconderti” del 2005, che vede Alessio Boni come protagonista, parla di immigrati e solidarietà; in “Sangue pazzo”, del 2008, narra gli ultimi anni di vita della coppia di famosi attori Ferida e Valenti, interpretati da Monica Bellucci e Luca Zingaretti, e di come furono giustiziati dai partigiani per la loro fedeltà al regime fascista.

Nel 2012 è la volta di "Romanzo di una strage", che negli ultimi anni ha impegnato il regista e i fidati Rulli e Petraglia nella scrittura e nelle indagini della strage di Piazza Fontana, un altro doloroso e irrisolto capitolo della nostra recente storia.

Nel 2017 inizia le riprese di "Nome di donna", film racconta la storia di Nina Martini che si trasferisce con la figlia in un piccolo paesino dove è riuscita a trovare lavoro. Scoprirà presto che il responsabile della struttura, presso cui lavora, nasconde un terribile segreto.

Maria Grazia Bosu

Marco Tullio Giordana Filmografia - Cinema

Marco Tullio Giordana regia

  • Young Person's Guide to the Orchestra (Corto ispirato dalla partitura di B. Britten) (1982)
  • Maledetti, vi amerò (1980)
  • La caduta degli angeli ribelli (1981)
  • Appuntamento a Liverpool (1988)
  • La domenica specialmente (Episodio La neve sul fuoco) (1991)
  • L'unico paese al mondo (Cortometraggio collettivo) (1994)
  • Pasolini, un delitto italiano (1995)
  • I cento passi (2000)
  • La meglio gioventù (2003)
  • Quando sei nato non puoi più nasconderti (2005)
  • Sanguepazzo (2008)
  • Romanzo di una strage (2012)
  • Nome di donna (2017)

Marco Tullio Giordana Filmografia - Televisione

  • Notti e nebbie (Film TV) (1984)
  • Scarpette bianche (Mediometraggio TV) (1996)
  • La rovina della Patria (Mediometraggio TV) (1997)
  • Lea (Film Tv) (2015)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *