L’insulto

L’insulto - Recensione: un film emotivamente intenso e di grande valore politico

L'insulto film

Toni (Adel Karam) è un libanese cristiano e litiga per futili motivi con l’ingegnere palestinese Yasser (Kamel El Basha) che si occupa della ristrutturazione del quartiere a Beirut. I due finiranno davanti a un giudice scatenando, senza volerlo, un caso politico, partendo da un dramma processuale che coinvolge ben più che i due contendenti.

Con "L'insulto" Ziad Doueiri dirige un’opera rigorosa sulla difficile convivenza di culture diverse nel suo paese

È un film politico a 360° “L’insulto”, premiato a Venezia con la Coppa Volpi per la Miglior interpretazione maschile a Kamel El Basha, attore palestinese con un background teatrale. Non è la prima volta che il giovane regista Ziad Doueiri racconta il conflitto tra religioni prendendo le mosse da piccole storie. L’ha fatto nella sua opera prima “West Beyrouth”, e in “The Attack” del 2013 bandito dal Libano per avere nel cast degli attori israeliani. Anche in questo caso la scelta degli interpreti non è affatto casuale, poiché Toni/Abdel Karam è un cristiano e il suo contendente Yasser/Kamel El Basha è palestinese. Eppure entrambi sono profughi in casa loro per ragioni diverse. Con queste premesse il regista riesce a colpire sin dall’inizio il cuore dello spettatore.

La piccola disputa, nata dalla banale acqua caduta dal balcone, è la miccia di una bomba a orologeria che esplode letteralmente con una frase detta da Toni: Ariel Sharon avrebbe dovuto uccidervi tutti.

L’insulto: quando le parole feriscono più di una coltellata

Il film di Doueiri è in continuo crescendo anche grazie allo stato di grazia dei due interpreti principali in sintonia perfetta. Il passaggio all’aula di tribunale è all’insegna di continui colpi di scena, a cominciare dalla scoperta che i due avvocati delle controparti sono padre e figlia.

“L’insulto” ha qualcosa del western nel contrapporre due parti che non sono poi così lontane. Anche gli stessi Toni e Yasser nascondono dei terribili segreti che verranno alla luce in un finale perfetto. Quello che colpisce è che nessuno in questo dramma vince. Sono tutti perdenti e stranieri nel loro paese.

È iconica in tal senso la frase “Nessuno detiene il monopolio della sofferenza”, dall’avvocato di Yasser, la giovane Camille (Wajdi Wehble), che concentra in poche parole il plot.

La regia perfetta è coadiuvata da un’ottima sceneggiatura firmata da Joelle Touma, già collaboratrice nonchè ex moglie del regista. Da citare, anche la riuscita contestualizzazione storica degli eventi, non ultimo il massacro di Damur fatto dai palestinesi nel gennaio del 1976 ai danni della popolazione cristiano/maronita. È questo il segreto nascosto di Toni, che tuttavia riuscirà a riconciliarsi con Yasser in un finale quanto mai toccante.

"L'insulto" è il candidato libanese alla nomination agli Oscar 2018 nella categoria Miglior Film Straniero e mai premio sarebbe così meritato per la lucidità e l’ecumenicità della narrazione.
Ivana Faranda

  • Titolo originale: L'insulte
  • Regia: Ziad Doueiri
  • Cast: Adel Karam, Kamel El Basha, Camille Salameh, Rita Hayek
  • Genere: Drammatico, colore
  • Durata: 110 minuti
  • Produzione: Libano, 2017
  • Distribuzione: Lucky Red
  • Data di uscita: 6 dicembre 2017

L’insulto locandinaAmbientato nella Beirut di oggi in Libano. Toni, un meccanico militante nella destra cristiana, in un momento di rabbia dopo un battibecco causato da un tubo rotto, pronuncia un pesante insulto a Yasser, un capocantiere scrupoloso, profugo palestinese. Questo insulto innesca una spirale di azioni e violenza che porterà conseguenze gravi su tutti e due i protagonisti della vicenda.

L’insulto: rancori di guerra

 

Il film "L’insulto" è scritto e diretto dal regista libanese Ziad Doueiri, che all’inizio della carriera ha lavorato con Quentin Tarantino come assistente di camera nei film “Le Iene”, “Pulp Fiction”, “Jackie Brown” e “Dal tramonto all’alba”. Autore in passato del film “West Beirut” dove la guerra libanese da avventura personale diventava tragedia nazionale.

Nel film “L’insulto” la guerra, almeno militarmente, è finita, ma i vecchi rancori mai sopiti tra cristiani libanesi e profughi palestinesi sono sempre dietro l’angolo. Basta un niente per riaccendere la miccia e far scoppiare una rivolta che porta i strascichi del passato.

“L’insulto” è stato presentato in concorso alla 74^ Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, vincendo la Coppa Volpi per la Miglior interpretazione maschile premio che è andato a Kamel El Basha nei panni del profugo palestinese Yasser.

Il ruolo del meccanico cristiano è interpretato da Adel Karam, attore libanese già visto nei film di Nadine Labaki, “Caramel” e “E ora dove andiamo?”.

Al ritorno in patria dopo aver presentato il film al Festival di Venezia il regista Ziad Doueiri è stato arrestato dal governo libanese per collaborazionismo col nemico.

Il film “L’insulto” è stato scelto come candidato all’Oscar per il Libano nella categoria Miglio Film Straniero.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *