Leopoldo Trieste

Leopoldo Trieste è stato un acclamato attore e sceneggiatore italiano che, dopo una florida esperienza teatrale, ha deciso di dedicarsi al mondo del cinema lavorando con i più grandi registi del '900 e impegnandosi in prima persona anche a dirigere due film.

Leopoldo Trieste: attore e autore per il teatro e il cinema

(Reggio Calabria, 3 Maggio 1917 – Roma, 25 Gennaio 2003)

Leopoldo Trieste bioOriginario di Reggio Calabria, Leopoldo Trieste inizia la sua carriera artistica giovanissimo, scegliendo come trampolino di lancio il teatro, per cui recita e scrive di suo pugno drammi e commedie.

Il suo lavoro più famoso e riconosciuto anche fuori dall'Italia è una trilogia di opere teatrali che trattano il tema della brutalità e della violenza della guerra appena conclusa: "La frontiera" (1945), "Cronaca" (1946) che ha il merito di aver rappresentato per la prima volta il tema dell'Olocausto sul palcoscenico, arrivando persino a Berlino, e  "N.N." (1947).

Dopo aver recitato insieme a Vittorio Gassman nella pellicola di Giovanni Paolucci, "Preludio d'amore" (1946), nel dopoguerra Trieste decide di dedicarsi soprattutto alle sceneggiature per il cinema, cogliendo l'importanza che il mezzo filmico avrebbe avuto soprattutto negli anni successivi. L'attore calabrese collabora, infatti, alla stesura di "Gioventù perduta"(1948), due anni dopo de "I fuorilegge" e "Febbre di vivere" (1953) di Claudio Gora, ispirato all'ormai noto dramma teatrale "Cronaca".

L'esordio cinematografico e gli anni d'oro

A mettere in evidenza le doti recitative di Leopoldo Trieste è il grande regista Federico Fellini che grazie a due ruoli importanti, prima ne "Lo sceicco bianco" del 1952 e poi ne "I vitelloni" del 1953", lo lancia ufficialmente sul grande schermo. In questi anni però, prima di impegnarsi completamente nel ruolo di interprete, decide di cimentarsi in un'esperienza inedita, dirigendo le due pellicole "Città di notte" (1958) e la commedia romantica "Il peccato degli anni verdi" (1960), raggiungendo anche un discreto apprezzamento della critica.

La sua carriera è in continua ascesa e Trieste si abbandona completamente al cinema: la sua semplicità e naturalezza lo inseriscono brillantemente nel mondo delle commedie italiane tra cui vanno ricordate l'indimenticabile "Divorzio all'italiana" (1961) di Pietro Germi in cui interpreta l'amante Carmelo Patanè e "Sedotta e abbandonata" diretta dallo stesso regista tre anni dopo, entrambe con una giovanissima Stefania Sandrelli.

Dopo aver conosciuto il romano Alberto Sordi sul set de "Lo sceicco bianco", inizia con lui una fortunata collaborazione che si protrae per ben nove pellicole, fra cui "Un americano a Roma" (1954), " Il medico della mutua (1968) e il grande successo "Il marchese del Grillo" (1981), in cui ha vestito i panni del povero cappellano don Sabino.

Numerosi anche i registi stranieri che lo scelgono per importanti produzioni internazionali:  è presente nel cast di "Addio alle armi" di Charles Vidor nel 57 e in "Che gioia vivere" (1961), diretto dal francese René Clément (1961); Francis Ford Coppola lo vuole nell'atteso sequel "Il padrino - Parte II" (1974) e recita ne "Il nome della rosa" (1986), regia di Jean-Jacques Annaud. Leopoldo Trieste, ormai una garanzia per la buona riuscita di un fim, viene chiamato dal nostro Giuseppe Tornatore a prendere parte al pluripremiato e vincitore dell'Oscar come Miglior film straniero "Nuovo Cinema Paradiso" (1988) nel ruolo di padre Adelfio e anche nel successivo "L'uomo delle stelle" (1995) che gli ha fatto guadagnare, l'anno successivo, il David di Donatello e il Nastro d'argento come Migliore attore non protagonista.

Leopoldo Trieste: la televisione e gli ultimi anni

La bravura di Leopoldo Trieste non è passata di certo inosservata nemmeno in televisione: appare in una puntata de "Le inchieste del commissario Maigret" ("Maigret e i diamanti"), prende parte anche a "La famiglia Benvenuti" (1968 - 69), lo sceneggiato "Il Circolo Pickwick" (1967-68), la miniserie TV diretta da Franco Rossi "Quo vadis?" (1985) e molti altri.

Nel 2000 torna sul piccolo schermo in una puntata dell'amata fiction "Il commissario Montalbano" nell'episodio "Il cane di terracotta". Negli ultimi anni si riavvicina brevemente al teatro, per cui scrivi qualche commedia e nel 2003, all'età di 85 anni, muore per un un infarto al Policlinico Umberto I di Roma.

Ludovica Attenni

Leopoldo Trieste Filmografia - Cinema

Leopoldo Trieste attore

L'attore Leopoldo Trieste in una scena dell'horror-thriller "Reazione a catena" (1971), regia di Mario Bava

  • Preludio d'amore, regia di Antonio Paolucci (1946)
  • Lo sceicco bianco, regia di Federico Fellini (1952)
  • I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)
  • Lo scocciatore (Via Padova 46), regia di Giorgio Bianchi (1953)
  • Un giorno in pretura, regia di Steno (1954)
  • Dov'è la libertà?, regia di Roberto Rossellini (1954)
  • Un americano a Roma, regia di Steno (1954)
  • Il coraggio, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli (1955)
  • Il padrone sono me, regia di Franco Brusati (1955)
  • Buonanotte... avvocato!, regia di Giorgio Bianchi (1955)
  • Destinazione Piovarolo, regia di Domenico Paolella (1955)
  • Il segno di Venere, regia di Dino Risi (1955)
  • Città di notte, regia di Leopoldo Trieste (1956)
  • Ritorno alla vita, regia di José Antonio Nieves Conde (1956)
  • Addio alle armi, regia di Charles Vidor (1957)
  • Il moralista, regia di Giorgio Bianchi (1959)
  • I ragazzi dei Parioli, regia di Sergio Corbucci (1959)
  • Avventura a Capri, regia di Giuseppe Lipartiti (1959)
  • Tutti innamorati, regia di Giuseppe Orlandini (1959)
  • Le svedesi, regia di Gian Luigi Polidoro (1960)
  • Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
  • Un giorno da leoni, regia di Nanni Loy (1961)
  • Divorzio all'italiana, regia di Pietro Germi (1961)
  • La smania addosso, regia di Marcello Andrei (1963)
  • Il successo, regia di Mauro Morassi (1963)
  • Sedotta e abbandonata, regia di Pietro Germi (1964)
  • Sedotti e bidonati, regia di Giorgio Bianchi (1964)
  • Via Veneto, regia di Giuseppe Lipartiti (1964)
  • Panic Button... operazione fisco!, regia di Giuliano Carnimeo (1964)
  • Le voci bianche, regia di Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa (1964)
  • F.B.I. operazioine Baalbeck, regia di Marcello Giannini (1964)
  • Bianco, rosso, giallo, rosa, regia di Massimo Mida (1964)
  • Una questione d'onore, regia di Luigi Zampa (1965)
  • L'ombrellone, regia di Dino Risi (1965)
  • La ragazza del bersagliere, regia di Alessandro Blasetti (1966)
  • Una vergine per il principe, regia di Pasquale Festa Campanile (1966)
  • Spara forte, più forte... non capisco, regia di Eduardo De Filippo (1966)
  • Gente d'onore, regia di Folco Lulli (1967)
  • A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
  • Assicurasi vergine, regia di Giorgio Bianchi (1967)
  • Il medico della mutua, regia di Luigi Zampa (1968)
  • La prova generale, regia di Renato Scavolini (1968)
  • La cintura di castità, regia di Pasquale Festa Campanile (1968)
  • Escalation, regia di Roberto Faenza (1968)
  • L'uomo venuto dal Kremlino, regia di Michael Anderson (1968)
  • Togli le gambe dal parabrezza, regia di Massimo Franciosa (1969)
  • Il segreto di Santa Vittoria, regia di Stanley Kramer (1969)
  • Il clan dei siciliani, regia di Henri Verneuil (1969)
  • The Martlet's Tale, regia di John Crowther (1970)
  • Le avventure di Gerard, regia di Jerzy Skolimowski (1970)
  • Pussycat, Pussycat, I love you, regia di Rod Amateau (1970)
  • Una macchia rosa, regia di Enzo Muzii (1970)
  • L'asino d'oro: processo per fatti strani contro Lucius Apuleius cittadino romano, regia di Sergio Spina (1970)
  • Stress, regia di Corrado Prisco (1971)
  • Darsela a gambe, regia di Philippe de Broca (1971)
  • La vacanza, regia di Tinto Brass (1971)
  • Reazione a catena, regia di Mario Bava (1971)
  • Il sorriso del ragno, regia di Massimo Castellani (1971)
  • Trastevere, regia di Fausto Tozzi (1971)
  • Mania di grandezza, regia di Gérard Oury (1971)
  • Racconti proibiti... di niente vestiti, regia di Brunello Rondi (1972)
  • Anche se volessi lavorare, che faccio?, regia di Flavio Mogherini (1972)
  • Una cavalla tutta nuda, regia di Franco Rossetti (1972)
  • Mafiosi di mezza tacca e una governante dritta, regia di Cy Howard (1972)
  • Colpiscono senza pietà, regia di Mike Hodges (1972)
  • Il tuo piacere è il mio, regia di Claudio Racca (1973)
  • La signora è stata violentata!, regia di Vittorio Sindoni (1973)
  • A Venezia... un dicembre rosso shocking, regia di Nicholas Roeg (1973)
  • Viaggia, ragazza, viaggia, hai la musica nelle vene, regia di Pasquale Squitieri (1974)
  • Amore mio non farmi male, regia di Vittorio Sindoni (1974)
  • L'ammazzatina, regia di Ignazio Dolce (1974)
  • Fischia il sesso, regia di Gian Luigi Polidoro (1974)
  • Commissariato di notturna, regia di Guido Leoni (1974)
  • Il Saprofita, regia di Sergio Nasca (1974)
  • Il padrino - Parte II, regia di Francis Ford Coppola (1974)
  • I baroni, regia di Gian Paolo Lomi (1975)
  • Son tornate a fiorire le rose, regia di Vittorio Sindoni (1975)
  • Due cuori, una cappella, regia di Maurizio Lucidi (1975)
  • Roma drogata la polizia non può intervenire, regia di Luciano Marcaccini (1975)
  • Vergine, e di nome Maria, regia di Sergio Nasca (1975)
  • Lezioni private, regia di Vittorio De Sisti (1975)
  • Perdutamente tuo... mi firmo Macaluso Carmelo fu Giuseppe, regia di Vittorio Sindoni (1976)
  • Lezioni di violoncello con toccata e fuga, regia di Davide Montemurri (1976)
  • L'uomo di Corleone, regia di Duilio Coletti (1977)
  • Il giorno dell'Assunta, regia di Nino Russo (1977)
  • L'albero della maldicenza, regia di Giacinto Bonacquisti (1979)
  • Caligola, regia di Tinto Brass (1979)
  • Black Stallion, regia di Carroll Ballard (1979)
  • Piedone d'Egitto, regia di Steno (1980)
  • Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981)
  • Piso pisello, regia di Peter Del Monte (1982)
  • Malamore, regia di Eriprando Visconti (1982)
  • Trenchcoat, regia di Michael Tuchner (1983)
  • Enrico IV, regia di Marco Bellocchio (1984)
  • Passaporto segnalato, regia di Sergio Martino (1985)
  • Momo, regia di Johannes Schaaf (1986)
  • Il nome della rosa, regia di Jean-Jacques Annaud (1986)
  • Il coraggio di parlare, regia di Leandro Castellani (1987)
  • Don Bosco, regia di Leandro Castellani (1988)
  • I giorni randagi, regia di Fabio Ottoni (1988)
  • Nuovo cinema Paradiso, regia di Giuseppe Tornatore (1988)
  • Stradivari, regia di Giacomo Battiato (1988)
  • Il sole buio, regia di Damiano Damiani (1990)
  • Viaggio d'amore, regia di Ottavio Fabbri (1990)
  • Italia Village, regia di Giancarlo Planta (1994)
  • Il giudice ragazzino, regia di Alessandro di Robilant (1994)
  • L'uomo delle stelle, regia di Giuseppe Tornatore (1995)
  • Ojos de amatista, regia di Roberto Aguerre (1996)
  • Marianna Ucria, regia di Roberto Faenza (1997)
  • Il manoscritto del principe, regia di Roberto Andò (2000)
  • Il consiglio d'Egitto, regia di Emidio Greco (2003)

Leopoldo Trieste Filmografia - Regista

  • Città di notte (1958)
  • Il peccato degli anni verdi (1960)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *