Laurence Olivier

Laurence Olivier viene annoverato, insieme a Paul Newman ed Henry Fonda, come uno dei più grandi attori del XX secolo. Detiene il peculiare primato di aver ricevuto prima l'Oscar alla Carriera e solo in seguito come miglior attore.

Laurence Olivier, il teatro di Shakespeare al cinema

(Dorking, 22 maggio 1907 – Styninig, 11 luglio 1989)

Laurence Olivier bioFiglio di un pastore anglicano, Laurence Olivier è nato il 22 maggio del 1907 a Dorking, nel Surrey, cresce in un ambiente rigido e severo, temperato solo dall’influenza della madre. Per sfuggire all’oppressività della sua famiglia, il giovane Laurence si dedica al teatro fin dall’età di 13 anni e, dopo aver studiato recitazione a Londra, fa il suo esordio nel 1926 a Birmingham. Nel 1930, grazie a una parte nella commedia “Private Lives” di Noel Coward, diventa famoso a livello nazionale, una fama che incrementerà durante gli anni Trenta grazie a interpretazioni di Shakespeare ormai passate alla storia.

Il suo esordio cinematografico risale agli stessi anni, il suo primo grande successo è il drammatico “Yellow Ticket” (1931) al fianco di Lionel Barrymore. Nonostante Olivier lavori in questi anni con i migliori registi inglesi, specialmente con Alexander Korda, continua a considerare il cinema come un passatempo ben pagato. Sul set di “Elisabetta d’Inghilterra” (1937) conosce la giovane Vivien Leigh e comincia con lei una tormentata storia d’amore.

Alla fine degli anni Trenta, Olivier è considerato il più grande attore inglese e riceve pressanti inviti a trasferirsi ad Hollywood, qui gira subito due film di successo: “La voce nella tempesta” di William Wyler, un adattamento del classico “Cime tempestose” e “Rebecca la prima moglie” (1940), noir d’esordio americano del suo connazionale Alfred Hitchcock.

Allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, Olivier si arruola volontario e combatte nella RAF, successivamente viene onorato dalla Regina col titolo di Baronetto. A partire dal 1944 comincia a girare la serie di film shakespeariani che lo renderanno famoso anche come regista. Si tratta di “Enrico V” (1944), “Amleto” (1948) e “Riccardo III” (1955). I tre film risultano essere dei grandissimi successi, fruttando a Olivier un Oscar “speciale” nel 1944, due Oscar come Miglior Regista e Miglior Attore nel 1948 e una nomination nel 1955. Il “Riccardo III” è anche uno dei primi film trasmessi per televisione dal prestigioso network NBC con una audience stratosferica.

Fra i successivi film girati da Olivier come regista e tratti da famose opere teatrali bisogna citare almeno “Otello” del 1965 e “Tre sorelle” del 1970. Innumerevoli i ruoli interpretati come attore in produzioni cinematografiche americane e inglesi nella sua lunghissima carriera.

Fra i più noti al grande pubblico: “Spartaco” (1960) di Kubrick, nei panni dell’ambiguo Crasso, “Gli insospettabili” (1972), un thriller di Joseph Mankiewicz, “Amore tra le rovine” (1975) love story al fianco di Katherine Hepburn, “Il maratoneta” (1976) di John Schlesinger dove interpreta un fanatico torturatore nazista, “I ragazzi venuti dal Brasile” dove è il diabolico dottor Mengele e il mitologico “Scontro di Titani” (1981), nel quale interpreta Zeus.

Dopo un vita ricca di onori e riconoscimenti, si spegne nella sua casa nel Sussex, l’11 luglio 1989. Successivamente il governo inglese ha disposto il suo seppellimento nell’abbazia di Westminster, un onore raramente concesso a un uomo di spettacolo.

Massimiliano Ponzi

Laurence Olivier Filmografia - Cinema

Laurence Olivier filmografia

  • Too Many Crooks, regia di George King (Cortometraggio) (1930)
  • The Temporary Widow, regia di Gustav Ucicky (1930)
  • La sfinge dell'amore, regia di Victor Schertzinger (1931)
  • Il passaporto giallo, regia di Raoul Walsh (1931)
  • Potiphar's Wife, regia di Maurice Elvey (1931)
  • Westward Passage, regia di Robert Milton (1932)
  • Perfect Understanding, regia di Cyril Gardner (1933)
  • No Funny Business, regia di Victor Hanbury e John Stafford (1933)
  • Moscow Nights, regia di Anthony Asquith (1935)
  • La conquista dell'aria, regia di Alexander Esway, Zoltan Korda, John Monk Saunders, Alexander Shaw e Donald Taylor (1936)
  • Come vi piace, regia di Paul Czinner (1936)
  • Elisabetta d'Inghilterra, regia di William K. Howard (1937)
  • L'avventura di Lady X, regia di Tim Whelan (1938)
  • Ali che non tornano, regia di Tim Whelan e Arthur B. Woods (1939)
  • La voce nella tempesta, regia di William Wyler (1939)
  • Rebecca - La prima moglie, regia di Alfred Hitchcock (1940)
  • Tre settimane di paura, regia di Basil Dean (1940)
  • Orgoglio e Pregiudizio, regia di Robert Z. Leonard (1940)
  • Il grande ammiraglio, regia di Alexander Korda (1941)
  • Gli invasori - 49º parallelo, regia di Michael Powell (1941)
  • Nuovo orizzonte, regia di Anthony Asquith (1943)
  • La famiglia Gibbon, regia di David Lean (1944)
  • Enrico V, regia di Laurence Olivier (1944)
  • Amleto, regia di Laurence Olivier (1948)
  • Stupenda conquista, regia di John Boulting (1951)
  • Gli occhi che non sorrisero, regia di William Wyler (1952)
  • Il masnadiero, regia di Peter Brook (1953)
  • Riccardo III, regia di Laurence Olivier (1955)
  • Il principe e la ballerina, regia di Laurence Olivier (1957)
  • Il discepolo del diavolo, regia di Guy Hamilton (1959)
  • Gli sfasati, regia di Tony Richardson (1960)
  • Spartacus, regia di Stanley Kubrick (1960)
  • L'anno crudele, regia di Peter Glenville (1962)
  • Uncle Vanya, regia di Stuart Burge (1963)
  • Bunny Lake è scomparsa, regia di Otto Preminger (1965)
  • Otello, regia di Stuart Burge (1965)
  • Khartoum, regia di Basil Dearden, Eliot Elisofon (1966)
  • L'uomo venuto dal Kremlino, regia di Michael Anderson (1968)
  • Oh, che bella guerra!, regia di Richard Attenborough (1968)
  • The Dance of Death, regia di David Giles (1969)
  • I lunghi giorni delle aquile, regia di Guy Hamilton (1969)
  • David Copperfield, regia di Delbert Mann (1970)
  • Tre sorelle, regia di Laurence Olivier, John Sichel (1970)
  • Nicola e Alessandra (Nicholas and Alexandra), regia di Franklin J. Schaffner (1971)
  • Gli insospettabili, regia di Joseph L. Mankiewicz (1972)
  • Peccato d'amore, regia di Robert Bolt (1972)
  • The Rehearsal, regia di Jules Dassin (1974)
  • Amore tra le rovine, regia di George Cukor (1975)
  • Il maratoneta, regia di John Schlesinger (1976)
  • Sherlock Holmes: soluzione settepercento, regia di Herbert Ross (1976)
  • Quell'ultimo ponte, regia di Richard Attenborough (1977)
  • The Betsy, regia di Daniel Petrie (1978)
  • I ragazzi venuti dal Brasile, regia di Franklin J. Schaffner (1978)
  • Una piccola storia d'amore, regia di George Roy Hill (1979)
  • Dracula, regia di John Badham (1979)
  • Il cantante di Jazz, regia di Richard Fleischer (1980)
  • Inchon, regia di Terence Young (1981)
  • Scontro di titani, regia di Desmond Davis (1981)
  • Triplo gioco, regia di Terence Young (1983)
  • Il Bounty, regia di Roger Donaldson (1984)
  • I 4 dell'Oca selvaggia II, regia di Peter R. Hunt (1985)
  • War Requiem, regia di Derek Jarman (1989)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *