Kevin Spacey: nuove accuse da Londra

Kevin Spacey è indagato dalla polizia di Londra in seguito alla terza denuncia per molestie sessuali sporta nei suoi confronti nel dicembre del 2017.

Terza accusa di molestie sessuali per Kevin Spacey, Scotland Yard indaga

Kevin Spacey piano americano

Una nuova accusa di molestie sessuali è stata mossa nei confronti di Kevin Spacey, la terza in cui l’attore premio Oscar viene coinvolto. Mercoledì Scotland Yard ha dichiarato alla rivista Variety che l’accusa è pervenuta il 13 dicembre, ma solo ora è stato confermato che gli agenti del dipartimento competente della polizia di Londra hanno iniziato le investigazioni.

Questa volta il capo d’accusa è un abuso ai danni di un uomo, che si sarebbe verificato nel 2005 nel borough londinese di Westminster. È la terza indagine per molestie condotta su Spacey, dopo quelle risalenti al 2005 e al 2008 nel borough di Lambeth, nella Londra meridionale.

Alla fine dello scorso anno il teatro Old Vic di Londra, che si trova appunto a Lambeth e di cui Spacey è stato il direttore artistico dal 2004 al 2015, aveva dichiarato che, dopo aver caldamente raccomandato di esprimere preoccupazioni o rimostranze, nei confronti dell’attore erano state esposte più di venti lamentele per comportamenti inappropriati. L’Old Vic aveva affermato di aver incoraggiato fortemente a denunciare l’accaduto alla polizia. Poco dopo queste dichiarazioni Scotland Yard aveva annunciato la sua seconda indagine su Spacey.

La prima fra le accuse contro l’attore era stata mossa da Anthony Rapp, il quale aveva dichiarato di essere stato molestato da Spacey a 14 anni. Da allora, secondo Rapp, qualcosa a Hollywood ha iniziato a smuoversi per quanto riguarda la questione degli abusi sessuali, grazie alle denunce che sono state sporte non solo contro Spacey, ma anche contro il produttore Harvey Weinstein e altri ancora.

Nonostante Spacey non sia stato incriminato per alcun reato, le ripetute accuse nei suoi confronti stanno compromettendo pesantemente la sua carriera; queste infatti gli sono costate l’esclusione dalla nuova stagione della serie di Netflix “House of Cards”, che lo vedeva protagonista, e dal film di Ridley Scott “All the Money in the World”.

Ilaria Ciciori

18/01/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *