Kathy Bates

Attrice talentuosa, guest star di serie tv e a partire dalla fine degli anni Novanta anche regista di alcune di esse, Kathy Bates si contraddistingue nel panorama cinematografico americano per essere un' interprete poliedrica e formidabile, detentrice, all'attivo, di un Golden Globe e un Oscar a riconoscimento delle sue grandi doti recitative.

Kathy Bates, l'infermiera psicopatica

(Memphis, 28 Giugno 1948)

Kathy Bates sorriso

Kathy Bates nasce il 28 giugno del 1948 a Memphis nel Tennessee, nel profondo Sud degli Stati Uniti. È la più giovane di tre sorelle, in una famiglia della middle class americana; il padre Doyle è un ingegnere meccanico, la madre una casalinga. Dopo gli studi superiori, la giovane Kathy si sente attratta dalla recitazione e decide di trasferirsi in Texas, dove si laurea in teatro alla Southern Methodist School di Dallas, nel 1969. Subito dopo, come molti aspiranti attori, si sposta a New York, cercando di ottenere dei ruoli a Broadway.

Nei primi anni Settanta la ragazza mostra tutto il suo talento e riesce a lavorare fra gli altri con Robert Altman, che nel 1976 la dirige nelle piece “Jimmy Dean, Jimmy Dean”, dove recita al fianco di Cher e Karen Black. Nel 1983 riceve un Tony Award per un ruolo in “Night, Mother” di Marsha Norman. L’opera ha un grande successo e rimane in scena per oltre un anno. Mentre sviluppa la sua carriera teatrale, Kathy non trascura i ruoli cinematografici. Già nel 1971 esordisce nella commedia “Taking Off”, il primo film americano del regista ceco Milos Forman. Nel 1978 è nel cast di “Vigilato speciale” con Dustin Hoffman.

Negli anni Ottanta, Altman adatta “Jimmy Dean, Jimmy Dean” (1982) per il cinema e Kathy partecipa al film insieme al resto del cast di Broadway. Recita in altri ruoli in piccoli film indipendenti e in produzioni TV come nella soap “La valle dei pini” fra il 1983 e il 1984. Nel 1989 ottiene una parte nel primo episodio della serie “Avvocati a Los Angeles”.

Gli anni 90': la consacrazione di Kathy Bates

Gli anni Novanta costituiscono una svolta per la carriera di Kathy Bates. Oltre a una piccola parte nel kolossal “Dick Tracy” (1990) di Warren Beatty, Kathy viene reclutata da Rob Reiner per l’horror “Misery non deve morire” (1990) adattato da un noto racconto di Stephen King. Al fianco di James Caan, la Bates interpreta un’infermiera folle che tiene in ostaggio e tortura uno scrittore per impedirgli di “uccidere” un suo personaggio. Il successo del film, grazie anche all'eccellente recitazione dei due attori è immediato. Kathy vince un Golden Globe e un Oscar come Miglior Attrice Protagonista.

Grazie al successo di “Misery non deve morire”, l’attrice riceve più offerte di ruoli da protagonista. Nel 1991, al fianco di Jessica Tandy, è nel cast di “Pomodori verdi fritti alla fermata del treno” di Jon Avnet, nel ruolo di una timida casalinga dell’Alabama che riesce a redimersi dalla sua condizione di debolezza. Nel 1995 è la protagonista di “Dolores Claiborne”, ancora un adattamento da Stephen King, girato da Taylor Hackford. L’attrice veste i panni di una donna che ha il coraggio di uccidere il marito che la perseguitava, ma rischia di essere incolpata per un delitto che non ha commesso. Nel 1997 è nel cast del monumentale “Titanic” di James Cameron.

L'esperienza da regista e ancora tanto successo come interprete

Kathy Bates AttriceA partire dalla fine degli anni Novanta, Kathy Bates passa anche dietro la macchina da presa, dirigendo episodi televisivi di celebri serial come “NYPD”, “Oz” e “Six Feet Under”, nel quale interpreta anche diversi episodi.

Nel 2002, recitando accanto a Jack Nicholson, riceve una nomination come Miglior Attrice Non Protagonista per il suo ruolo in “A proposito di Schmidt” di Alexander Payne.

Successivamente, oltre a una parte nel serial TV di culto “The Office”, prende parte al drammatico “Revolutionary Road” (2008) di Sam Mendes e al divertente “Midnight in Paris” (2011) di Woody Allen, nel quale interpreta la scrittrice femminista Gertrude Stein.

Nel 2012 Kathy Bathes partecipa come guest star a una puntata della serie TV della CBS "Due Uomini E Mezzo" che le fa vincere un Emmy come Miglior Guest Star in una serie comedy. Nel 2013 è tra le protagoniste della serie "American Horror Story: Coven" di Ryan Murphy in onda sul canale americano FX: il ruolo di Delphine LaLaurie le fa guadagnare un Emmy come Migliore attrice non protagonista in una miniserie o film. Negli anni successivi accetta di partecipare alle altre tre stagioni della serie: "Freak Show", "Hotel" e " Roanoke", ottenendo candidature agli Emmy e ai Golden Globes.

Tiziano Filipponi

Kathy Bates Filmografia - Cinema

Kathy Bates film

  • Taking Off, regia di Milos Forman (1971)
  • Vigilato speciale, regia di Ulu Grosbard (1978)
  • Jimmy Dean, Jimmy Dean, regia di Robert Altman (1982)
  • Due come noi, regia di John Herzfeld (1983)
  • Il mattino dopo, regia di Sidney Lumet (1986)
  • Brivido d'estate, regia di Michie Gleason (1987)
  • Arturo 2: On the Rocks, regia di Bud Yorkin (1988)
  • La brillante carriera di un giovane vampiro, regia di Jimmy Huston (1988)
  • Signs of Life, regia di John David Coles (1989)
  • High Stakes, regia di Amos Kollek (1989)
  • Misery non deve morire, regia di Rob Reiner (1990)
  • Calda emozione, regia di Luis Mandoki (1990)
  • Dick Tracy, regia di Warren Beatty (1990) - cameo
  • Gli uomini della mia vita, regia di Paul Brickman (1990)
  • Giocando nei campi del Signore, regia di Hector Babenco (1991)
  • Pomodori verdi fritti alla fermata del treno, regia di Jon Avnet (1991)
  • Ombre e nebbia , regia di Woody Allen (1991)
  • The Road to Mecca, regia di Athol Fugard e Peter Goldsmid (1992)
  • La vedova americana, regia di Beeban Kidron (1992)
  • Doppia anima, regia di Norman René (1992)
  • Una casa tutta per noi, regia di Tony Bill (1993)
  • Living and Working in Space: The Countdown Has Begun, regia di Rob Mikuriya (1993)
  • Curse of the Starving Class, regia di J. Michael McClary (1994)
  • Genitori cercasi, regia di Rob Reiner (1994)
  • Angus, regia di Patrick Read Johnson (1995)
  • L'ultima eclissi, regia di Taylor Hackford (1995)
  • Conflitti di famiglia, regia di Emilio Estevez (1996)
  • Diabolique, regia di Jeremiah S. Chechik (1996)
  • Titanic, regia di James Cameron (1997)
  • Lo straniero che venne dal mare, regia di Beeban Kidron (1997)
  • I colori della vittoria, regia di Mike Nichols (1998)
  • A Civil Action, regia di Steven Zaillian (1998) - cameo non accreditato
  • Waterboy, regia di Frank Coraci (1998)
  • Baby Steps, regia di Geoffrey Nauffts (1999)
  • Bruno, regia di Shirley MacLaine (2000)
  • Rat Race, regia Jerry Zucker (2001) - cameo non accreditato
  • Gli ultimi fuorilegge, regia di Les Mayfield (2001)
  • Il segno della libellula - Dragonfly, regia Tom Shadyac (2002)
  • Love Liza, regia di Todd Louiso (2002)
  • Insieme per caso, regia di P.J. Hogan (2002)
  • A proposito di Schmidt, regia di Alexander Payne (2002)
  • Il giro del mondo in 80 giorni, regia di Frank Coraci (2004)
  • Tutte le ex del mio ragazzo, regia di Nick Hurran (2004)
  • The Ingrate, regia di Krystoff Przykucki - cortometraggio (2004)
  • Il ponte di San Luis Rey, regia di Mary McGuckian (2004)
  • Vizi di famiglia, regia di Rob Reiner (2005) - cameo non accreditato
  • A casa con i suoi, regia di Tom Dey (2006)
  • Guilty Hearts, regia di George Augusto e Savina Dellicour (2006)
  • Have Mercy, regia di Kathy Bates (2006)
  • Relative Strangers - Aiuto! sono arrivati i miei, regia di Greg Glienna (2006)
  • Solace, regia di Jonah Salander - cortometraggio (2006)
  • Quel che resta di mio marito, regia di Christopher N. Rowley (2006)
  • Fred Claus - Un fratello sotto l'albero, regia di David Dobkin (2007)
  • P.S. I Love You, regia di Richard LaGravenese (2007)
  • Ultimatum alla Terra, regia di Scott Derrickson (2008)
  • The Family That Preys, regia di Tyler Perry (2008)
  • Revolutionary Road, regia di Sam Mendes (2008)
  • Chéri, regia di Stephen Frears (2009)
  • Personal Effects, regia di David Hollander (2009)
  • The Blind Side, regia di John Lee Hancock (2009)
  • Appuntamento con l'amore, regia di Garry Marshall (2010)
  • You May Not Kiss the Bride, regia di Rob Hedden (2011)
  • Il mio angolo di paradiso, regia di Nicole Kassell (2011)
  • Midnight in Paris, regia di Woody Allen (2011)
  • Tammy, regia di Ben Falcone (2014)
  • L'ottava nota, regia di François Girard (2014)
  • The Great Gilly Hopkins, regia di Stephen Herek (2015)
  • The Boss, regia di Ben Falcone (2016)
  • Babbo bastardo 2, regia di Mark Waters (2016)
  • Complete Unknown - Cambio di identità, regia di Joshua Marston (2016)

Kathy Bates Filmografia - Televisione

  • L'ombra dello scorpione (Miniserie TV) (1994)
  • Una famiglia del terzo tipo (Serie TV, episodio 4x20) (1999)
  • Six Feet Under (Serie TV, 10 episodi) (2003-2005)
  • Franklin D. Roosevelt. Un uomo, un presidente, regia di Joseph Sargent (Film TV) (2005)
  • Alice, regia di Nick Willing (Miniserie TV) (2009)
  • The Office (Serie TV, 8 episodi) (2010-2011)
  • Due uomini e mezzo (Two and a Half Men) (Serie TV, episodio 9x22) (2012)
  • Harry's Law (Serie TV, 34 episodi) (2011-2012)
  • American Horror Story (Serie TV, 41 episodi) (2013-in corso)
  • Mike & Molly (Serie TV, episodio 4x15) (2014)
  • Feud (Serie TV) (2017)
  • Disjointed (Serie tv) (2017)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *