Jodie Foster

Attrice, regista, produttrice cinematografica statunitense, Jodie Foster ha vissuto una vita ad alto tasso di popolarità, una delle interpreti più potenti di Hollywood, intensa nei ruoli di 'suspance', attraverso i quali ha saputo conquistare, tenendo incollati allo schermo, i suoi fan di tutto il mondo.

Jodie Foster, attrice, regista e produttrice 'sotto accusa'

(Los Angeles, 19 novembre 1962)

Jodie Foster attrice e registaAttrice, regista e produttrice Jodie Foster ha confermato nel corso del tempo non solo le sue ottime qualità di interprete che l’hanno resa famosa fin da bambina, ma anche le doti in qualità di regista e produttrice in grado di fiutare lavori di successo e di valore.

Non inizia facilmente la vita di Alicia Christian Foster, soprannominata dalle sue due sorelle e dal fratello Jodie. La piccola infatti nasce dopo trentasei ore di travaglio, per le quali rischia la vita insieme alla madre e non ha accanto il padre, che ha abbandonato la moglie al quarto mese di gravidanza.

Ha 3 anni quando per la prima volta finisce sotto la luce dei riflettori con la pubblicità della lozione solare Coppertone. Da questo momento in poi la mamma le starà vicino diventando la sua manager e accompagnandola nel corso della sua carriera.

La 'ragazza' prodigio del cinema

Bambina prodigio, debutta in tv con diverse serie come: “The Doris Day Show” (1969), “Giulia” (1969), “Disneyland” (1970), “Una moglie per papà” (1969 – 1971) e una partecipazione al famoso “Bonanza” (1972).

L’esordio sul grande schermo avviene accanto a Michael Douglas in “Due ragazzi e un leone” (1972) in cui Jodie viene ferita lievemente alle labbra dall’animale protagonista. Questo piccolo incidente non ferma di certo l’accanita ragazzina che prosegue per la via del successo con “Tom Sawyer” (1973), tratto dal famoso romanzo di Mark Twain.

Il salto di qualità avviene quando il grande Scorsese le offre di recitare in “Alice non abita più qui” (1975), per poi richiederla nuovamente, accanto a Robert De Niro in “Taxi Driver” (1976), dove interpreta una giovanissima prostituta, ruolo per il quale Jodie viene seguita da uno psichiatra e sostituita per le scene più forti dalla sorella Connie, anche lei attrice, ma più grande di otto anni. Questa importante interpretazione le vale la candidatura all’Oscar come Miglior Attrice Non Protagonista e le fa vincere un BAFTA.

Attrice 'sotto accusa' nel 1988

È sempre il 1976 quando recita in “Piccoli gangsters” di Alan Parker, al quale seguono “Tutto accadde un venerdì” (1977), “Casotto” (1977) pellicola memorabile di Sergio Citti, che le offre la possibilità di migliorare il suo italiano (lingua che parla oltre al francese); e “Una ragazza, un maggiordomo, una lady” (1978). Dopo aver rotto il contratto con la Disney, inizia il nuovo decennio con il lavoro di Adrian Lyne “A donne con gli amici” (1980) e prosegue alla grande diretta da Claude Chabrol in “Il sangue degli altri” (1983).

Tra questi due film Jodie è vittima del gesto inconsulto di un folle ammiratore che per attirare la sua attenzione (oltre ad averla perseguitata durante gli studi a Yale dove si laurea nel 1985 in Letteratura Inglese), il 30 marzo del 1980 spara all’allora presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan, ferendo lui e altre tre persone. Lo shock è talmente profondo da far meditare all’attrice un ritiro dalle scene, fortunatamente non attuato. Continua a entusiasmare con “Hotel New Hampshire” (1984) in cui affianca Nastassja Kinski e Rob Lowe, per poi approdare al ruolo che le cambia la carriera in “Sotto accusa” (1988), dove si cala nei panni di una cameriera stuprata da tre ragazzi che durante il processo da vittima rischia di finire appunto ‘sotto accusa’, a causa della sua cattiva fama. Basato su una storia vera il film le fa ottenere il premio Oscar come Miglior Attrice, un David di Donatello e un Golden Globe.

Indimenticabile investigatrice nel 'silenzio degli innocenti'

Recita in “Ore contate” (1989) di Dennis Hopper e in “Ombre e nebbia” (1991) di Woody Allen. Intanto nel frattempo nel 1990 entra nel mondo della produzione e fonda la Egg Pictures di Los Angeles, mentre l’anno successivo esordisce dietro la macchina da presa con il sentimentale “Il mio piccolo genio” (1991).

Ripeterà l’esperienza nel 1995 con “A casa per le vacanze” e nel 2010 con “Mr. Beaver”. Ma il 1991 è per Jodie Foster un anno fortunato soprattutto perché ottiene il ruolo di Clarice Starling, con cui ottiene il secondo premio Oscar come Miglior Attrice Protagonista, in “Il silenzio degli innocenti” di Jonathan Demme con uno splendido Anthony Hopkins nei panni del serial killer più spietato e astuto della storia del cinema. Il film, oltre a ottenere cinque premi Oscar, viene insignito anche dell’Orso d’Oro a Berlino. Durante le riprese della pellicola in costume “Sommersby” (1993) con Richard Gere conosce la produttrice Cydney Bernard con cui ha una relazione fino al 2007, anno in cui rende pubblica la sua omosessualità, sei mesi prima di lasciare la compagna, che tuttavia ha dato il suo cognome ai due figli della Foster - Charles Bernard Foster nato il 20 luglio 1998 e Kit Bernard Foster nato il 29 settembre 2001 - concepiti con inseminazione artificiale.

La Clarice Starling abbonata alle nomination agli Oscar

Ottiene la quarta nomination all’Oscar con “Nell” (1994) di Michael Apted e recita accanto a Mel Gibson in “Maverick” (1994). Continua la sua carriera cimentandosi in diversi generi: nel fantascientifico con “Contact” (1997) di Robert Zemeckis; nella pellicola in costume “Anna and the King” (1999) di Andy Tennant; nel thriller claustrofobico “Panic Room” (2002) di David Fincher.

Inaspettatamente (ma oculatamente) rifiuta di tornare al ruolo di Clarice Starling in “Hannibal” (2001), pessimo sequel de “Il silenzio degli innocenti”. Compare in “Una lunga domenica di passioni” (2004) di Jean-Pierre Jeunet, per poi tornare al thriller con “Flightplan – Mistero in volo” (2005).

Una carriera sempre sulla cresta dell'onda

Nel 2006 è in splendida forma in “Inside Man” dove è diretta da Spike Lee, seguito dal drammatico action movie “Il buio dell’anima” (2007), sul cui set incontra la sceneggiatrice Cynthia Mort con cui ha una relazione fino al settembre del 2009; e dell’avventuroso “Alla ricerca dell’isola di Nim” (2008).

Nel 2011 è di nuovo dietro la macchina da presa con “Mr. Beaver”, in cui dirige Mel Gibson ed è protagonista di "Carnage", pellicola di Roman Polanski ispirata all'opera teatrale Il dio del massacro di Yasmina Reza.

Nel 2013, è protagonista del film di fantascienza "Elysium", in cui recita al fianco di Matt Damon.

Tiziano Filipponi

Jodie Foster Filmografia – Attrice

Jodie Foster film

  • Gunsmoke (Serie TV 3 episodi) (1969-1972)
  • Due ragazzi e un leone, regia di Stewart Raffill (1972)
  • La bomba di Kansas City, regia di Jerrold Freedman (1972)
  • Tom Sawyer, regia di Don Taylor (1973)
  • Un piccolo indiano, regia di Bernard McEveety (1973)
  • The Addams Family (Serie TV) (1973)
  • Bob & Carol & Ted & Alice (Serie TV 2 episodi) (1973)
  • Smile Jenny, you’re dead, regia di Jerry Thorpe (Film TV) (1974)
  • Paper Moon (Serie TV) (1974)
  • Alice non abita più qui, regia di Martin Scorsese (1974)
  • Echi di una breve estate, regia di Don Taylor (1976)
  • Taxi Driver, regia di Martin Scorsese (1976)
  • Piccoli gangsters, regia di Alan Parker (1976)
  • Tutto accadde un venerdì, regia di Gary Nelson (1976)
  • Quella strana ragazza che abita in fondo al viale, regia di Nicolas Gessner (1976)
  • Moi, fleur bleu, regia di Eric Le Hung (1977)
  • Casotto, regia di Sergio Citti (1977)
  • Una ragazza, un maggiordomo e una lady, regia di Norman Tokar (1977)
  • A donne con gli amici, regia di Adrian Lyne (1980)
  • Carny un corpo per due uomini, regia di Robert Kaylor (1980)
  • O’Hara’s wife, regia di William Bartman (1982)
  • La ragazza e il professore, regia di Anthony Harvey (Film TV) (1983)
  • Hotel New Hampshire, regia di Tony Richardson (1984)
  • Il sangue degli altri, regia di Claude Chabrol (1984)
  • Presunta assassina, regia di Michael Laughlin (1986)
  • Dentro la grande mela, regia di Tony Bill (1987)
  • Siesta, regia di Mary Lambert (1987)
  • Il sentiero dei ricordi, regia di Steven Kampmann (1988)
  • Sotto accusa, regia di Jonathan Kaplan (1988)
  • Ore contate, regia di Dennis Hopper (1989)
  • Il silenzio degli innocenti, regia di Jonathan Demme (1991)
  • Il mio piccolo genio, regia di Jodie Foster (1991)
  • Ombre e nebbia, regia di Woody Allen (1992)
  • Sommersby, regia di Jon Amiel (1993)
  • Maverick, regia di Richard Donner (1994)
  • Nell, regia di Michael Apted (1994)
  • Contact, regia di Robert Zemeckis (1997)
  • Anna and the King, regia di Andy Tennant (1999)
  • The Dangerous Lives of Altar Boys, regia di Peter Care (2002)
  • Panic Room, regia di David Fincher (2002)
  • Una lunga domenica di passioni, regia di Jean-Pierre Jeunet (2004)
  • Flightplan – Mistero in volo, regia di Robert Schwentke (2005)
  • Inside Man, regia di Spike Lee (2006)
  • Il buio nell’anima, regia di Neil Jordan (2007)
  • Alla ricerca dell’isola di Nim, regia di Jennifer Flackett e Mark Levin (2008)
  • Motherhood – Il bello di essere mamma, regia di Katherine Dieckmann (Cameo) (2009)
  • Mr. Beaver, regia di Jodie Foster (2011)
  • Carnage, regia di Roman Polanski (2011)
  • Elysium, regia di Neill Blomkamp (2013)

Jodie Foster Filmografia – Regista

  • Un salto nel buio (Serie TV 1 episodio) (1984)
  • Il mio piccolo genio (1991)
  • A casa per le vacanze (1995)
  • Mr. Beaver (2011)
  • Orange Is the New Black (Serie TV 1 episodio) (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *