Jennifer Connelly

Da modella ad attrice, un concentrato di talento e bellezza.

Jennifer Connelly, la bellissima attrice americana con gli occhi del colore del mare

(New York, 12 dicembre 1970)

Jennifer Connelly BiografiaJennifer Connelly nasce nella Grande Mela il 12 dicembre del 1970. Proveniente da una famiglia borghese, la piccola Jennifer muove i primi passi nel mondo dello spettacolo come modella giovanissima, all’età di dieci anni, dedicandosi a spot televisivi e sfilate.

Ma è nel 1984, all’età di quattordici anni che ha il suo primo incontro fortunato, infatti il maestro Sergio Leone la ingaggia per il ruolo di Deborah (da piccola) nel gangster-movie “C’era una volta in America”. Film epico, che vede come protagonisti attori dal calibro di Robert De Niro, James Woods, Joe Pesci e la bella Elizabeth McGovern (Deborah da grande).

Nel 1985 Dario Argento la sceglie per un ruolo in “Phenomena”, un horror tutto italiano, dove Jennifer interpreta una ragazza che parla con gli insetti e dà la caccia ad un fantomatico killer. Successivamente la sua carriera sferza sul fantasy, nel 1986 recita, infatti, accanto a David Bowie nel visionario “Labyrint - Dove tutto è possibile”. Il film diverrà un cult per i ragazzi degli anni ’80, in cui si racconta la storia dei Goblins, animaletti dispettosi e paurosi che rapiscono i bambini durante la notte.

Jennifer Connelly, una serie di errori ma il successo permane

Con il passare del tempo la promettente e bellissima Jennifer colleziona una serie di pellicole sbagliate, come “The Hot Spot – Il posto caldo” (1990), dove recita affianco a Don Johnson (star di “Miami Vice”), e viene sfruttata esclusivamente per il suo fisico avvenente; oppure “Rocketeer – Le avventure di Rocketeer” del 1991, film con una trama inconsistente sulle avventure di un ragazzo e di un razzo magico che gli permette di volare.

Negli anni ’90 la vediamo passare da un ruolo all’altro senza troppo successo, sebbene il lavoro non manchi, partecipa a pellicole come “Scomodi omicidi” (1996), con John Malkovich, e “Innocenza infranta” (1997), con William Hurt e Kiefer Sutherland, tanto che si avverte la paura di aver bruciato un’attrice.

"Requiem for a Dream" e la consacrazione di Jennifer Connelly

Ci si inizia ad accorgere delle sue doti, e non solo della sua bellezza, con il nuovo millennio, infatti nel 2000 la Connelly è in “Requiem for a Dream” di Darren Aronofsky, in cui dà il volto ad una tormentata ragazza vittima della droga e delle sue conseguenze, in un film struggente sul destino umano. La sua interpretazione le vale molti riconoscimenti e la mette in luce per quello che sarà il suo grande successo: “A Beautiful Mind” di Ron Howard. Nel 2001, infatti, è la moglie di Russell Crowe, nel bellissimo film sulla vita del matematico schizofrenico John Nash; il ruolo le vale un Golden Globe e un Oscar come Miglior Attrice non Protagonista. Sul set incontra anche l’amore, colpo di fulmine con il britannico Paul Bettany, da cui nascerà il figlio Stellan, (che farà compagnia a Kai, l’altro figlio dell’attrice avuto da una tormentata storia con il fotografo David Dugan).

Jennifer Connelly, dopo “A Beautiful Mind” una carriera senza sosta

Nel 2003 recita in “Hulk” di Ang Lee, con Eric Bana, il film non ha molto successo, ma il volto di Jennifer è riconoscibile ovunque grazie alla pubblicità e la commercializzazione della pellicola. Poi interpreta una giornalista in “Blood Diamond” (2006) affianco a Leonardo DiCaprio, lo stesso anno la troviamo in “Little Children” con Kate Winslet, e nel 2007 nel drammatico “Reservation Road” con Mark Ruffalo e Joaquin PhoenixNel 2008 affronta il problema della distruzione globale nel planetario “Ultimatum alla terra” con Keanu Reeves, remake di una pellicola del ’51.

Recentemente l’attrice di New York ha affrontato i problemi di coppia in una scanzonata commedia amorosa tutta al femminile con le colleghe Jennifer Aniston, Scarlett Johansson, Drew Barrymore e Ginnifer Goodwin in “La verità è che non gli piaci abbastanza”, ricoprendo un ruolo da protagonista. Nel 2014 viene diretta dal marito Paul Bettany nel film "Shelter".

Sonia Serafini

Jennifer Connelly  Filmografia - Cinema

Jennifer Connelly Filmografia

 

  • Phenomena, regia di Dario Argento (1985)
  • Sette minuti in Paradiso, regia di Linda Feferman (1985)
  • Labyrinth – Dove tutto è possibile, regia di Jim Henson (1986)
  • Étoile, regia di Peter Del Monte (1988)
  • Some Girls, regia di Michael Hoffman (1988)
  • The Hot Spot – Il posto caldo, regia di Dennis Hopper (1990)
  • Tutto può accadere, regia di Bryan Gordon (1991)
  • Le avventure di Rocketeer, regia di Joe Johnston (1991)
  • D’amore e ombra, regia di Betty Kaplan (1994)
  • L’università dell’odio, regia di John Singleton (1995)
  • Scomodi omicidi, regia di Lee Tamahori (1996)
  • Far Harbor, regia di John Huddles (1996)
  • Innocenza infranta, regia di Pat O’Connor (1997)
  • Dark City, regia di Alex Proyas (1998)
  • Waking the Dead, regia di Keith Gordon (2000)
  • Requiem for a Dream, regia di Darren Aronofsky (2000)
  • Pollock, regia di Ed Harris (2000)
  • A Beautiful Mind, regia di Ron Howard (2001)
  • Hulk, regia di Ang Lee (2003)
  • La casa di sabbia e nebbia, regia di Vadim Perelman (2003)
  • Dark Water, regia di Walter Salles (2005)
  • Little Children, regia di Todd Field (2006)
  • Blood Diamond – Diamanti di sangue, regia di Edward Zwick (2006)
  • Reservation Road, regia di Terry George (2007)
  • Ultimatum alla Terra, regia di Scott Derrickson (2008)
  • Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro, regia di Iain Softley (2008)
  • La verità è che non gli piaci abbastanza, regia di Ken Kwapis (2009)
  • 9, regia di Shane Acker (2009) (Voce)
  • Creation, regia di Jon Amiel (2009)
  • Virginia, regia di Dustin Lance Black (2010)
  • Salvation Boulevard, regia di George Ratliff (2011)
  • Il dilemma, regia di Ron Howard (2011)
  • Noah, regia di Darren Aronofsky (2014)
  • Shelter, regia di Paul Bettany (2014)
  • Aloft, regia di Claudia Llosa (2014)
  • American Pastoral, regia di Ewan McGregor (2016)

Jennifer Connelly Filmografia - Televisione

  • Il brivido dell'imprevisto (Tales of the Unexpected) – serie TV, episodio 5x05 (1982)
  • The Heart of Justice, regia di Bruno Barreto – film TV (1992)
  • The $treet – serie TV, 12 episodi (2000-2001)
  • Untitled HBO/Rock ‘N’ Roll Project - serie TV (2015)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *