Jennifer Aniston e Adam Sandler di nuovo insieme per Murder Mistery

Jennifer Aniston e Adam Sandler a distanza di anni tornano a lavorare insieme per un nuova commedia prodotta dalla nota piattaforma streaming.

Jennifer Aniston e Adam Sandler di nuovo insieme per Netflix

Adam Sandler, Jennifer Aniston insieme

 

 

Dopo “Mia moglie per finta” (2011) diretto da Dennis Dugan, Jennifer Aniston e Adam Sandler condivideranno di nuovo il set per “Murder Mistery”, una commedia targata Netflix.

La nuova pellicola vede un poliziotto di New York (Sandler) girare l’Europa insieme a sua moglie (Aniston) in un viaggio promesso da tempo. Sul volo di linea, vengono casualmente invitati a partecipare ad una festa privata sullo yacht dell’anziano miliardario Malcom Quince. I due protagonisti diventano ben presto i principali sospettati della morte improvvisa di Quince.

Inizialmente la produzione di “Murder Misery” era nelle mani della TWC-Dimension con Anne Fletcher ma successivamente è passata nelle mani di Kyle Newacheck per Netflix. La sceneggiatura vedrà la firma di James Vanderbilt, che tra i tanti lavori ha curato il copione di “RoboCop” (2014) e di “Independence Day – Rigenerazione” (2016).

Dato l’enorme successo al botteghino di “Mia moglie per finta” che ha guadagnato più di $ 200 milioni in tutto il mondo, ci sono alte aspettative per “Murder Mistery”. A conti fatti sembrerebbe che la coppia Aniston-Sandler sia davvero vincente.

Sandler continua la sua relazione con Netflix con il quale ha un accordo di produzione esclusivo. Per lo streamer, Adam ha recitato nel 2017 in “The Meyerowitz Stories” e prossimamente sarà al fianco di Chris Rock in “The Week Of”.

Per la regina delle commedie americane è invece una completa novità. Dopo la sua ultima apparizione sul grande schermo con “La Festa Prima delle Feste” (2016), la Aniston si è dedicata a “Dumplin” e al dramma “The Yellow Birds” di cui è stata anche produttrice esecutiva. La star di “Friends” sta anche preparando una serie per Apple TV con Reese Witherspoon.

Matteo Farinaccia

29/03/2018

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *