Jeff Bridges

Jeff Bridges attore statunitense noto al grande pubblico per ruoli importanti e sempre d'effetto che gli hanno assicurato il successo e il riconoscimento con il premio Oscar

Jeff Bridges: un attore pieno di "Grinta"

(Los Angeles, 4 dicembre 1949)

Jeff Bridges Biografia

Jeffrey Leon Bridges nasce a Los Angeles il 4 dicembre del 1949. La mamma e il papà, Lloyd Bridges e Dorothy Simpson, sono entrambi attori così come un po’ tutta la sua famiglia a cominciare da suo fratello maggiore Beau e sua sorella Cindy.

Jeff Bridges, il sangue hollywoodiano

Figlio della stessa Hollywood, piccolissimo si trova sul set di “N.N. Vigilata speciale” (1951) di John Cromwell con Jane Greer, con la quale lavora quasi trent’anni dopo, nel 1984, in “Due vite in gioco”.

Quando ha solo due anni suo padre Lloyd, finisce nella lista nera della commissione McCarthy e l’FBI comincia a indagare sulla presunta appartenenza al Partito Comunista. Terminato questo periodo burrascoso, recitano insieme nella serie televisiva “Sea Hunt” (1958) mentre frequenta la Palisades High School e successivamente partecipa col fratello al varietà di famiglia “The Lloyd Bridges Show” (1962 – 1963).

Si diploma alla University High School di Los Angeles dove si appassiona alla musica, alla fotografia e alla pittura; segue il servizio militare nella guardia costiera per poi ritornare a casa e dedicarsi definitivamente alla recitazione, studiando alla prestigiosa Herbert Berghof School.

Jeff Bridges, i primi successi nonostante le difficoltà private

Cominciano a fioccare le proposte di lavoro anche se nella vita privata riscontra parecchi problemi legati all’uso di LSD e marijuana. Nel 1971 arriva anche la prima nomination all’Oscar per la sua performance nel ruolo di Duane Jackson in “L’ultimo spettacolo” di Peter Bogdanovich. Successivamente recita nel film di John HustonCittà amara – Fat City” (1972) e ne “La terra si tinse di rosso” (1973) di Richard C. Sarafian.

Nel 1974 diventa intimo amico del regista Michael Cimino che lo scrittura per la sua pellicola “Un calibro 20 per lo specialista”. Durante le riprese ha incomprensioni con il giovane Clint Eastwood ma è ripagato con la seconda nomination all’Oscar. L’anno successivo sul set di “Scandalo al ranch” conosce la fotografa Susan Geston e se ne innamora perdutamente. Insieme mettono al mondo tre meravigliosi bambini: Isabelle, Jessica e Hayley.

Nel 1976 prende parte a “Un autentico campione - Il gigante della strada” e al fortunatissimo remake di “King Kong” di John Guillermin (prodotto da De Laurentis) in cui recita accanto a Jessica Lange.

Jeff Bridges tra cinema e beneficenza

Seguono “Rebus per un assassino” (1979) di William Richert, “I cancelli del cielo” (1980) di Michael Cimino, “Tron” (1982) della Walt Disney e altre pellicole che non incontrano particolare successo. Ritorna a trionfare e a conquistare la fama internazionale con la pellicola fantascientifica di John CarpenterStarman” (1984), che gli vale una nomination all’Oscar e ai Golden Globe, con “Otto milioni di modi per morire” (1986) di Hal Ashby e “Il mattino dopo” (1986) di Sidney Lumet con Jane Fonda.

Nel frattempo, diventa membro dell’organizzazione no profit “The End Hunger Network” con l’intento di assistere le popolazioni disagiate. Non riceve ottima critica per “Tuker, un uomo e il suo sogno” (1988) di Francis Ford Coppola ma si rifà nella commedia “Ci penseremo domani” (1989) di Alan Pakula e “I favolosi Baker” (1989) di Steven Kloves, recitando accanto al fratello Beau e Michelle Pfeiffer. Insieme a Robin Williams si cimenta ne “La leggenda del re pescatore” (1991) di Terry Gilliam.

Jeff Bridges: musica, televisione e ancora cinema

Dopo aver pubblicato un album come cantante (“Be Here Soon”) e dopo alcune apparizioni e lavoretti per la televisione, seguono senza sosta “The Vanishing – Scomparsa” (1993), “Fearless – Senza paura” (1993) di Peter Weir, “Blown Away – Follia esplosiva” (1994), “Wild Bill” (1995), “L’Albatross – Oltre la tempesta” (1996), “L’amore ha due facce” (1996) con Barbra Streisand e Lauren Bacall, “Il grande Lebowski” (1998) dei fratelli Coen, in cui da prova del suo straordinario talento, “Arlington Road – L’inganno” (1999) con Tim Robbins, “La dea del successo” (1999) con Sharon Stone fino ad aprire il nuovo millennio con una candidatura all’Oscar come Miglior Attore non Protagonista per “The Contender” (2000).

Nel 2001 è al fianco di Kevin Spacey in “K-PAX – Da un altro mondo” di Iain Softley mentre nel 2003 recita in “Seabiscuit – Un mito senza tempo” di Gary Ross, per poi trovarsi accanto alla seducente Kim Basinger in “The Door in the Floor” (2004) di Tod Williams.

Non brilla nella commedia estiva “Stick it – Sfida e conquista” (2006) né in “Iron Man” (2008) in cui gli affidano un ruolo davvero misero. Lavora poi in “L’uomo che fissa le capre” (2009) con George Clooney e in “Crazy Heart” (2009). Grazie a quest'ultima pellicola, il talento di Bridges verrà finalmente premiato, e l'attore vincerà nel 2010 l'Oscar come Miglior Attore Protagonista.

Nel 2010 è impegnato in “Tron: Legacy” e “Il Grinta”, in cui interpreta il grande Grinta, diretto nuovamente dai fratelli Coen, interpretazione che gli farà ottenere ancora una nomination agli Oscar.

Nel 2013 lavora a "R.I.P.D. - Poliziotti dall' aldilà", film tratto dall'omonimo fumetto di Peter M. Lenkov, e in Seventh Son, adattamento cinematografico del romanzo dark fantasy "La maledizione del mago". Nel 2014 recita in "The Giver - Il mondo di Jonas" e ne "Il settimo figlio", regia di Sergei Bodrov.

Giusy Del Salvatore

Jeff Bridges Filmografia - Cinema

Jeff bridges Filmografia

  • The Yin and Yang of Mr. Go, regia di Burgess Meredith (1971)
  • L’ultimo spettacolo, regia di Peter Bogdanovich (1971)
  • Città amara, regia di John Huston (1972)
  • Cattive compagnie, regia di Robert Benton (1972)
  • La terra si tinse di rosso, regia di Richard C. Sarafian (1973)
  • Il diavolo del volante, regia di Lamont Johnson (1973)
  • The Iceman Cometh, regia di John Frankenheimer (1973)
  • Una calibro 20 per lo specialista, regia di Michael Cimino (1974)
  • Scandalo al ranch, regia di Frank Perry (1975)
  • Pazzo pazzo West!, regia di Howard Zieff (1975)
  • Il gigante della strada, regia di Bob Rafelson (1976)
  • King Kong, regia di John Guillermin (1976)
  • Qualcuno ha ucciso mio marito, regia di Lamont Johnson (1978)
  • Rebus per un assassinio, regia di William Richert (1979)
  • The American Success Company, regia di William Richert (1980)
  • I cancelli del cielo, regia di Michael Cimino (1980)
  • Alla maniera di Cutter, regia di Ivan Passer (1981)
  • Tron, regia di Steven Lisberger (1982)
  • C’è un fantasma tra noi due, regia di Robert Mulligan (1982)
  • Due vite in gioco, regia di Taylor Hackford (1984)
  • Starman, regia di John Carpenter (1984)
  • Doppio taglio, regia di Richard Marquand (1985)
  • 8 milioni di modi per morire, regia di Hal Ashby (1986)
  • Il mattino dopo, regia di Sidney Lumet (1986)
  • Nadine, un amore a prova di proiettile, regia di Robert Benton (1987)
  • Tucker, un uomo e il suo sogno, regia di Francis Ford Coppola (1988)
  • Ci penseremo domani, regia di Alan J. Pakula (1989)
  • Cold feet – Piedi freddi, regia di Robert Dornhelm – Non accreditato (1989)
  • I favolosi Baker, regia di Steve Kloves (1989)
  • Texasville, regia di Peter Bogdanovich (1990)
  • La leggenda del re pescatore, regia di Terry Gilliam (1991)
  • American Heart, regia di Martin Bell (1992)
  • The Vanishing – Scomparsa, regia di George Sluizer (1993)
  • Fearless – senza paura, regia di Peter Weir (1993)
  • Blown Away – Follia esplosiva, regia di Stephen Hopkins (1994)
  • Wild Bill, regia di Walter Hill (1995)
  • L’Albatross – Oltre la tempesta, regia di Ridley Scott (1996)
  • L’amore ha due facce, regia di Barbra Streisand (1996)
  • Il grande Lebowski, regia di Joel Coen e Ethan Coen (1998)
  • Arlington Road – L’inganno, regia di Mark Pellington (1999)
  • La dea del successo, regia di Albert Brooks (1999)
  • Inganni pericolosi, regia di Matthew Warchus (1999)
  • The Contender, regia di Rod Lurie (2000)
  • Scene da un crimine, regia di Dominique Forma (2001)
  • K-PAX – Da un altro mondo, regia di Iain Softley (2001)
  • Masked and Anonymous, regia di Larry Charles (2003)
  • Seabiscuit – Un mito senza tempo, regia di Gary Ross (2003)
  • The Door in the Floor, regia di Tod Williams (2004)
  • La banda del porno – Dilettanti allo sbaraglio, regia di Michael Traeger (2005)
  • Tideland – Il mondo capovolto, regia di Terry Gilliam (2005)
  • Stick it – Sfida e conquista, regia di Jessica Bendinger (2006)
  • Iron Man, regia di Jon Favreau (2008)
  • Star System – Se non ci sei non esisti, regia di Robert B. Weide (2008)
  • Pet Therapy – Un cane per amico, regia di George LaVoo (2009)
  • The Open Road, regia di Michael Meredith (2009)
  • L’uomo che fissa le capre, regia di Grant Heslov (2009)
  • Crazy Heart, regia di Scott Cooper (2009)
  • Tron: Legacy, regia di Joseph Kosinski (2010)
  • Il Grinta, regia di Joel Coen e Ethan Coen (2010)
  • R.I.P.D. – Poliziotti dall’aldilà, regia di Robert Schwentke (2013)
  • Il settimo figlio, regia di Sergei Bodrov (2013)
  • Hell or High Water, regia di David Mackenzie (2016)
  • Kingsman - Il cerchio d'oro (Kingsman: The Golden Circle), regia di Matthew Vaughn (2017)

Jeff Bridges Filmografia - Televisione

  • Sea Hunt – serie TV, episodi 1x28 e 1x32 (1958)
  • The Lloyd Bridges Show – serie TV, episodi 1x13, 1x18 e 1x23 (1962-1963)
  • Cavaliere solitario (The Loner) – serie TV, episodio 1x15 (1965)
  • F.B.I. (The F.B.I.) – serie TV, episodio 5x04 (1969)
  • Lassie – serie TV, episodio 16x02 (1969)
  • Silent Night, Lonely Night, regia di Daniel Petrie – film TV (1969)
  • The Most Deadly Game – serie TV, episodio 1x08 (1970)
  • Alla ricerca della vera America (In Search of America) – film TV (1970)
  • In Search of America, regia di Paul Bogart – film TV (1971)
  • The Girls in Their Summer Dresses and Other Stories – serie TV, episodio 9x16 (1981)
  • Saturday Night Live – serie TV, episodio 8x14 (1982)
  • Nel regno delle fiabe – serie TV, episodio 1x03 (1983)
  • Disneyland – serie TV, episodio 31x08 (1986)
  • L'orgoglio di un padre (Hidden in America), regia di Martin Bell – film TV (1996)

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *