Jacqueline Bisset

Attrice Britannica dalle origini francesi, Jacqueline Bisset è stata negli anni sessanta e settanta un'icona di stile e di erotismo, diva immortale della cinematografia internazionale.

Jacqueline Bisset, l’attrice “ricca e famosa” per eccellenza

(Weybridge, 13 settembre 1944)

Jacqueline-BissetWinifred Jacqueline Fraser Bisset nasce nel Surrey da padre medico e madre avvocato di origine francese.

Passa la sua infanzia felicemente con i genitori e il fratello a Tilehurst, un paese rurale dell’Inghilterra, fino a quando la mamma non si ammala di sclerosi multipla e il matrimonio dei genitori finisce in divorzio.

Completa gli studi superiori al Lycée Français e poi, grazie alla sua bellezza e a una sensuale eleganza, diventa modella.

A soli 18 anni viene immortalata dai fotografi più grandi del momento come Terry Donovan e David Bailey, e contemporaneamente prende lezioni di recitazione.

Gli occhi verde smeraldo del cinema internazionale degli anni Sessanta

A metà degli anni ’60 viene scritturata per piccoli ruoli fino al 1968, anno che segna la svolta della sua carriera grazie a Mia Farrow, che decide di rinunciare all’interpretazione al fianco dell’allora marito Frank Sinatra in “Detective – Inchiesta pericolosa”.

Il suo sorriso solare, illuminato dallo sguardo verde smeraldo, lo ricordiamo in molti film di produzioni internazionali, inglesi, francesi e anche italiani.

Tra i più popolari in cui ha portato sempre un tocco di grazia e di fascino: “Cul-de-sac” (1966) di Roman Polanski, “James Bond 007 – Casino Royale” (1967), “Due per la strada” (1967), “L’onda lunga” (1968), “Effetto notte” (1973) di François Truffaut, “Come si distrugge la reputazione del più grande agente del mondo” (1974), “Assassinio sull’Oriente Express” (1974), “La donna della domenica” (1975) di Luigi Comencini, “Abissi” (1977), “Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi d’Europa” (1978), “The Greek Tycoon” (1978), “Ricche e famose” (1981), “Sotto il vulcano” (1984) di John Huston, “Scene di lotta di classe” (1989), “Orchidea Selvaggia” (1990), “Il buio nella mente” (1995) di Claude Chabrol.

I ruoli in televisione, tra set e vita sentimentale di una diva dalla carriera movimentata

Per la televisione americana ha interpretato Giuseppina di Beauharnais in “Napoleon et Josephine” (1987), Maria in “Jesus” (1999) e Isabella d’Arco in “Giovanna d’Arco” (1999) e ha fatto delle comparse in alcuni telefilm di successo come “Ally McBeal”.

Avvenente e di carattere, Jacqueline Bisset ha avuto una vita sentimentale piuttosto movimentata, con cinque rapporti importanti che non sono mai sfociati nel matrimonio e nella maternità.

Alla fine degli anni sessanta è stata con l’attore Michael Sarrazon, nel decennio successivo con l’imprenditore francese Victor Drai.

Durante le riprese di “La casa di giada” (1988) cominciò una relazione con il giovane e avvenente collega Vincent Perez.

L’ultimo fidanzato di cui si ha notizia è Emin Boztepe, un istruttore di arti marziali, da cui ora è separata. Nel 2008 recita in “Death in Love”, presentato al Sundance Film Festival, e nella produzione per Hallmark Channel dal titolo “An Old Fashioned Thanksgiving”, tratto da un racconto breve di Louisa May Alcott.

Dopo cinque anni, nel 2013, Jacqueline Bisset torna sul grande schermo con "Vivaldi”, film biografico sulla vita del grande compositore veneziano.

Paola Mattu Furci

Jacqueline Bisset Filmografia

jacqueline-bisset-filmografia

  • Non tutti ce l'hanno..., regia di Richard Lester (1965)
  • Cul de sac, regia di Roman Polanski (1966)
  • Arrivederci, Baby!, regia di Ken Hughes (1966)
  • Intrigo a Cape Town, regia di Robert D. Webb (1967)
  • James Bond 007 - Casino Royale, regia di Val Guest e Ken Hughes (1967)
  • Due per la strada, regia di Stanley Donen (1967)
  • Inchiesta pericolosa, regia di Gordon Douglas (1968)
  • L'onda lunga, regia di Harvey Hart (1968)
  • Bullitt, regia di Peter Yates (1968)
  • The First Time, regia di James Neilson (1968)
  • La ragazza inglese, regia di Robert Freeman (1969)
  • Airport, regia di George Seaton (1970)
  • La cavalletta, regia di Jerry Paris (1970)
  • La macchia della morte, regia di Paul Wendkos (1971)
  • Jackie, la ragazza del Greenwich Village, regia di Stuart Hagmann (1971)
  • Sensi proibiti, regia di Philip Saville (1971)
  • Stand Up and Be Counted, regia di Jackie Cooper (1972)
  • L'uomo dai 7 capestri, regia di John Huston (1972)
  • Il ladro che venne a pranzo, regia di Bud Yorkin (1973)
  • Effetto notte, regia di François Truffaut (1973)
  • Come si distrugge la reputazione del più grande agente segreto del mondo, regia di Philippe De Broca (1973)
  • Assassinio sull'Orient-Express, regia di Sidney Lumet (1974)
  • Delitto in silenzio, regia di Peter Collinson (1975)
  • Assassinio sul ponte, regia di Maximilian Schell (1975)
  • La donna della domenica, regia di Luigi Comencini (1976)
  • Candidato all'obitorio, regia di J. Lee Thompson (1976)
  • Abissi, regia di Peter Yates (1977)
  • Il magnate greco, regia di J. Lee Thompson (1978)
  • Qualcuno sta uccidendo i più grandi cuochi d'Europa, regia di Ted Kotcheff (1978)
  • Amo non amo, regia di Armenia Balducci (1979)
  • Ormai non c'è più scampo, regia di James Goldstone (1980)
  • Inchon, regia di Terence Young (1981)
  • Ricche e famose, regia di George Cukor (1981)
  • Class, regia di Lewis John Carlino (1983)
  • Sotto il vulcano, regia di John Huston (1984)
  • Proibito Forbidden, regia di Anthony Page (1984)
  • Alta stagione, regia di Claire Peploe (1987)
  • La casa di giada, regia di Nadine Trintignant (1988)
  • Scene di lotta di classe a Beverly Hills, regia di Paul Bartel (1989)
  • Orchidea selvaggia, regia di Zalman King (1989)
  • Mamma, mi compri un papà?, regia di Ian Toynton (1991)
  • Rossini! Rossini!, regia di Mario Monicelli (1991)
  • Hoffman's honger, regia di Leon de Winter (1993)
  • Est & Ouest: Les paradis perdus (1993)
  • Les marmottes, regia di Élie Chouraqui (1993)
  • Il buio nella mente, regia di Claude Chabrol (1995)
  • Padrona del suo destino, regia di Marshall Herskovitz (1998)
  • Let the Devil Wear Black, regia di Stacy Title (1999)
  • Les gens qui s'aiment, regia di Jean-Charles Tacchella (2000)
  • The Sleepy Time Gal, regia di Christopher Munch (2001)
  • New Year's Day, regia di Suri Krishnamma (2001)
  • Latter Days - Inguaribili romantici, regia di C. Jay Cox (2003)
  • Swing, regia di Martin Guigui (2003)
  • Fascination, regia di Klaus Menzel (2004)
  • L'educazione fisica delle fanciulle, regia di John Irvin (2005)
  • Domino, regia di Tony Scott (2005)
  • Save the Last Dance 2, regia di David Petrarca (2006)
  • Death in Love, regia di Boaz Yakin (2008)
  • Vivaldi, regia di Boris Damast (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *