Jack O’Connell

Jack O'Connell si è imposto con difficoltà nella società, ma non nel mondo del cinema. Tormentato e agitato sin da piccolo, il giovane attore britannico ha trovato nella recitazione una via di fuga dai problemi, interpretando spesso ruoli che lo rispecchiano.

Jack O'Connell, il cattivo ragazzo d'Inghilterra

(Derby, 1° Agosto 1990)

Jack O'Connell bianco e neroClasse 1990. Accento britannico, sguardo da cattivo ragazzo. Jack O’Connell è la giovane star che Hollywood attendeva. Le sue origini parlano di un passato complicato e drammatico, come se la sua stessa vita fosse un film da interpretare.
Jack O’Connell nasce a Derby da una modesta famiglia dell’Alvaston di origini irlandesi, a cui è legato da sempre.
Inizialmente decide di voler intraprendere la carriera di calciatore, visto che suo nonno Ken Gutteridge è stato giocatore dell Burton Albion, ma dopo una serie di infortuni abbandona il calcio. A 12 anni viene arruolato tra i cadetti, ma la sua fedina penale macchiata da piccoli crimini e il carattere ribelle e inquieto gli impediscono di continuare la carriera. Jack ha un vissuto fatto di alcol e violenza che, inizialmente, gli chiude molte porte.

I primi ruoli e il successo tra gli adolescenti con "Skins"

Jack O'Connell SkinsL'amore di Jack O'Connell per la recitazione nasce quando ha solo sei anni, a teatro.

Debutta al cinema nel 2006 in “This Is England”, dramma inglese di Shane Meadows sugli Skinhead, i giovani della classe lavoratrice riconosciuti come delinquenti pericolosi.
Da qui ha inizio la sua carriera, attraverso la quale esprime il tormento esistenziale di "cattivi ragazzi".

Nel frattempo lavora a diverse serie TV britanniche tra cui "The Bill" (2005) e “Waterloo Road” (2007).

Nel 2008 è tra i protagonisti di “Eden Lake” horror con Michael Fassbender, acclamato dalla critica inglese. Per il ruolo di Brett, O’Connell ottiene i suoi primi riconoscimenti come Miglior attore ai Fright Meter Awards e Fantasporto International Fantasy Film Awards.

Nel 2009 Jack O’Connell viene scelto dalla Company Pictures per interpretare James Cook in “Skins”, celebre teen drama cult della tv inglese. Il suo personaggio scorretto, inquieto, ma dal buon cuore conquista milioni di fan in tutto il mondo, diventando uno dei preferiti in assoluto. “Skins” è senza dubbio un trampolino di lancio per diverse giovani star – tra cui Nicholas Hoult e Kaya Scodelario – e non è da meno per Jack, che partecipa alla terza e quarta stagione. Nel 2010 vince come Miglior attore per “Skins” ai TV Choice Awards, del celebre magazine britannico.

I drammi sulla guerra di Jack O'Connell

Jack O'Connell primo piano

Nel 2013 partecipa a un film che lo costringe anche ad un cambiamento fisico e fa notare sempre di più il suo talento: “Starred Up” di David Mackenzie è la storia di Eric, un adolescente che viene trasferito nel carcere per adulti e deve sopravvivere in una gabbia di violenze e repressione.
The Hollywood Reporter, dichiara a proposito del suo lavoro: “Il giovane Jack O’Connell è l’attrazione principale di questo difficile dramma britannico. […] Sarà molto interessante seguire la sua carriera d’ora in poi.” Per il ruolo ottiene due nomination come Miglior attore ai British Independent Film Awards e ai BAFTA Scotland Awards.

È poi la volta di “’71” (2014), altro dramma ambientato sullo sfondo della guerra e per la sua performance ottiene ancora una volta le lodi della critica. Nello stesso anno ha un ruolo marginale nel sequel di “300”, “300: l’alba di un impero” di Noam Murro.

Ormai sulla cresta dell’onda, i ruoli per Jack cominciano ad arrivare numerosi. Ciò nonostante non riesce ancora a lavorare a Hollywood a causa dei suoi precedenti penali. Sarà l’incontro con Angelina Jolie nel 2014 a eliminare il problema: l’attrice americana lo sceglie come protagonista del suo film da regista “Unbroken”, ispirato alla vita di Louis Zamperini. Per il ruolo, Jack O’Connell ottiene il BAFTA come Star Emergente nel 2015.

Una vita diversa per Jack O'Connell

Jack O'Connell CannesGrazie al successo internazionale di "Unbroken", Jack è tra i protagonisti di "Money Monster – L'altra faccia del denaro" (2016) di Jodie Foster, in cui affianca attori del calibro di Julia Roberts e George Clooney. Nel frattempo, durante le interviste l'attore ammette di aver cambiato stile di vita, di aver smesso con le feste e i problemi. La recitazione, alla fine, sembra averlo salvato da una vita infelice.
Nel 2014 viene scelto tra i protagonisti del dramma in costume "Tulip Fever" con Alicia Vikander, Christoph Waltz e Dane Dehaan, non ancora uscito al cinema.
Jack O'Connell torna poi in televisione con "Godless" (2017), nuova serie TV originale Netflix che lo vede al fianco di Michelle Dockery.

Marco Marchetti

Jack O'Connell Filmografia - Cinema

Jack O'Connell filmografia

  • This Is England, regia di Shane Meadows (2006)
  • Eden Lake, regia di James Watkins (2008)
  • Harry Brown, regia di Daniel Barber (2009)
  • Weekender, regia di Karl Golden (2011)
  • Tower Block, regia di James Nunn e Ronnie Thompson (2012)
  • The Liability, regia di Craig Viveiros (2012)
  • Private Peaceful, regia di Pat O'Connor (2012)
  • Il ribelle - Starred Up (Starred Up), regia di David Mackenzie (2013)
  • 300 - L'alba di un impero (300: Rise of an Empire), regia di Noam Murro (2014)
  • Unbroken, regia di Angelina Jolie (2014)
  • '71, regia di Yann Demange (2014)
  • Money Monster - L'altra faccia del denaro (Money Monster), regia di Jodie Foster (2016)
  • Tulip Fever, regia di Justin Chadwick (2017)
  • HHhH, regia di Cédric Jimenez (2017)

Jack O'Connell Filmografia - Televisione

  • Doctors (Serie TV, puntata 7x19) (2005)
  • The Bill (Serie TV, 4 episodi) (2005)
  • Waterloo Road (Serie TV, episodio 2x09) (2007)
  • Holby City (Serie TV, episodio 9x31) (2007)
  • Wire in the Blood (Serie TV, episodio 5x03) (2007)
  • Wuthering Heights (Miniserie TV, 2 puntate) (2009)
  • Skins (Serie TV, 17 episodi) (2009-2010, 2013)
  • Dive, regia di Dominic Savage (Film TV) (2010)
  • United, regia di James Strong (Film TV) (2011)
  • The Runaway (Serie TV, 6 episodi) (2011)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *