Isabella Rossellini

Isabella Rossellini mostra sin da giovanissima un amore smisurato per il cinema che ha sempre caratterizzato la sua vita. Attrice incredibilmente  espressiva e sensibile, è una delle icone del cinema italiano.

Isabella Rossellini, attrice dal 'cuore selvaggio'

(Roma, 18 giugno 1952)

Isabella Rossellini bio

Se c’è una persona che ha il cinema nel DNA quella è sicuramente Isabella Rossellini, figlia di due mostri sacri come Roberto Rossellini (regista di “Roma città aperta” e molti altri film del neorealismo italiano) e Ingrid Bergman (interprete mai dimenticata di “Casablanca”). I suoi genitori si conobbero quando erano entrambi sposati e decisero di abbandonare i rispettivi partner per vivere liberamente la loro storia d’amore. Da questa relazione (molto criticata all’epoca) nacquero le due gemelle Isabella e Isotta e successivamente Roberto.

Inevitabile per Isabella accostarsi al mondo del cinema, dapprima come assistente costumista per alcuni film del padre, quali “Blaise Pascal” e “Agostino d’Ippona” e in un secondo momento come attrice nella pellicola di Vincente Minnelli “Nina” (1976), in cui interpreta una suora e recita insieme alla madre e ad Amedeo Nazzari. Nel 1979 lavora per i fratelli Taviani ne “Il prato”, ma raggiunge la vera fama solo dopo la morte della Bergman, avvenuta nel 1982. Il suo legame con il mondo di celluloide si rafforza quando sposa uno dei registi più noti e geniali, l’italo americano Martin Scorsese anche se il loro matrimonio avrà vita breve (soltanto tre anni, dal 1979 al 1982). L’attrice inizia poi a collaborare con Renzo Arbore in qualità di corrispondente da New York per la trasmissione RAI “L’altra domenica”, che ebbe gran seguito di pubblico alla fine degli anni ’70.

I riconoscimenti internazionali ed il debutto ad Hollywood

Diretta da Arbore gira il filmIl Pap’occhio” (1980), scritto dal filosofo Luciano De Crescenzo, in cui è presente anche un giovane Roberto Benigni. Nel 1985 la Rossellini riesce a sfondare ad Hollywood con il film “Il sole a mezzanotte” di Taylor Hackford, melodramma di propaganda antisovietica di cui restano memorabili i balletti di Mikhail Baryshnikov. A 28 anni debutta come modella posando per le copertine delle riviste di moda più glamour e per fotografi del calibro di Bruce Weber, Richard Avedon e Helmut Newton. Dal 1982 al 1996 sarà la testimonial incontrastata della marca di cosmetici Lancôme, dalla quale verrà liquidata per raggiunti limiti di età e sostituita da Juliette Binoche. Nel 1995 fonderà la sua personale linea di make up, “Manifesto” di Isabella Rossellini.

Nel 1983 Isabella si risposa con il modello Jon Wiedemann, dal quale avrà la primogenita Elettra. Successivamente adotterà un bambino di nome Roberto. La sua bellezza sofisticata non sfugge al regista David Lynch che la sceglie per due pellicole: “Velluto blu” (1986) e “Cuore selvaggio” (1990). Per l’interpretazione della cantante di night club Dorothy Vallens in “Velluto blu”, di David Linch Isabella conquista nel 1987 l’Indipendent Spirit Award come miglior interprete femminile. Su quel set nasce la storia d’amore con Lynch che durerà per qualche anno. Altri registi di fama internazionale la sceglieranno: Nikita Mikhalkov per “Oci Ciornie” (1987), con Marcello Mastroianni e Silvana Mangano, e Joel Schumacher per “Cugini” (1989).

Nel 1992 veste i panni dell’affascinante Lisle von Rhoman che somministra l’elisir di giovinezza a Meryl Streep e Goldie Hawn in “La morte ti fa bella” di Robert Zemeckis. Due anni più tardi è sul set di “Amata immortale” (1994) di cui è protagonista l’attore inglese Gary Oldman, con cui avrà una relazione. Tra gli altri film di rilievo da citare “Wyatt Earp” (1994), “Croce e delizia” (1995), “The Funeral” (1996) e “Don Quixote” (2000). Nel 2000 Isabella torna a lavorare per il cinema italiano ne “Il cielo cade” dei fratelli Frazzi, mentre Peter Greenaway la inserisce ne “Le valigie di Tulse Luper - La storia di Moab” (2004), dove recita con Kathy Bates e William Hurt. Quest’ultima pellicola otterrà una menzione speciale al Festival di Berlino. Ha partecipato anche ad alcune serie tv americane e canadesi, tra cui “Alias”.

Nel 2009 l’attrice romana ha ideato, co-diretto e prodotto una serie di cortometraggi sul tema del sesso tra gli insetti intitolati “Green Porno”. Nel 2010 recita nel film "La solitudine dei numeri primi", tratto dal best seller di Paolo Giordano. È poi nel cast del caleidoscopico film “Pollo alle prugne” ispirato al fumetto di Marjane Satrapi.

Dopo aver recitato in pellicole minori, che non trovano un grande successo, la Rossellini collabora con il regista Denis Villeneuve in “Enemy”, tratto dal romanzo “L'uomo duplicato” di José Saramago.

Legata a filo doppio alla settima arte, la Rossellini ha ereditato l’espressività dello sguardo materno e la sensibilità nei confronti dei problemi della vita del padre e grazie a queste caratteristiche è stata scelta da grandi registi internazionali. Isabella Rossellini è la star italiana per eccellenza ad Hollywood, ammirata e acclamata sia nel mondo della moda che in quello del cinema.

Conduce nel 2016 "Master of Photography", il talent show sul mondo della fotografia.

Ilaria Capacci

Isabella Rossellini Filmografia - Cinema

Isabella Rossellini filmografia

Isabella Rossellini per la prima volta sul set per Lancôme (1983)

 

  • Nina, regia di Vincente Minnelli (1976)
  • Il prato, regia di Paolo e Vittorio Taviani (1979)
  • Il pap'occhio, regia di Renzo Arbore (1980)
  • Il sole a mezzanotte, regia di Taylor Hackford (1985)
  • Velluto blu, regia di David Lynch (1986)
  • I duri non ballano, regia di Norman Mailer (1987)
  • Oci ciornie, regia di Nikita Mikhalkov (1987)
  • Siesta, regia di Mary Lambert (1987)
  • Zelly ed io, regia di Tina Rathborne (1988)
  • Cappuccetto Rosso, regia di Adam Brooks (1988)
  • Cugini, regia di Joel Schumacher (1989)
  • Cuore selvaggio, regia di David Lynch (1990)
  • Donne di piacere, regia di Jean Charles Tacchella (1990)
  • L'assedio di Venezia, regia di Giorgio Ferrara (1991)
  • La morte ti fa bella, regia di Robert Zemeckis (1992)
  • Buona fortuna Mr. Stone, regia di Paul Mazursky (1993)
  • The Innocent, regia di John Schlesinger (1993)
  • Fearless - Senza paura, regia di Peter Weir (1993)
  • Wyatt Earp, regia di Lawrence Kasdan (1994)
  • Amata immortale, regia di Bernard Rose (1994)
  • Croce e delizia, regia di Luciano De Crescenzo (1995)
  • Big Night, regia di Campbell Scott e Stanley Tucci (1996)
  • Fratelli, regia di Abel Ferrara (1996)
  • Left Luggage, regia di Jeroen Krabbé (1998)
  • Gli imbroglioni, regia di Stanley Tucci (1998)
  • Il cielo cade, regia di Andrea Frazzi e Antonio Frazzi(2000)
  • Empire - Due mondi a confronto, regia di Franc. Reyes (2002)
  • Roger Dodger, regia di Dylan Kidd (2002)
  • Le valigie di Tulse Luper - La storia di Moab, regia di Peter Greenaway (2003)
  • La canzone più triste del mondo, regia di Guy Maddin (2003)
  • The Tulse Luper Suitcases, Part 2: Vaux to the Sea, regia di Peter Greenaway (2004)
  • King of the Corner, regia di Peter Riegert (2004)
  • Heights, regia di Chris Terrio (2005)
  • La Fiesta del chivo, regia di Luis Llosa (2005)
  • The Architect, regia di Matt Tauber (2006)
  • Infamous - Una pessima reputazione, regia di Douglas McGrath (2006)
  • Un marito di troppo, regia di Griffin Dunne (2008)
  • Two Lovers, regia di James Gray (2008)
  • My Dog Tulip, regia di Paul Fierlinger e Sandra Fierlinger (2009)
  • La solitudine dei numeri primi, regia di Saverio Costanzo (2010)
  • Late Bloomers, regia di Julie Gavras (2011)
  • Pollo alle prugne, regia di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud (2011)
  • Keyhole, regia di Guy Maddin (2011)
  • L'era legale, regia di Enrico Caria (2011)
  • Du vent dans mes mollets, regia di Carine Tardieu (2012)
  • Nono, het Zigzag Kind, regia di Vincent Bal (2012)
  • Silent life, regia di Vladislav Kozlov (2013)
  • Deauville, regia di Miguel Cruz Carretero (2013)
  • Enemy, regia di Denis Villeneuve (2013)
  • Joy, regia di David O. Russell (2015)

Isabella Rossellini Filmografia -Televisione

  • The Tracey Ullman Show, (Serie Tv, 3 episodi) (1989–1990)
  • L'ultima Africa, regia di Joseph Sargent (Film TV) (1990)
  • Bugie allo specchio, regia di Tim Hunter (Film TV) (1991)
  • Fallen Angels (Serie TV, 1 episodio) (1993)
  • The Gift, regia di Laura Dern (Corto TV) (1994)
  • I racconti della cripta (Serie TV, 1 episodio) (1995)
  • Crime of the Century, regia di Mark Rydell (Film TV) (1996)
  • Chicago Hope (Serie TV, 2 episodi) (1997)
  • L'Odissea (The Odyssey), regia di Andrey Konchalovskiy (Miniserie TV) (1997)
  • Merlino (Merlin), regia di Steve Barron (Miniserie TV) (1998)
  • Don Chisciotte (Don Quixote), regia di Peter Yates (Film TV) (2000)
  • Napoléon, regia di Yves Simoneau (Miniserie TV) (2002)
  • Monte Walsh - Il nome della giustizia, regia di Simon Wincer (Film TV) (2003)
  • Earthsea, regia di Robert Lieberman (Miniserie TV) (2004)
  • Alias (Serie TV, 5 episodi) (2004–2005)
  • Filthy Gorgeous, regia di Robert Allan Ackerman (Film TV) (2006)
  • 30 Rock (Serie TV, 2 episodi) (2007)
  • Green Porno (Serie TV, 9 episodi) (2008)
  • Infected, regia di Adam Weissman (Film TV) (2008)
  • The Phantom, regia di Paolo Barzman (Serie TV, 2 episodi) (2009)
  • Bon appétit!, regia di Isabella Rossellini (Corto TV) (2010)
  • Treme (Serie TV, 1 episodio) (2012)
  • The Blacklist (Serie, episodio 1x2) (2013)
  • Shut Eye (Serie TV), 10 episodi (2016)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *