Ian McKellen

Sir Ian McKellen è un attore inglese conosciuto principalmente per i ruoli di Gandalf nella trilogia de "Il Signore degli Anelli" e di Magneto nella saga di “X-Men”, ma è anche uno dei più grandi interpreti shakespeariani viventi.

Ian McKellen il Grigio

(Burnley, Gran Bretagna, 25 maggio 1939)

Ian McKellen bioCome Laurence Olivier e Kenneth Branagh ha consacrato gran parte della sua carriera per rappresentare le opere del grande drammaturgo, e non esiste premio teatrale o riconoscimento che non abbia ricevuto, compreso un Tony Award, a dimostrazione del suo grande talento. I bravi attori sono tanti, ma pochi si distinguono per l’intensità e la liricità con la quale danno un’anima ai loro personaggi. A teatro poi non si può barare, il pubblico sta lì, vicino a te, per convincerlo devi suscitare emozioni vere, tangibili, altrimenti non comunichi niente, è arte fine a se stessa.

Ian nasce in un piccola cittadina dell’Inghilterra settentrionale, Burnley, il 25 maggio del 1939, da Denis, ingegnere, e Margery Lois Sutcliffe, ha una sorella, Jean, che condivide la sua stessa passione per il teatro. Con l’avvento del secondo conflitto mondiale la famiglia si trasferisce in un centro minerario, Wigam, dove il piccolo Ian assiste per la prima volta ad una rappresentazione shakespeariana, innamorandosi perdutamente del palcoscenico e delle opere del famoso drammaturgo.

Presto i McKellen si spostano nuovamente, a Bolton, dove l’attore studia e recita. Si laurea in Letteratura Inglese presso il St. Catharine’s College, nella prestigiosa Università di Cambridge, nel 1961. Dopo la laurea lavora in numerosi allestimenti, per diverse compagnie, fino al 1964, quando Laurence Olivier in persona lo vuole al National Theatre Company dell’Old Vic. La sua fama cresce ad ogni spettacolo, dove recita quasi sempre come protagonista. Si divide tra i palcoscenici britannici e Broadway, portando in scena non solo Shakespeare, ma anche Cechov, De Filippo, e tanti altri autori.

Nei primi anni Settanta si unisce alla Royal Shakespeare Company di Londra, e nel 1972 è tra i fondatori dell’Actor’s Company. Dalla fine degli anni Sessanta lavora anche per cinema e tv, soprattutto per adattare le opere shakespeariane.

Il suo debutto sul grande schermo avviene nel 1968 con “The Promise”, cui seguono “”Plenty” di Fred Schepisi del 1985; “Scandal - Il caso Profumo” di Michael Caton-Jones del 1989; “Last Action Hero” di John McTiernan del 1993; “Sei gradi di separazione” di Fred Schiepisi del 1993; “Cold Comfort Farm” di John Schlesinger del 1995; fino a “Demoni e Dei” di Bill Condon del 1998, che gli fa ottenere un nomination all’Oscar come Migliore Attore Protagonista.

Ian McKellen diventa Magneto

È nel 2000 che per la prima volta veste i panni di Magneto, nel primo episodio della trasposizione cinematografica del fumetto Marvel “X-Men”, ad opera di Bryan Singer. A seguire altri due capitoli, “X-Men 2” sempre di Singer, del 2003, e “X-Men: conflitto finale” di Brett Ratner del 2006. Questa trilogia fu una delle prime opere cinematografiche tratte dal mondo della Marvel e aprì la strada a numerosi film sui supereroi realizzati negli anni successivi.

Ian McKellen torna ad interpretare Magneto negli altri adattamenti cinematografici degli X-Men che seguono, “Wolverine - L'immortale” (2013), "X-Men - Giorni di un futuro passato" (2014) e "X-Men: Apocalisse" (2016). Negli ultimi due  è presente anche Michael Fassbender che interpreta un Magneto giovane: l'attore è comparso per la prima volta in questo ruolo in "X-Men - L'inizio" (2011), che racconta le origini del gruppo di mutanti.

Ian McKellen veste i panni dello stregone Gandalf

Ian Mckellen - GandalfUna nuova nomination all’Oscar, stavolta come Migliore Attore non Protagonista, gliela regala il film di Peter Jackson, “Il Signore degli anelli: La compagnia dell’anello” del 2001, per la sua splendida interpretazione dello stregone Gandalf. Anche in questo caso partecipa anche agli episodi successivi, “Il Signore degli anelli: Le due torri”, del 2002 e “Il Signore degli anelli: Il ritorno del re” del 2003, diretti ancora da Jackson. Dieci anni dopo la fine della trilogia torna ad indossare i panni di Gandalf per il prequel tratto dal libro "Lo Hobbit" di Tolkien; dietro la macchina da presa torna, dopo un'iniziale titubanza, Peter Jackson, e la storia viene divisa in tre capitoli cinematografici: “Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato” (2012), “Lo Hobbit - La desolazione di Smaug” (2013) e "Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate" (2014).

Sir Ian McKellen: oltre Magneto e Gandalf

Ricordato principalmente per questi due enormi ruoli cinematografici, Ian McKellen non rinuncia a recitare anche in altri film, tra i quali spiccano ”Il Codice da Vinci” (2006) diretto da Ron Howard e "Mr. Holmes - Il mistero del caso irrisolto" (2015), dove offre un'eccezionale prova di recitazione.

Omossessuale dichiarato, è molto impegnato socialmente nella lotta alle discriminazioni. Laburista e vegetariano convinto, la Regina Elisabetta II nel 1979 gli conferisce il titolo di Commendatore dell’Impero Brittannico, e nel 1990 quello di Cavaliere delle Arti dell’Impero Brittannico. Nel 2006 la Berlinale gli conferisce l’Orso d’Oro alla carriera. Attualmente vive a Londra, nel quartiere di Limehouse, assieme al suo compagno Sean Mathias.

Purtroppo nel 2012 dichiara che nel lontano 2006 gli è stato diagnosticato un cancro alla prostata ma i suoi successi non finiscono: il 18 giugno 2014 gli viene conferita una laurea honoris causa in Lettere dall'Università di Cambridge, e ancora partecipa, nel 2017, al film Disney di grandissimo successo "La Bella e la Bestia".

Maria Grazia Bosu

Ian McKellen Filmografia - Cinema

Ian Mckellen filmografia

  • A Touch of Love, regia di Waris Hussein (1969)
  • Alfredo il Grande, regia di Clive Donner (1969)
  • The Promise, regia di Michael Hayes (1969)
  • Priest of Love, regia di Christopher Miles (1981)
  • La fortezza, regia di Michael Mann (1983)
  • Plenty, regia di Fred Schepisi (1985)
  • Zina, regia di Ken McMullen (1985)
  • Scandal - Il caso Profumo, regia di Michael Caton-Jones (1989)
  • Last Action Hero - L'ultimo grande eroe, regia di John McTiernan (1993)
  • The Ballad of Little Jo, regia di Maggie Greenwald (1993)
  • 6 gradi di separazione, regia di Fred Schepisi (1993)
  • Una figlia in carriera, regia di James L. Brooks (1994)
  • L'uomo ombra, regia di Russell Mulcahy (1994)
  • Jack & Sarah, regia di Tim Sullivan (1995)
  • Riccardo III, regia di Richard Loncraine (1995)
  • Restoration - Il peccato e il castigo, regia di Michael Hoffman (1995)
  • Bent, regia di Sean Mathias (1997)
  • Lo straniero che venne dal mare, regia di Beeban Kidron (1997)
  • Demoni e dei, regia di Bill Condon (1998)
  • L'allievo, regia di Bryan Singer (1998)
  • X-Men, regia di Bryan Singer (2000)
  • Il Signore degli Anelli - La Compagnia dell'Anello, regia di Peter Jackson (2001)
  • Il Signore degli Anelli - Le due torri, regia di Peter Jackson (2002)
  • X-Men 2, regia di Bryan Singer (2003)
  • Emile, regia di Carl Bessai (2003)
  • Il Signore degli Anelli - Il ritorno del re, regia di Peter Jackson (2003)
  • Follia, regia di David Mackenzie (2005)
  • Neverwas - La favola che non c'è, regia di Joshua Michael Stern (2005)
  • Il codice Da Vinci, regia di Ron Howard (2006)
  • X-Men - Conflitto finale, regia di Brett Ratner (2006)
  • For the Love of God, regia di Joe Tucker (Cortometraggio) (2007)
  • Stardust, regia di Matthew Vaughn (Voce narrante) (2007)
  • The Academy, regia di Peter Hinton (Cortometraggio) (2009)
  • The Academy Part 2: First Impressions, regia di Peter Hinton (2009)
  • Lady Gray London, regia di John Cameron Mitchell (Cortometraggio) (2011)
  • Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato, regia di Peter Jackson (2012)
  • The Egg Trick, regia di Stephen Kroto (Cortometraggio) (2013)
  • Wolverine - L'immortale, regia di James Mangold (Cameo) (2013)
  • Lo Hobbit - La desolazione di Smaug, regia di Peter Jackson (2013)
  • Miss in Her Teens, regia di Matthew Butler (2014)
  • X-Men: Giorni di un futuro passato, regia di Bryan Singer (2014)
  • Lo Hobbit - La battaglia delle cinque armate, regia di Peter Jackson (2014)
  • Mr. Holmes - Il mistero del caso irrisolto, regia di Bill Condon (2015)
  • La bella e la bestia (Beauty and the Beast), regia di Bill Condon (2017)

Ian McKellen Filmografia - Televisione

  • The Indian Tales of Rudyard Kipling (Serie TV, 1 episodio) (1964)
  • The Wednesday Play (Serie TV, 1 episodio) (1965)
  • Sunday Out of Season, regia di John Nelson-Burton (Film TV) (1965)
  • David Copperfield (Serie TV, 9 episodi) (1966)
  • BBC Play of the Month (Serie TV, 4 episodi) (1968-1973)
  • Solo (Serie TV, 1 episodio) (1970)
  • Edward II, regia di Richard Marquand e Toby Robertson (Film TV) (1970)
  • Hamlet, regia di David Giles (Film TV) (1970)
  • The Tragedy of King Richard II, regia di Richard Cottrell e Toby Robertson (Film TV) (1971)
  • ITV Saturday Night Theatre (Serie TV, 1 episodio) (1972)
  • BBC Show of the Week (Serie TV, 1 episodio) (1972)
  • Country Matters (Miniserie TV) (1972)
  • Late Night Drama (Serie TV, 1 episodio) (1974)
  • Jackanory (Serie TV, 1 episodio) (1978)
  • BBC2 Playhouse (Serie TV, 1 episodio) (1979)
  • A Performance of Macbeth, regia di Philip Casson (Film TV) (1979)
  • Il giallo della poltrona (Serie TV, 4 episodi) (1980)
  • Play for Today (Serie TV, 1 episodio) (1980)
  • Walter, regia di Stephen Frears (Film TV) (1982)
  • La primula rossa, regia di Clive Donner (Film TV) (1982)
  • Walter and June, regia di Stephen Frears (Film TV) (1983)
  • Windmills of the Gods, regia di Lee Philips (Film TV) (1988)
  • Countdown to War, regia di Patrick Lau (Film TV) (1989)
  • Theatre Night (Serie TV, 1 episodio) (1990)
  • Guerra al virus, regia di Roger Spottiswoode (Film TV) (1993)
  • Armistead Maupin's Tales of the City (Miniserie TV) (1993)
  • Cold Comfort Farm, regia di John Schlesinger (Film TV) (1995)
  • Rasputin - Il demone nero, regia di Uli Edel (Film TV) (1996)
  • David Copperfield, regia di Simon Curtis (Film TV) (1999)
  • Churchill (Serie TV, 3 episodi) (Documentario) (2003)
  • Coronation Street (Serie TV, 10 episodi) (2005)
  • Extras (Serie TV, 1 episodio) (2006)
  • Great Performances (Serie TV, 1 episodio) (2008)
  • King Lear, regia di Trevor Nunn (Film TV) (2008)
  • The Prisoner (Miniserie TV, 6 episodi) (2009)
  • Doctor Who (Serie TV, 1 episodio) (2012)
  • The Academy: Special, regia di Peter Hinton (Film TV) (2012)
  • Vicious (Serie TV, 7 episodi) (2013-in corso)
  • The Five(ish) Doctors Reboot, regia di Peter Davison (Special TV) (2013)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *