House of Cards 6: riprese interrotte a causa di una tragica sparatoria

Una sparatoria avvenuta a pochi chilometri di distanza dal set, in Maryland, ha fatto sì che le riprese della sesta stagione di “House of Cards” venissero momentaneamente interrotte.

Si contano 3 morti e 3 feriti di cui uno in gravi condizioni.

Catturato il killer

La caccia all’uomo, durata fortunatamente poco, si è risolta con la cattura dello stesso in Delaware, come conferma la polizia locale tramite Twitter.

Radee Labeeb Prince killerSi tratta di Radee Labeeb Prince, un uomo di 37 anni, colpevole di aver sparato a 5 dei suoi colleghi impiegati, come lui, nell’azienda Advanced Granite Solutions – situata circa a 30 km da Baltimora -. Tre le persone rimaste uccise, 2 i feriti in condizioni gravi.

Il killer è, in seguito, fuggito su di una Gmc Arcadia 2000 di colore nero, salvo poi ricomparire a Wilmington, in Delaware – 90 km da Baltimora – e sparare nuovamente contro un suo conoscente con cui, secondo la polizia, c’erano state delle controversie. L’uomo, ferito alla testa, secondo quanto riportato, è in gravi condizioni.

La polizia è intervenuta stamattina alle 9:30, dopo aver isolato la zona (in cui, facciamo presente, ci sono tre scuole elementari oltre ad attività commerciali), e ha prontamente arrestato il colpevole che, come è facile intuire, conosceva bene le sue vittime.

Le riprese della sesta stagione di “House of Cards” riprenderanno non appena possibile, nel pieno rispetto delle vittime di quest’ennesima carneficina che sembra appartenere più al far west, che all’epoca attuale.

Ogni commento riguardante questa ‘cultura’ malata pro-armi  è pressoché inutile. Le stragi giornaliere parlano da sole. Un grido contro una società sorda che a capo del governo ha posto l’emblema della grettezza.

Nicole Ulisse

19/10/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *