Hellboy: il reboot collegato al film di Guillermo del Toro?

Il creatore di “Hellboy”, Mike Mignola, ha rivelato che il reboot sarebbe dovuto essere collegato ai primi due film diretti da Guillermo del Toro. Mignola, infatti quando ha annunciato il via al progetto è stata una notizia esplosiva che ha fomentato tutti i fan del fumetto.

Hellboy: David Harbour nei panni del demone anti-eroe

David Harbour è Hellboy

Mignola ha annunciato che a dirigere “Hellboy: Rise of the Blood Queen” sarà il regista di “Game of Thrones”. A suscitare maggiore curiosità ci pensa proprio lo sceneggiatore Andrew Cosby, dichiara infatti che la nuova trasposizione cinematografica del fumetto sarà a tinte più dark e molto più macabro dei precedenti film di Guillermo del Toro.

Per quanto i fan del cinecomic abbiano costantemente sperato in un capitolo conclusivo della saga diretta da del Toro, questo non accadrà. La nuova pellicola non ha più Ron Perlman come protagonista nei panni di Hellboy, ma bensì la star comparsa nel prodotto originale Netflix, “Stranger Things”, David Harbour.

Hellboy: una nuova pellicola R-rated

La produzione “Hellboy: Rise of the Blood Queen” parte da quest’autunno e Mike Mignola ha rivelato che quest’ultimo progetto sarebbe dovuto essere un sequel della saga originale diretta dal regista de “Il labirinto del fauno”.

“Mi sarebbe piaciuto rivedere Guillermo del Toro alle prese con un terzo “Hellboy”, ma con l’andare avanti degli anni è stato alquanto chiaro che non sarebbe mai successo. Tre anni fa i produttori, lo sceneggiatore Andrew Cosby e io abbiamo inizia la lavorazione di una nuova storia. Guillermo del Toro non ha voluto avere niente a che fare con questo nuovo progetto. Non farà da regista, ma gli è stato offerto di fare da produttore.”

Mignola è abbastanza contrario al fatto che del Toro non voglia continuare la saga da lui diretta, ma il creatore sembra comunque molto emozionato all’idea che Marshall stia mettendo in atto una nuova storia per il personaggio.

Alessio Camperlingo

13/07/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *