Harvey Keitel

Harvey Keitel è un attore americano con una delle carriere più lunghe della storia del cinema.

Harvey Keitel, l’attore che “risolve problemi”

(New York, 13 maggio 1939)

Harvey-KeitelE’ uno di quegli attori che o si amano o si odiano!

Harvey Keitel, classe 1939, è nato a Brooklyn da padre polacco e madre rumena. La sua vita non è stata facile, glielo si legge sul viso, segnato da rughe profonde. Giovanissimo entra nei Marines, quando ne esce, si iscrive all’Actor’s Studio di Lee Strasberg per superare la balbuzie di cui soffre. Del resto ancora oggi, dopo tanto successo, ha problemi con il suo accento di Brooklyn e non si separa mai dal suo personal trainer/terapeuta. Probabilmente molto del suo fascino viene proprio da questo essere ruvidamente “vero”.

Keitel sostiene che l’attore non deve risparmiarsi sul set ma bruciarsi, non deve interpretare ma incarnarsi. Ed è quello che ha fatto durante tutta la sua carriera iniziata con Scorsese con: “Chi sta bussando alla mia porta?” (1969), “Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno” (1973), “Alice non abita più qui” (1975), “Taxi driver” (1976). Nel 1977 lavora nel film diretto da Ridley Scott “I duellanti”.

La crisi degli anni '80

Gli anni ’80 sono segnati da una profonda crisi professionale. Fortissima, in questo decennio, la sua presenza nelle produzioni italiane: nel 1982 è diretto da Ettore Scola ne “Il mondo nuovo”; poi da Roberto Faenza in "Copkiller" (1983); seguito da “Un complicato intrigo di donne, vicoli e delitti” (1986) di Lina Wertmüller; “L’inchiesta” (1986) di Damiano Damiani e “Caro Gorbaciov” (1988) di Carlo Lizzani.

Ritorna a collaborare con Scorsese ne “L’ultima tentazione di Cristo” (1988) dove interpreta Giuda Iscariota. Dopo "Il grande inganno" (1990) di Jack Nicholson, nuovamente diretto da Scott, Keitel rinasce letteralmente con “Thelma & Louise” (1991), dando volto al sensibile detective Hal che cerca disperatamente di salvare le due eroine. La sua grande prova di recitazione è l’anno dopo ne “Il cattivo tenente” di Abel Ferrara.

Tarantino e il primo Oscar

Harvey Keitel distrattoUn artista così non poteva non lavorare con Quentin Tarantino prima ne “Le iene - Cani da rapina” (1992), poi in “Pulp Fiction” (1994), dove il suo compito è “risolvere problemi”.

Nel 1993 è protagonista di "Lezioni di piano" con cui Jane Campion vince l'Oscar e la Palma d'Oro a Cannes. Ancora nella sua amata Brooklyn, in “Smoke” (1995) di Wayne Wang e Paul Auster è il tabaccaio filosofo che guarda la vita con sguardo disincantato, interpretazione che gli vale un Premio David di Donatello come Miglior Interprete Straniero.

Ha lavorato tra i tanti: con Théo Angelopoulos in "Lo sguardo di Ulisse" (1995); con Spike Lee in "Clockers" (1995); Robert Rodriguez in "Dal tramonto all'alba" (1996); Stephen Frears in "A prova di errore" (2000). In Italia è stato diretto da Giovanni Veronesi in "Il mio west" (1998); Sergio Citti in "Vipera" (2001) e Renzo Martinelli in "Il mercante di pietre" (2005).

La persona dietro al personaggio

Uomo dal carattere non propriamente facile si è permesso il lusso di abbandonare il set di “Apocalipse Now” dopo una discussione con Coppola e quello dell’ultimo film di Stanley Kubrick “Eyes Wide Shut”. Non ama i produttori di Hollywood, né tantomeno i giornalisti. Eppure intrigante come al solito ha incantato tutti alla presentazione italiana del film di Renzo Martinelli “Il mercante di pietre”.

Insomma un personaggio assolutamente unico che, con la sua compagna Peggy Gormley, possiede una sua casa di produzione. Nel 2007 lo vediamo ne “Il mistero delle pagine perdute” di Jon Turteltaub con Nicolas Cage, seguito del “Mistero dei templari”.

Nel 2009 ha una parte in "The Ministers"; è protagonista di "11 Settembre - Tragedia annunciata" e partecipa a "Life on mars"; mentre nel 2010 fa parte del nutrito cast di "Ti presento i piccoli". Nel 2011 e nel 2012 torna al cinema con "Gandhi of the Month", regia di Kranti Kanade (2011) e "Moonrise Kingdom", regia di Wes Anderson (2012).

Nel 2013 è nel cast del particolare film “The Congress” diretto da Ari Folman, con protagonista Robin Wright nei panni di se stessa, mentre nel 2014 è nel cast di "Grand Budapest Hotel" di Wes Anderson.

Ivana Faranda

Harvey Keitel Filmografia - Cinema

Harvey Keitel

  • Riflessi in un occhio d'oro, regia di John Huston (1967)
  • Chi sta bussando alla mia porta?, regia di Martin Scorsese (1967)
  • Mean Streets - Domenica in chiesa, lunedì all'inferno, regia di Martin Scorsese (1973)
  • Alice non abita più qui, regia di Martin Scorsese (1974)
  • That's the Way of the World, regia di Sig Shore (1975)
  • Taxi Driver, regia di Martin Scorsese (1976)
  • Codice 3: emergenza assoluta, regia di Peter Yates (1976)
  • Buffalo Bill e gli indiani, regia di Robert Altman (1976)
  • Welcome to L.A., regia di Alan Rudolph (1976)
  • I duellanti, regia di Ridley Scott (1977)
  • Tuta blu, regia di Paul Schrader (1978)
  • Rapsodia per un killer (Fingers), regia di James Toback (1978)
  • Io, grande cacciatore, regia di Anthony Harvey (1979)
  • La morte in diretta, regia di Bertrand Tavernier (1980)
  • Saturno tre, regia di Stanley Donen (1980)
  • Il lenzuolo viola, regia di Nicolas Roeg (1980)
  • Frontiera, regia di Tony Richardson (1982)
  • Il mondo nuovo, regia di Ettore Scola (1982)
  • Copkiller - L'assassino dei poliziotti, regia di Roberto Faenza (1983)
  • Star's Lovers, regia di James Toback (1983)
  • Innamorarsi, regia di Ulu Grosbard (1984)
  • Il sogno di Nemo e Alice, regia di Arnaud Sélignac (1984)
  • El caballero del dragon, regia di Fernando Colomo (1985)
  • Vicolo cieco, regia di Paul Lynch (1986)
  • Un complicato intrigo di donne vicoli e delitti, regia di Lina Wertmüller (1986)
  • Un poliziotto fuori di testa, regia di Michael Dinner (1986)
  • Cadaveri e compari, regia di Brian De Palma (1986)
  • Club di uomini, regia di Peter Medak (1986)
  • L'inchiesta, regia di Damiano Damiani (1986)
  • Ehi...ci stai?, regia di James Toback (1987)
  • Grandi cacciatori, regia di Augusto Caminito (1988)
  • Caro Gorbaciov, regia di Carlo Lizzani (1988)
  • Une pierre dans la bouche, regia di Jean-Louis Leconte (1988)
  • L'ultima tentazione di Cristo, regia di Martin Scorsese (1988)
  • La sposa americana, regia di Giovanni Soldati (1988)
  • Un detective... particolare, regia di Pat O'Connor (1989)
  • La battaglia dei tre tamburi di fuoco, regia di Souheil Ben-Barka e Uchkun Nazarov (1990)
  • Due occhi diabolici, regia di Dario Argento e George A. Romero (1990)
  • Il grande inganno, regia di Jack Nicholson (1990)
  • L'ombra del testimone, regia di Alan Rudolph (1991)
  • Thelma & Louise, regia di Ridley Scott (1991)
  • Bugsy, regia di Barry Levinson (1991)
  • Le iene, regia di Quentin Tarantino (1992)
  • Sister Act - Una svitata in abito da suora, regia di Emile Ardolino (1992)
  • Il cattivo tenente, regia di Abel Ferrara (1992)
  • Nome in codice: Nina, regia di John Badham (1993)
  • Lezioni di piano, regia di Jane Campion (1993)
  • Sol levante, regia di Philip Kaufman (1993)
  • Young Americans, regia di Danny Cannon (1993)
  • Occhi di serpente, regia di Abel Ferrara (1993)
  • Il mio amico Zampalesta, regia di Franco Amurri (1994)
  • Pulp Fiction, regia di Quentin Tarantino (1994)
  • Somebody to Love - Qualcuno da amare, regia di Alexandre Rockwell (1994)
  • Lo sguardo di Ulisse, regia di Theodoros Angelopoulos (1995)
  • Smoke, regia di Wayne Wang (1995)
  • Clockers, regia di Spike Lee (1995)
  • Get Shorty, regia di Barry Sonnenfeld (1995) (Cameo) - Non accreditato
  • Dal tramonto all'alba, regia di Robert Rodriguez (1996)
  • Acque profonde, regia di Jim Wilson (1996)
  • La spirale della vendetta, regia di John Irvin (1997)
  • Cop Land, regia di James Mangold (1997)
  • Favole, regia di Charles Sturridge (1997)
  • Profumo di un giorno d'estate, regia di Susanna Styron (1998)
  • Lulu on the Bridge, regia di Paul Auster (1998)
  • Finding Graceland, regia di David Winkler (1998)
  • Il mio West, regia di Giovanni Veronesi (1998)
  • Tre stagioni, regia di Tony Bui (1999)
  • Holy Smoke - Fuoco sacro, regia di Jane Campion (1999)
  • Precence of Mind, regia di Antoni Aloi (1999)
  • U-571, regia di Jonathan Mostow (2000)
  • L'estate della tua vita, regia di John Leekley (2000)
  • Little Nicky - Un diavolo a Manhattan, regia di Steven Brill (2000)
  • Nailed, regia di Joel Silverman (2001)
  • Vipera, regia di Sergio Citti (2001)
  • La zona grigia, regia di Tim Blake Nelson (2001)
  • A torto o a ragione, regia di István Szabó (2001)
  • Nowhere, regia di Luis Sepúlveda (2002)
  • Ginostra, regia di Manuel Pradal (2002)
  • Red Dragon, regia di Brett Ratner (2002)
  • Beeper, regia di Jack Sholder (2002)
  • Crime Spree - In fuga da Chicago, regia di Brad Mirman (2003)
  • Il mistero Galindez, regia di Gerardo Herrero (2003)
  • Who Killed the Idea?, regia di Hermann Vaske (2003)
  • Dreaming of Julia, regia di Juan Gerard (2003)
  • Chasing the Elephant, regia di Trevor P. Jenkins (2003)
  • Puerto Vallarta, regia di Arthur Allan Seidelman (2004)
  • Il mistero dei Templari, regia di Jon Turteltaub (2004)
  • Il ponte di San Luis Rey, regia di Mary McGuckian (2004)
  • Be Cool, regia di F. Gary Gray (2005)
  • Vengo a prenderti, regia di Brad Mirman (2005)
  • Valzer finale per un killer, regia di Max Makowski (2006)
  • A Crime, regia di Manuel Pradal (2006)
  • Il mercante di pietre, regia di Renzo Martinelli (2006)
  • Arthur e il popolo dei Minimei (2006) - Voce
  • My Sexiest Year, regia di Howard Himelstein (2007)
  • Il mistero delle pagine perdute, regia di Jon Turteltaub (2007)
  • The Ministers - Giustizia privata, regia di Franc. Reyes (2009)
  • Bastardi senza gloria, regia di Quentin Tarantino (2009) - Voce
  • Wrong Turn At Tahoe - Ingranaggio Mortale, regia di Franck Khalfoun (2009)
  • A Beginner's Guide to Endings, regia di Jonathan Sobol (2010)
  • Vi presento i nostri, regia di Paul Weitz (2010)
  • The Last Godfather, regia di Hyung-rae Shim (2010)
  • Gandhi of the Month, regia di Kranti Kanade (2011)
  • Moonrise Kingdom, regia di Wes Anderson (2012)
  • The Congress, regia di Ari Folman (2013)
  • Grand Budapest Hotel, regia di Wes Anderson (2014)
  • Rio, eu te amo, registi vari (2014)
  • Youth - La giovinezza, regia di Paolo Sorrentino (2015)
  • Gandhi of the Month, regia di Kranti Kanade (2015)
  • The Ridiculous 6, regia di Frank Coraci (2015)
  • The Comedian, regia di Taylor Hackford (2016)

Harvey Keitel Filmografia - Televisione

  • Gli eroi di Hogan (Serie TV) (1966)
  • Dark Shadows (Serie TV) (1966)
  • N.Y.P.D. (Serie TV) (1968)
  • Pueblo, regia di Anthony Page (Film TV) (1973)
  • Il tenente Kojak (Serie TV) (1973)
  • F.B.I (Serie TV) (1974)
  • The Virginia Hill Story, regia di Joel Schumacher (Film TV) (1974)
  • La bella Otero, regia di José Maria Sanchez (Film TV) (1984)
  • Baciami strega, regia di Duccio Tessari (Film TV) (1985)
  • Vanessa (Vanessa in the Garden), episodio di Storie incredibili (Serie TV) (1985)
  • The Ellen Burstyn Show (Serie TV) (1986)
  • The Play on One (Serie TV) (1988)
  • This Ain't Bebop, regia di Ralph Bakshi (Cortometraggio) (1989)
  • A prova di errore, regia di Stephen Frears (Film TV) (2000)
  • Saturday Night Live (Serie TV) (2002)
  • 11 settembre - Tragedia annunciata, regia di David L. Cunningham (Film TV) (2006)
  • Life on Mars (Serie TV, 17 episodi) (2008 - 2009)
  • Una fatale luna di miele (Film TV), regia di Nadia Tass (2012)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *