Giovanni Veronesi

Giovannni Veronesi è un attore, sceneggiatore e regista che si è affermato durante gli anni Novanta come uno degli artisti di spicco del cosiddetto ‘cinema toscano’, tanto che i suoi film, soprattutto negli ultimi anni, sono stati tutti vincenti al box office italiano.

Giovanni Veronesi, il regista campione d’incassi nel Belpaese

(Prato, 31 agosto 1962)

GIOVANNI-VERONESIGli italiani, il loro modo d’amare e una visione della vita scanzonata, seppur qualche volta malinconica, fanno di Giovanni Veronesi uno dei registi più apprezzati dal pubblico italiano.

Nato a Prato il 31 Agosto del 1962 Giovanni Veronesi, fratello dello scrittore Sandro, ha esordito al cinema come attore in “Una gita scolastica” (1983) di Pupi Avati, anche se sarà come sceneggiatore e regista che si affermerà maggiormente.

Dalla metà degli anni Ottanta scrive per Francesco Nuti le sceneggiature di film di successo come: “Tutta colpa del paradiso” (1985), “Stregati” (1987), “Caruso Paskoski di padre polacco” (1988), e i meno riusciti “"Willy Signori e vengo da lontano" (1989), “Donne con le gonne” (1991) e “OcchioPinocchio” (1994).

Giovanni Veronesi, uno sceneggiatore dietro la macchina da presa

Nel 1987 esordisce alla regia con “Marameo” con Vanessa Gravina e Novello Novelli. Torna a dirigere e scrivere un suo lavoro solo nel 1993 quando realizza “Per amore solo per amore” con il quale ottiene il David di Donatello per la Migliore Sceneggiatura l’anno seguente. Tratto dal romanzo Pasquale Festa Campanile il film, affronta la nascita del Salvatore dal punto di vista di Giuseppe, un credibile Diego Abatantuono, affiancato da una splendida Penelope Cruz nei panni di Maria.

Nel frattempo continua a firmare film diretti da altri come: “Vacanze di Natale 91” (1991), uno dei primi esempi di cinepanettone; “Anni 90” (1991); “Uomini uomini uomini” (1993) e Tre” (1996).

Giovanni Veronesi e Leonardo Pieraccioni: una proficua amicizia

Amico di Leonardo Pieraccioni, Giovanni Veronesi presta la sua penna per grandi successi come: “I laureati” (1995); “Il ciclone” (1996), che gli varrà il Nastro d’Argento per la Migliore Sceneggiatura; “Fuochi d'artificio” (1997), “Il pesce innamorato” (1999), “Il principe e il pirata” (2001), “Il paradiso all'improvviso” (2003), “Ti amo in tutte le lingue del mondo” (2005), “Una moglie bellissima” (2007) e “Io & Marilyn” (2009).

Per l’altro toscano Massimo Ceccherini realizza la sceneggiatura di “Lucignolo” (1999), “Faccia da Picasso” (2000) e “La mia vita a stelle e strisce” (2003).

Dal “Barbiere di Rio” a “Che ne sarà di noi”: l’ascesa al successo per il regista Giovanni Veronesi

Tra una sceneggiatura e l’altra Giovanni Veronesi ha comunque il tempo di dirigere “Il Barbiere di Rio” (1996), dove ritrova Diego Abatantuono; “Silenzio si nasce” (1996) con Sergio Castellitto e Paolo Rossi; “Viola bacia tutti” (1998) con un’inedita Asia Argento e i poco riusciti “ll mio west” con Leonardo Pieraccioni, affiancato inaspettatamente da Harvey Keitel e David Bowie, e “Streghe verso nord” (2001).

Giovanni Veronesi è instancabile e lavora alla sceneggiatura di “C’era un cinese in coma” (2000), uno dei peggiori film di Verdone, oltre che figurare come produttore di “Mio cognato” (2003), originale lavoro di Alessandro Piva con Sergio Rubini.

“Che ne sarà di noi” (2004), con Silvio Muccino e Violante Placido, sarà il film che confermerà una volta per tutte le sue doti narrative, apprezzate dal grande pubblico, grazie al quale i suoi lavori saranno veri e propri campioni d’incasso.

Giovanni Veronesi: ‘manuale d’amore’ manuale di successo

Ottiene nuovamente il Nastro d’Argento per la Migliore Sceneggiatura di “Manuale d’amore” (2004) che avrà due sequel “Manuale d’amore 2 – Capitoli successivi” (2007), campione d’incassi al box office, e “Manuale d’amore 3” (2011) che vanta la partecipazione di Robert De Niro.

Continua ad avere approvazione con il film a due episodi “Italians” (2009), dove ritrova Sergio Castellitto affiancato da Riccardo Scamarcio e Carlo Verdone in coppia Ksenia Rappoport, al quale segue “Genitori & figli - Agitare bene prima dell'uso” (2010) in cui affronta sempre sotto il profilo comico gli scontri generazionali e “L’ultima ruota del carro” (2013), film d’apertura del Festival del Film di Roma con Elio Germano.

Nel 2014 dirige Laetitia Casta e Fabio De Luigi in “Una donna per amica”.

Giorgio Bartoletti

Giovanni Veronesi Filmografia - Regista e sceneggiatore

GIOVANNI VERONESI

  • Maramao (1987)
  • Per amore, solo per amore (1993)
  • Silenzio... si nasce (1996)
  • Il barbiere di Rio (1996)
  • Viola bacia tutti (1998)
  • Il mio West (1998)
  • Streghe verso nord (2001)
  • Che ne sarà di noi (2004)
  • Manuale d'amore (2005)
  • Manuale d'amore 2 - Capitoli successivi (2007)
  • Italians (2009)
  • Genitori & figli - Agitare bene prima dell'uso (2010)
  • Manuale d'amore 3 (2011)
  • L'ultima ruota del carro (2013)
  • Una donna per amica (2014)
  • Non è un paese per giovani (2017)

Giovanni Veronesi Filmografia - Sceneggiatore

  • Tutta colpa del Paradiso (1985)
  • Stregati (1986)
  • Caruso Pascoski di padre polacco (1988)
  • Willy Signori e vengo da lontano (1990)
  • Donne con le gonne (1991)
  • Vacanze di Natale '91 (1991)
  • Anni 90 (1992)
  • Amami (1992)
  • OcchioPinocchio (1994)
  • Uomini uomini uomini (1995)
  • I laureati (1995)
  • 3 (1996)
  • Il ciclone (1996)
  • Cinque giorni di tempesta (1997)
  • Fuochi d'artificio (1997)
  • I fobici (1999)
  • Lucignolo (1999)
  • Il pesce innamorato (1999)
  • C'era un cinese in coma (2000)
  • Faccia di Picasso (2000)
  • Il principe e il pirata (2001)
  • La mia vita a stelle e strisce (2003)
  • Il paradiso all'improvviso (2003)
  • Ti amo in tutte le lingue del mondo (2005)
  • Una moglie bellissima (2007)
  • Io & Marilyn (2009)
  • Finalmente la felicità (2011)
  • Il professor Cenerentolo (2015)

Giovanni Veronesi Filmografia - Attore

  • Una gita scolastica, regia di Pupi Avati (1983)
  • Tutta colpa del Paradiso, regia di Francesco Nuti (1985)
  • Caruso Pascoski di padre polacco, regia di Francesco Nuti (1988)
  • Willy Signori e vengo da lontano, regia di Francesco Nuti (1990)
  • Faccia di Picasso, regia di Massimo Ceccherini (2000)
  • Ti amo in tutte le lingue del mondo, regia di Leonardo Pieraccioni (2005)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *