Giffoni Film Festival 2017: il consiglio ai ragazzi di Julianne Moore

Julianne Moore è stata una degli ospiti più attesi in questa nuovissima edizione del Giffoni Film Festival 2017. Nella sala Truffaut del festival i giurati hanno accolto il Premio Oscar con un caloroso benvenuto. L’attrice ha ringraziato tutti per l’affetto ricevuto durante tutta la conferenza.

Giffoni Film Festival 2017: un’edizione veramente magica

Julianne Moore ospite al Giffoni Film Festival 2017

L’amatissima attrice statunitense si è sentita veramente onorata di partecipare a questa nuova edizione del Festival, ha risposto alla maggior parte delle domande poste dai giurati sulla sua intera carriera.

Saper recitare non capita, ma si apprende con il tempo. C’è tutto un lavoro dietro, bisogna studiare tanto e fare molta gavetta. È importante è voi ragazzi sappiate che niente nasce dal nulla, bisogna farlo accadere”, risponde ad uno dei giovani presenti alla conferenza che ha avuto la possibilità di interloquire con Julianne Moore.

Un altro ragazzo le racconta del nonno malato della sindrome di Alzheimer e la Moore non rimane impassibile alla notizia. Dopo aver espresso la sua solidarietà racconta perché ha voluto interpretare una donna che soffre di questa patologia in “Stille Alice”:

“Ho accettato la parte proprio per via di persone che sono alle prese con questa sindrome. Mi sono documentata in modo molto accurato prima delle riprese, ho telefonato a persone che soffrono di Alzheimer e ne ho incontrate altre per poter dare vita al personaggio di Alice. Cercando di rendere la mia interpretazione vera il più possibile.”

Giffoni Film Festival 2017: Julianne Moore si racconta ai ragazzi

L’attrice statunitense ha raccontato la sua vita passata al Giffoni Film Festival 2017 e qual è stata la forza motrice che l’ha spinta ad arrivare nel mondo della recitazione.

Ciò che mi spinge a recitare è di certo la mia passione per la letteratura. Far parte di una storia è quello che mi ha spinta a diventare attrice. Cerco sempre di scegliere ruoli in film che ritengo avvincenti, non sul punto di vista dell’azione, ma sulla caratterizzazione dei personaggi. È una cosa che mi affascina molto.”

Non mancano di certo i consigli di Julianne Moore per un giovane studente di Los Angeles che le ha chiesto qualche dritta sul mestiere.

“Per questo lavoro bisogna puntare ad avere dei mentori capaci e che ti sanno guidare nel mondo dello spettacolo. Io ho riposto la mia fiducia in Robert Altman ed è stato più o meno quando ero una ragazza che sono venuta a contatto con il suo lavoro. È stato proprio lui che mi ha reso conscia di quanto volessi vivere per recitare e raccontare storie.”

Alla fine del meet and greet, prima di ricevere il premio Truffaut del Giffoni Film Festival 2017, Julianne Moore ha tenuto a dispensare un consiglio per tutti i ragazzi presenti e non:

Bisogna seguire sempre le proprie passioni e i propri sogni. Quando cercheranno di buttarvi giù e ostacolare le vostre ambizioni, voi dovete opporvi con tutto il vostro essere e realizzare i vostri sogni. Fatevi tante domande, dalla curiosità nasce la consapevolezza e capirete veramente cosa amate e perché lo amate.”

Alessio Camperlingo

17/07/2017

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *