luglio 30, 2015

Gabriel Garko – Biografia

Dario Oliviero, questo il vero nome del celebre attore italiano di cinema e televisione, conosciuto al grande pubblico con lo pseudonimo di Gabriel Garko. Con all’attivo numerose fiction tv, Gabriel ottiene il vero successo vestendo il ruolo di un boss mafioso nella fortunata fiction targata mediaset ”L’onore e il rispetto”, grazie alla quale conoscerà il riscontro positivo del pubblico.

Gabriel Garko,  il bello di cinema e TV

(Torino, 12 luglio 1974)

Gabriel_GarkoUn fisico scultoreo e uno sguardo penetrante rendono Gabriel Garko uno dei sex symbol più apprezzati dal pubblico femminile italiano. Nato a Torino il 12 luglio del 1974 Dario Gabriel Oliviero acquisisce il cognome d’arte modificando quello della madre da Garchio in Garko. La bellezza è il suo trampolino di lancio per entrare nello show business: è infatti il 1991 quando vince il titolo di Mister Italia. Nel 1995 lavora come attore di fotoromanzi ed è sul set del cortometraggio presentato a Venezia “Troppo caldo”, dove recita accanto a Francesca Dellera diretto da Roberto Rocco.

Tra cinema e televisione gli anni Novanta sono il periodo d’oro di Gabriel Garko, ma il grande salto risale al 2006

Con quest’ultimo è anche sul set della fiction tv “Una donna in fuga” (1996) e “Angelo nero” (1998). Intanto sempre nel 1996 debutta in tv con “La signora della città”di Beppe Cino, cui segue nel 1997 “Ma Shamal – Ritorno al deserto” con Dalila di Lazzaro e Kabir Bedi. Nel 1998 interpreta se stesso in “Paparazzi” di Neri Parenti, suo esordio cinematografico. Pier Francesco Pingitore lo rende protagonista di “Tre stelle” (1999) e “Villa Ada” (1999). Con la regia di Luigi Parisi è impegnato invece sul set di “Il morso del serpente” (1999), “Occhi verde veleno” (2001) oltre alle tre serie de “Il bello delle donne” (2001 – 2002 – 2003). Nel 2001 è nel cast insieme a Margherita Buy e Stefano Accorsi de “Le fate ignoranti” di Ferzan Ozpetek. È un ufficiale nazista in “Senso 45” (2001) di Tinto Brass e un cantante lirico in “Callas Forever” (2002) di Franco Zeffirelli. Sempre nel 2002 fa la sua prima esperienza teatrale con Luca Ronconi al Piccolo Teatro di Milano con “Quel che sapeva Maisie” di Henry James. Nel 2005, ormai sotto la luce dei riflettori, è vittima di uno scherzo organizzato dalla trasmissione “Scherzi a parte”. Prosegue poi la carriera televisiva con “I colori della vita” (2005) di Stefano Reali; “L’onore e il rispetto” (2006) di Salvatore Samperi; “Io ti assolvo” (2007) di Monica Vullo e “Il sangue e la rosa” (2008) diretto ancora da Salvatore Samperi, Luigi Parisi e Luciano Odorisio.

Ancora fortunate fiction targate Mediaset per Gabriel Garko, un attore da onore e rispetto

Nel 2007 fa parte del cast, insieme a Claudio Santamaria, Claudia Gerini e Vanessa Incontrada, di “Aspettando il sole” di Ago Panini e mette a repentaglio il matrimonio di Laura Torrisi e Leonardo Pieraccioni nel film diretto da quest’ultimo “Una moglie bellissima”. Nel 2009 torna sul set per la fiction “L’onore e il rispetto – Parte seconda” cui segue nel 2010 “L’onore e il rispetto – Parte terza”.

Il 2010 lo vede inoltre impegnato per la tv in: “Caldo criminale” e “Il peccato e la vergogna” e per il cinema in “Maschi contro femmine” di Fausto Brizzi.

Nel 2013 seguono una serie di impegni televisivi tra cui la famosa fiction con la bella Manuela Arcuri in “Il peccato e la vergogna” a cui è seguita “Il peccato e la vergogna 2″ nel 2014. Nello stesso anno è stato il protagonista della miniserie in due puntate di “Rodolfo Valentino – La leggenda”, in cui ha interpretato l’attore e ballerino, latin lover degli inizi del ‘900, Rodolfo Valentino.

Amante dello sport, Gabriel Garko deve il suo bel fisico alla pratica del body building, dell’equitazione e degli sci. Parla inglese e francese e tra le sue relazioni chiacchieratissima è stata quella con Eva Grimaldi.

Isabella Gasparutti

Related posts

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *