Frank Sinatra

Il suo nome evoca la sua voce e la sua voce rimanda a emozioni forti, canzoni che hanno fatto storia, soprattutto grazie alla sua magica interpretazione.

Frank Sinatra, the Voice

(New Jersey, 12 dicembre 1915 – Los Angeles, 15 maggio 1998)

Frank.SinatraFrank Sinatra nasce nel New Jersey da un’umile famiglia e trascorre un’infanzia all’insegna della moderazione e della rinuncia, lavorando come imbianchino e senza frequentare mai la scuola. La madre è una levatrice e il padre un pompiere. Già a sedici anni canta in una band di amici, i Turk.

La musica accompagna la sua carriera, che percorre diverse strade. Incide oltre duemila canzoni per 166 album e si avvicina al grande schermo grazie all’orchestra di Tommy Dorsey che musica “Las Vegas Nights” (1941). Nel 1939 sposa la prima di quattro mogli, Nancy Barbato, che gli darà ben tre figli e con cui resta insieme fino al 1950. La sua fama di latinlover è un’ombra costante sul suo personaggio che imperversa sui rotocalchi di cronaca rosa.

Frank Sinatra, “Da qui all’eternità”

Nel 1943 recita come attore protagonista in “Higher and Higher”, di Tim Whelan. Comincia per Frank un fortunato periodo in cui si dedica al musical ed ai film musicali. Tra i più celebri ricordiamo quelli con Gene Kelly: “Due marinai e una ragazza” (1945), di George Sidney, “Facciamo il tifo insieme” (1949) di Busby Berkeley e “Un giorno a New York” (1949) di Stenley Donen e Gene Kelly. Dal 1951 al 1957, dopo il divorzio dalla prima moglie, ha un’intensa relazione con Ava Gardner, che lo rende molto popolare e chiacchierato.

Riceve un premio Oscar come Miglior Attore non Protagonista nel drammatico “Da qui all’eternità” (1953) di Fred Zinnemann. Lo vediamo ancora in “Gangster in agguato” (1954) di Lewis Allen, “L’uomo dal braccio d’oro” (1955) di Otto Preminger e “Alta società” (1956) di Charles Walters. Famosissimi: “Bulli e pupe” (1955) di Joseph Mankiewicz e “Il giro del mondo in ottanta giorni” (1956), di Michael Anderson.

Frank Sinatra, 'incastrato' nel mito

Negli anni Sessanta, dopo una parentesi sentimentale con Mia Farrow, si dedica principalmente alla produzione cinematografica, limitando molto le sue interpretazioni. Oltre al musical “Alle donne ci penso io” (1963) di Bud Yorkin meritano di essere menzionati: “I quattro del Texas” (1963) di Robert Aldrich, “I quattro di Chicago” (1964) di Gordon Douglas, “Combattenti della notte” (1966) di Melville Shavelson, il poliziesco “L’investigatore” (1967), di Gordon Douglas, “C’era una volta Hollywood” (1974) di Jack Haley Jr e il più recente “Chi ha incastrato Roger Rabbit” (1988), di Robert Zemeckis, sua ultima apparizione. Frank è sempre stato sensibile alla questione umanitaria, alle problematiche razziali, alle ingiustizie sociali in genere.

Infatti si è dedicato molto alla beneficenza e, negli anni cinquanta, alla difesi dei neri in America, al fianco dell’amico Sammy Davies Junior. Personalità carismatica, sguardo blu e voce da incanto restano nella memoria di tutti, nel solo pronunciare il suo nome, Frank Sinatra, non a caso è stato definito “the Voice”, come simbolo assoluto della musica e della canzone.

Eleonora Zilli

Frank Sinatra Filmografia – attore

Frank Sinatra

  • Las Vegas Nights, regia di Ralph Murphy (1941)
  • Rotta sui Caraibi, regia di Edward Buzzell (1942)
  • Reveille with Beverly, regia di Charles Barton (1943)
  • Higher and Higher, regia di Tim Whelan (1944)
  • Hotel Mocambo, regia di Tim Whelan (1944)
  • Due marinai e una ragazza, regia di George Sidney (1945)
  • Nuvole passeggere, regia di Richard Whorf (1946)
  • Accadde a Brooklyn, regia di Richard Whorf (1947)
  • Il bacio del bandito, regia di László Benedek (1948)
  • Il miracolo delle campane, regia di Irving Pichel (1948)
  • Un giorno a New York, regia di Stanley Donen e Gene Kelly (1949)
  • Facciamo il tifo insieme, regia di Busby Berkeley (1949)
  • Questi dannati quattrini, regia di Irving Cummings (1951)
  • Lasciami sognare, regia di Joseph Pevney (1952)
  • Da qui all’eternità, regia di Fred Zinnemann (1953)
  • Tu sei il mio destino, regia di Gordon Douglas (1954)
  • Gangsters in agguato, regia di Lewis Allen (1954)
  • Il fidanzato di tutte, regia di Charles Walters (1955)
  • Nessuno resta solo, regia di Stanley Kramer (1955)
  • L’uomo dal braccio d’oro, regia di Otto Preminger (1955)
  • Bulli e pupe, regia di Joseph L. Mankiewicz (1955)
  • Johnny Concho, regia di Don McGuire (1956)
  • Alta società, regia di Charles Walters (1956])
  • Il giro del mondo in 80 giorni, regia di Michael Anderson (1956)
  • Pal Joey, regia di George Sidney (1957)
  • Il jolly è impazzito, regia di Charles Vidor (1957)
  • Orgoglio e passione, regia di Stanley Kramer (1957)
  • Cenere sotto il sole, regia di Delmer Daves (1958)
  • Qualcuno verrà, regia di Vincente Minnelli (1959)
  • Un uomo da vendere, regia di Frank Capra (1959)
  • Sacro e profano, regia di John Sturges (1959)
  • Can-Can, regia di Walter Lang (1960)
  • Colpo grosso, regia di Lewis Milestone (1960)
  • Il diavolo alle 4, regia di Mervyn LeRoy (1961)
  • Tre contro tutti, regia di John Sturges (1962)
  • Va’ e uccidi, regia di John Frankenheimer (1962)
  • Alle donne ci penso io, regia di Bud Yorkin (1963)
  • I 4 del Texas, regia di Robert Aldrich (1963)
  • I cinque volti dell’assassino, regia di John Huston (1963)
  • I quattro di Chicago, regia di Gordon Douglas (1964)
  • Patto a tre, regia di Jack Donohue (1965)
  • La tua pelle o la mia, regia di Frank Sinatra (1965)
  • Il colonnello Von Ryan, regia di Mark Robson (1965)
  • U 112 assalto al Queen Mary, regia di Jack Donohue (1966)
  • Combattenti della notte, regia di Melville Shavelson (1967)
  • Colpo su colpo, regia di Sidney J. Furie (1967)
  • L’investigatore, regia di Gordon Douglas (1967)
  • La signora nel cemento, regia di Gordon Douglas (1968)
  • Inchiesta pericolosa, regia di Gordon Douglas (1968)
  • Dingus, quello sporco individuo, regia di Burt Kennedy (1970)
  • C’era una volta Hollywood, regia di Jack Haley jr. (1974)
  • Hollywood Hollywood, regia di Gene Kelly (1976)
  • Delitti inutili, regia di Brian G. Hutton (1980)
  • La corsa più pazza d’America 2, regia di Hal Needham (1984)
  • Young At Heart, regia di Tina Sinatra (1995)

Related posts

1 Comment

  1. Pingback: Joy | Cinema e Teatro Gabbiano di Senigallia

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *