François Truffaut


François Truffaut è, insieme a Jean-Luc Godard, uno degli esponenti più famosi del movimento della Nouvelle Vague, oltre ad essere considerato fra i più influenti registi di cinema di tutti i tempi.

François Truffaut, "il ragazzo selvaggio” della Nouvelle Vague

(Parigi, 6 febbraio 1932 - Parigi, 21 ottobre 1984)

François Truffaut bioFrançois Truffaut nasce il 6 febbraio 1932 a Parigi. La giovinezza del futuro artista è burrascosa. Sua madre, Janine, lo ha avuto da storia con un altro uomo e il piccolo François si sentirà spesso rifiutato dai genitori. Il periodo della guerra e dell’occupazione nazista è durissimo, ma è proprio allora che Truffaut si appassiona al cinema, facendo di tutto per rimanere più tempo possibile nelle sale che, al contrario di casa sua, erano riscaldate d’inverno. Nella generale confusione del periodo dopoguerra, François Truffaut si dà alla vita di strada, viene espulso da scuola e vagabonda per la città senza un progetto ben preciso, dimostrando però una grande intelligenza e divorando per conto suo decine di libri.

A quattordici anni, l’adolescente Truffaut si impone l’incredibile obiettivo di leggere tre romanzi alla settimana e di guardare tre film al giorno. Durante i suoi vagabondaggi viene notato dal cinefilo Henri Langlois, fondatore della “Cinémathèque Française”, a quei tempi un attivissimo cineclub privato, ora una prestigiosa istituzione internazionale. Grazie a Langlois, Truffaut conosce il critico cinematografico André Bazin, che lo prende sotto la sua protezione e da allora in poi rappresenterà per lui una specie di padre adottivo. I suoi rapporti con l’autorità rimangono sempre molto difficili: nel 1950 l’inquieto ragazzo parigino si arruola volontario nell’esercito, solo per disertare qualche mese dopo e rischiare l’arresto. Bazin fa di tutto per farlo congedare e gli offre un lavoro come giornalista negli appena fondati “Cahiers du Cinéma”, che in seguito diventerà la più prestigiosa rivista di cinema in Europa.

François Truffaut e i “Cahiers du Cinéma”

Truffaut comincia la sua carriera circondato da colleghi come Godard, Rivette, Chabrol o Rohmer. Il loro gruppo, riunito attorno ai “Cahiers”, attacca senza pietà il cinema francese, accusato di essere provinciale, venera Hitchcock e Ford e si interessa senza preclusioni di qualunque esperimento in campo filmico. I giovani e arrabbiati redattori della rivista avrebbero sviluppato la cosiddetta “Teoria degli autori” e, ben presto, avrebbero deciso di entrare in campo direttamente, dirigendo dei film. Dopo alcuni anni di polemiche e studi critici anche Truffaut sente il dovere di esordire come regista.

Nel 1957 realizza il corto “Les Mistons – L’età difficile”, ma il suo vero esordio è il lirico ed autobiografico “I quattrocento colpi”, presentato a Cannes nel 1959 e subito premiato con la Palma d’Oro. Il film, che insieme a “Fino all’ultimo respiro” di Godard è considerato l’atto di nascita della “Nouvelle Vague”, diventa ben presto un classico. La storia del piccolo Antoine Doinel che si ribella alla famiglia, alla scuola e va a finire in riformatorio è la traduzione in immagini profondamente poetiche della giovinezza del regista, oltre che un inno alla libertà dell’immaginazione e una corrosiva critica alla società francese. Per interpretare il ruolo, Truffaut sceglie personalmente il giovanissimo Jean-Pierre Léaud che da allora in poi gli farà da doppio in una specie di riuscitissimo esperimento cinematografico. Durante il decennio seguente François Truffaut riprende il personaggio di Antoine mostrandone la crescita e la maturazione in “Antoine e Collette” (1962), segmento del film a episodi “L’amore a vent’anni”, in “Baci rubati” (1968) e in “Non esageriamo…è soltanto questione di corna” (1970). Quando non si occupa del suo personaggio-feticcio, Truffaut si dedica a riadattare la forma del film di genere hollywoodiano al film d’autore europeo, con senso dell’umorismo e sensibilità, come in “Sparate sul pianista” (1960), parodia del noir con un inedito Charles Aznavour, o “La sposa in nero” (1966), ritratto di una serial killer interpretata da Jeanne Moreau che influenzerà non poco il Tarantino di “Kill Bill”. Sempre del 1966 è “Fahrenheit 451”, tratto dall’omonimo romanzo di Ray Bradbury.

François Truffaut e i '400 capolavori'

Ma i film nei quali il regista raggiunge i vertici della sua abilità poetica sono le storie d’amore, nelle quali spesso la passione fra uomo e donna diventa una forza distruttiva e inarrestabile. L’esempio più amato dal pubblico è sicuramente il tragico triangolo amoroso di “Jules e Jim” (1962), ma altrettanto riusciti sono i ritratti di “La calda amante” (1964) di “La mia droga si chiama Julie” (1969), straziante interpretazione della coppia Jean-Paul Belmondo-Catherine Deneuve e “Il ragazzo selvaggio” (1969), dove Truffaut è anche interprete. Gli anni ’70 segnano un momento di sbandamento per la “Nouvelle Vague”.

Numerosi registi, come Godard, scelgono di dedicarsi al cinema militante e politico, rifiutando a priori l’intrattenimento. In risposta a questa tendenza Truffaut gira “Effetto notte” (1973), la sua lettera d’amore al cinema e al pubblico, oltre che uno dei migliori film ambientati su un set, ispirato dichiaratamente a “8 & ½” di Fellini. I suoi film si fanno più riflessivi e drammatici, le storie d’amore più complesse e tragiche come in “Le due inglesi” (1971) o in “Adele H” (1975). Al tempo stesso il regista torna ad affrontare i temi che gli sono cari, come la libertà dell’infanzia, nel tenero “Gli anni in tasca” (1976). Dopo due film molto autobiografici come il divertente “L’uomo che amava le donne” (1977), storia di un impenitente Don Giovanni francese, e il malinconico “La camera verde”, profonda riflessione sull’importanza della memoria, François Truffaut chiude il decennio concludendo simbolicamente le avventure di Antoine Doinel con i toni patetici del film “L’amore in fuga” (1979).

È evidente che il regista si sente pronto a nuove sfide, i suoi film anni ’80 sono tra i più maturi e lodati: “L’ultimo metrò” (1980) con la coppia Depardieu-Deneuve, il drammatico “La signora della porta accanto” (1981) ancora con Depardieu e Fanny Ardant, e soprattutto l’omaggio hitchcockiano di “Finalmente domenica” (1983), dove la splendida Fanny Ardant è questa volta in coppia con un affascinante Jean-Louis Trintignant.

Purtroppo questa serie di capolavori è interrotta da un’improvvisa e incurabile malattia che spegne il regista francese a soli 52 anni, il 21 ottobre 1984.

Fabio Benincasa

Francois Truffaut Filmografia - Regista

François Truffaut filmografia

  • Une visite (Cortometraggio) (1954)
  • L'età difficile (Cortometraggio) (1957)
  • Une histoire d'eau, co-regia di Jean-Luc Godard (Cortometraggio) (1958)
  • I quattrocento colpi (1959)
  • Tirate sul pianista (1960)
  • Jules e Jim (1961)
  • Antoine e Colette (Episodio di L'amore a vent'anni) (1962)
  • La calda amante (1964)
  • Fahrenheit 451 (1966)
  • La sposa in nero (1967)
  • Baci rubati (1968)
  • La mia droga si chiama Julie (1969)
  • Il ragazzo selvaggio (1969)
  • Non drammatizziamo... è solo questione di corna (1970)
  • Le due inglesi (1971)
  • Mica scema la ragazza! (1972)
  • Effetto notte (1973)
  • Adèle H., una storia d'amore (1975)
  • Gli anni in tasca (1976)
  • L'uomo che amava le donne (1977)
  • La camera verde (1978)
  • L'amore fugge (1979)
  • L'ultimo metrò (1980)
  • La signora della porta accanto (1981)
  • Finalmente domenica! (1983)

Francois Truffaut Filmografia - Attore

  • Le coup du berger, regia di Jacques Rivette (Cortometraggio) (1956)
  • I quattrocento colpi (1959)
  • Tire-au-flanc 62, regia di Claude de Givray (1961)
  • Il ragazzo selvaggio (1970)
  • Effetto notte (1973)
  • Gli anni in tasca (1976)
  • L'uomo che amava le donne (1977)
  • Incontri ravvicinati del terzo tipo, regia di Steven Spielberg (1977)
  • La camera verde (1978)

Francois Truffaut Filmografia - Produttore e sceneggiatore

  • Paris nous appartient, regia di Jacques Rivette (1960)
  • Le testament d'Orphée, regia di Jean Cocteau (1960)
  • Tire-au-flanc 62, regia di Claude de Givray (1961)
  • Mata-Hari, agente segreto H-21, regia di Jean-Louis Richard (1963)
  • Due o tre cose che so di lei, regia di Jean-Luc Godard (1966)
  • L'enfance nue, regia di Maurice Pialat (1969)
  • La mia notte con Maud, regia di Eric Rohmer (1969)
  • La faute de l'Abbé Mouret, regia di Georges Franju (1970)
  • Les lolos de Lola, regia di Bernard Dubois (1976)
  • Ce gamin-là, regia di Renaud Victor (1977)
  • Il bel matrimonio, regia di Eric Rohmer (1982)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *