Festival di Venezia 2017: programma del 2 settembre

La quarta giornata del Festival di Venezia 2017 è ricca di ospiti: da George Clooney a Matt Damon, da Jane Fonda a Robert Redford. Ecco i protagonisti e le pellicole di cui sentiremo molto parlare.

Festival di Venezia 2017: George Clooney e Matt Damon presentano “Suburbicon”

Festival di Venezia 2017 programma

Una delle pellicole più attese tra i film in Concorso di settantaquattresima edizione è sicuramente “Suburbicon”, un noir ambientato negli anni ’50 diretto da George Clooney e arricchito da una sceneggiatura firmata dai fratelli Cohen. Il film segue le vicende dei Lodge, una famiglia per bene la cui tranquilla esistenza viene messa a dura prova in seguito a un’irruzione domestica, che degenera nella morte della madre del piccolo Nicky. Questo episodio darà vita a una serie di ricatti, tradimenti e violenza che ostacoleranno i tentativi del padre di riportare l’ordine in casa. Un cast all-star per il sesto lungometraggio di Clooney: Matt Damon, Julianne Moore, Oscar Isaac, Josh Brolin e Woody Harrelson.

Il secondo film in Concorso è “Foxtrot”, pellicola co-prodotta da Israele, Germania e Francia. Ancora una volta è il tema della famiglia a tenera banco la quarta giornata del Festival. Diretto da Samuel Maoz, il film racconta la storia di una famiglia la cui coesione viene messa a rischio a seguito dell’arrivo di sconvolgenti notizie che riguardano il figlio militare.

Festival di Venezia 2017: occhi puntati su “Our Souls at Night” con Jane Fonda e Robert Redford

Festival di Venezia 2017: Our Souls at Night

Festival di Venezia 2017: Jane Fonda e Robert Redford sbarcano al Lido

Nelle sezioni parallele, protagonisti indiscussi della giornata sono Jane Fonda e Rober Redford. La coppia presenta Fuori Concorso “Our Souls at Night”, pellicola drammatica incentrata sul tema del cambiamento: vedovi da dieci anni e vicini di casa, Addie Moore e Louis Waters decidono di conoscersi meglio e di sfruttare insieme il tempo che è rimasto.

L’altro film Fuori Concorso è “Brawl in Cell Block 99”, diretto da S. Craig Zahler e con Vince Vaughn protagonista. Un ex pugile in rovina, senza lavoro e con un matrimonio che sta andando a pezzi, decide di diventare un corriere per la droga, ma le cose si fanno più serie quando viene coinvolto in uno scontro a fuoco tra poliziotti e trafficanti. In poco tempo finisce dietro le sbarre. L’azione è assicurata!

Terzo film Fuori Concorso è “Diva!”, documentario di Francesco Patierno sulla vita di Valentina Cortese, considerata un mito teatrale in tutto il mondo. Tra Torino, Cinecittà e Hollywood, “Diva” racconta l’ascesa e le storiche amicizie dell’attrice, come quella con Federico Fellini.

Un violinista ritrova la voglia di vivere grazie all’energia della sua classe e ad Arnold, il suo allievo più promettente. E’ il plot di “La mélodie”, diretto da Rachid Hami, giovanissimo attore e regista francese.

Festival di Venezia 2017: l’Italia domina nella sezione Orizzonti con “La vita in comune”

"La vita in comune" al Festival di Venezia 2017

Festival di Venezia 2017: “La vita in comune”

L’unico film italiano della quarta giornata del festival è “La vita in comune”, presente nella sezione Orizzonti. La commedia, diretta da Edoardo Winspeare, racconta l’amicizia di un sindaco onesto ma depresso con due criminali. Nel cast: Gustavo Caputo, Antonio Carluccio e Celeste Casciaro.

“Invisible” è il nuovo film di Pablo Giorgelli, presente nella sezione Orizzonti e incentrato su una giovane diciasettenne che scopre di essere incinta. Una commovente storia sulle difficoltà di compiere una scelta, sulla paura e sulle angosce che essa porta. Il dramma è una co-produzione Argentina, Brasile, Uruguay, Germania, Francia.

Un padre, un figlio malato e uno strozzino. “West of Sunshine” segue le vicende di un genitore che deve ripagare il debito di uno strozzino, entro meno di un giorno. Le cose si complicano quando l’ex-moglie lo costringe a prendersi cura del figlio. Si tratta del primo lungometraggio di Jason Raftopoulos.

Ultimo film della sezione Orizzonti è “No date, No signature”, dramma iraniano diretto da Vahid Jalilvand. La pellicola segue le vicende di un medico legale che lavora in obitorio. Attento e meticoloso nel suo lavoro, Kaveh Nariman rimane sconvolto quando arriva nel suo studio il cadavere di un uomo che crede di conoscere bene. Un evento che toglierà la pace nella sua vita.

Festival del Cinema di Venezia 2017: è la giornata anche di “Suburra”

"Suburra" al Festival di Venezia 2017

Festival di Venezia 2017: “Suburra” nella sezione Cinema nel giardino

La sezione Cinema in giardino presenta in anteprima i primi due episodi di “Suburra”, serie italiana targata Netflix. Tratta dal romanzo di Bonini e De Cataldo, “Suburra” racconta le intricate relazioni tra la Chiesa, lo Stato e la criminalità organizzata. L’opera è diretta da Michele Placido, Giuseppe Capotondi e Andrea Molaioli. Nel cast figurano Alessandro Borghi, Claudia Gerini e Filippo Nigro.

Da segnalare anche l’omaggio della sezione Venezia Classici  a Fantozzi con il documentario “La voce di Fantozzi” di Mario Sesti.

Per consultare il programma completo: Venezia 74, programma del 2 settembre

questo indirizzo è possibile consultare la sezione Giornate degli Autori.

Silvia D’Ambrosio

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *