Festival di Venezia 2017: Jasmine Trinca in Giuria

Dopo un anno davvero straordinario e la meritatissima vittoria al “Festival di Cannes”, la pluripremiata attrice italiana Jasmine Trinca, entra nella Giuria del Festival di Venezia 2017, che si aprirà il prossimo 30 agosto.

Festival di Venezia 2017: Jasmine Trinca e altri grandi nomi in arrivo per la rassegna

Festival di Venezia 2017

Sarà un anno ricco di sorprese e di grandissimi nomi che andranno ad aggiungere valore ad una Mostra che, per il suo settantaquattresimo compleanno, sembrerebbe voler fare le cose in grande. Assieme ad Annette Bening, presidente della Giuria, e la coppia di Leoni d’oro alla carriera Redford-Fonda, dell’oneroso compito di decretare i vincitori, si faranno carico anche Jasmine Trinca – appena tornata vincitrice dal Festival di Cannes” come Miglior attrice per “Fortunata” – e, tra gli altri, Gianni Amelio come presidente di Orizzonti, Giuseppe Piccioni per la sezione studenti del Venezia Classici, Greta Scarano per il Premio Opera Prima e Ricky Tognazzi ad inaugurare la nuova sezione della Mostra di quest’anno, intitolata Virtual Reality.

Entusiasta di partecipare alla rassegna in qualità di giudice, la splendida Jasmine Trinca dichiara di essere molto felice di avere l’opportunità di passare intere giornate al fianco di professionisti del settore e spera, come accade durante le riprese sul set, di condividere con loro momenti davvero importanti, non solo dal punto di vista della carriera, ma anche da quello umano, che assolutamente non può mancare.

Festival di Venezia 2017: nella Giuria del Concorso, personalità di tutto rispetto

Per il settantaquattresimo appuntamento della Mostra, oltre alla presidentessa della Giuria del Concorso Annette Bening, incontreremo la regista e sceneggiatrice ungherese Ildikó Enyedi, già nota al grande pubblico per il successo cinematografico “On Body and Soul”, vincitore dell’Orso d’Oro di Berlino 2017; direttamente dal Messico, il regista e produttore Michel Franco (produttore di “Desde allá”di Lorenzo Vigas, Leone d’oro a Venezia nel 2015).

Assieme a loro, l’attrice Rebecca Hall e la star francese Anna Mouglalis; e ancora il grande critico Il critico anglo-australiano David Stratton, Jasmine Trinca, il regista e sceneggiatore Edgar Wright – al cinema negli Usa in questo momento con il divertentissimo “Baby Driver – Il genio della fuga” -e in ultimo, ma non per importanza, il regista, produttore e sceneggiatore Yonfan, personalità di spicco del cinema orientale.

Per quanto riguarda la sezione “Orizzonti” – che si aprirà con la pellicola Nico, 1988” di Susanna Nicchiarelli, dedicato alla splendida icona anni 60 e 70, cantante dei Velvet Underground e musa di Andy Warhol – nella Giuria assieme a Gianni Amelio incontriamo una delle più influenti registe iraniane Rakhshan Banietemad, l’americana Ami Canaan Mann, Il regista, sceneggiatore e curatore irlandese-scozzese Mark Cousins; lo sceneggiatore, architetto e curatore artistico argentino Andrés Duprat, la regista e sceneggiatrice belga Fien Troch e, direttamente dalla Francia, Rebecca Zlotowski.

Per il prestigioso Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”- Leone del Futuro, la Giuria internazionale sarà presieduta dal regista e sceneggiatore francese Benoît Jacquot, sostenuto dal critico, professore e programmatore cinematografico inglese Geoff Andrew; Albert Lee, uno dei personaggi più rilevanti dell’industria del cinema di Hong Kong; la splendida attrice italiana Greta Scarano e il regista greco Yorgos Zois.

Per la sezione Virtual Reality, inaugurata quest’anno, la Mostra ha scelto come presidente il poliedrico artista americano John Landis, sostenuto dalla meravigliosa Céline Sciamma, sceneggiatrice e regista francese – candidata all’Oscar per la Migliore animazione con il suo “La mia vita da zucchina” – e l’attore e regista Ricky Tognazzi.

In Venezia Classici, invece, troviamo Giuseppe Piccioni, memorabile per pellicole come “Fuori dal mondo”, “Luce dei miei occhi”, “Questi giorni”, incaricato di presiedere la Giuria degli studenti di cinema che assegnerà i premi per il Miglior film restaurato e Miglior documentario sul cinema.

Ilaria Romito

24/07/2017

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *