Festival di Cannes 2018: il programma del 14 Maggio

Il Festival di Cannes 2018, nella sua settima giornata, ci presenta i film in Concorso “Netemo Sametemo” di Ryûsuke Hamaguchi tratto dal romanzo di Tomoka Shibasaki, “Blackkklansman” di Spike Lee ispirato alla storie vera di Ron Stallworth. Fuori Concorso sarà proiettato “The House That Jack Built” di Lars Von Trier che, mette in scena la storia di Jack lo Squartatore e i suoi crimini. La sezione Un Certain Regard propone, invece, “Les Chatouilles” di Andréa Bescond e Eric Métayer e “Die Stropers” di Etienne Kallos.

Festival di Cannes 2018: dai film in Concorso a Un Certain Regard

Festival di Cannes 2018: Netemo Sametemo

Netemo Sametemo di Ryûsuke Hamaguchi

La settima giornata del Festival di Cannes 2018 inaugura la categoria delle pellicole in Concorso con una storia d’amore controversa grazie a  Ryûsuke Hamaguchi e al suo “Netemo Sametemo“; ad arricchire, ancor di più, la categoria arriva Spike Lee con “Blackkklansman“, con Adam Driver, conosciuto principalmente per il ruolo di Kylo Ren in “Star Wars: il risveglio della forza” (2015) e “Star Wars: gli ultimi Jedi” (2017), che racconta la vita di un poliziotto afro-americano diventato uno dei maggiori seguaci del Ku Klux Klan.

Fuori Concorso Lars Von Trier presenta il suo lavoro sulla storia di Jack lo Squartatore “The House That Jack Built” con Uma Thurman.

La sezione Un Certain Regard lancia due film drammatici: “Les Chatouilles” diretto da Andréa Bescond e Eric Métayer, che porta sul grande schermo la reazione di una ballerina a un trauma causato da una persona di fiducia; “Die Stropers” di Etienne Kallos su un ragazzo che vive prefiggendosi sempre il suo bene e quello degli altri, il suo atteggiamento cambia quando i suoi genitori portano a casa un orfano.

Festival di Cannes 2018: da Special Screenings a Cannes Classics

Festival di Cannes 2018: Sir

Sir di Rohena Gera

La settima giornata del Festival di Cannes 2018 dedica lo Special Screenigs a un documentario sulla storia di Nelson Mandela e i suoi sostenitori “The State Against Mandela and the Others” di Nicolas Champeaux e Gilles Porte.

La categoria Quinzaine des Réalisateurs propone due generi diversi: il thriller “En Liberté” diretto da Pierre Salvadori, la cui protagonista scopre che i defunto marito aveva una doppia vita, era un poliziotto con un legame con la criminalità; e la pellicola drammatica di Julio Hernandez Cordon “Cómprame un Revolver” sulle avventure di una ragazza che è costretta a fingersi un ragazzo, per sopravvivere in un mondo senza pietà, in cui le donne sono costrette a prostituirsi o vengono uccise.

Per la Semaine de la Critique sarà proiettato “Sir” di Rohena Gera, in cui due universi opposti si incontrano.

Cannes Classics fa un omaggio a Gérard Depardieu riproponendo la sua migliore interpretazione “Cyrano de Bergerac” di Jean-Paul Rappeneau.

Mariateresa Vurro

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *