Festival di Cannes 2017: il programma del 23 Maggio

Se da un lato la settima giornata del Festival di Cannes 2017 propone un’unica pellicola in Concorso, “Hikari”, dall’altro lato la manifestazione cinematografica al suo 70esimo compleanno decide di dedicare questo giorno, il 23 Maggio, ad Annarita Zambrano con “Dopo la guerra” per la sezione Un Certain Regard insieme al titolo francese “Jeunne Femme”.

Il Festival di Cannes 2017 propone un solo titolo per la sezione in Concorso

Festival di Cannes 2017 film Hikari

Una scena tratta dal film “Hikari”, tra i film in Concorso al Festival di Cannes 2017

Solo un film per la sezione in Concorso il 23 Maggio alla 70esima edizione del Festival di Cannes. Alla scoperta dell’invisibile con “Hikari“: un viaggio a ritroso nella vita di uno scrittore appassionato del cinema per non vedenti e che ci porta in un mondo radiante non visibile agli occhi. Un film drammatico che vede la collaborazione di Francia e Giappone, per la regia di Naomi Kawase.

Prima il Grande Théatre Lumière per due volte nella stessa giornata poi il Soixantième Theatre presentano una storia commovente, quella di Misako che, non solo è tra i possibili vincitori della Palma d’Oro, ma è anche candidata per il Premio alla Migliore Attrice e al Miglior Attore,  Premio della giuria e per il Premio al miglior regista.

Un Certain Regard al Festival di Cannes 2017 ospita l’opera della Zambrano

Festival di Cannes 2017 film Annarita Zambrano

Scena del film “Dopo la guerra”, di Annarita Zambrano

Il Debussy Theatre  accoglie per due ore, in questa 70esima edizione del Festival di Cannes, nella sezione Un Certain Regard il film della giovane regista italiana Annarita Zambrano Dopo la guerra“, che insieme a  “Fortunata” di Sergio Castellitto, anche lui presente in questa categoria, sono gli unici due film a rappresentare l’Italia nella 70esima edizione del Festival di Cannes.

Si tratta, quella della Zambrano, di una pellicola molto attesa non solo per l’eccezionale cast composto da attori come Giuseppe Battiston e Barbora Bobulova ma anche per il tema, molto attuale, che decide di trattare, quello del terrorismo.

Ma non è l’unica a passare qui, insieme a “Dopo la guerra” c’è “Jeunne Femme”, una commedia drammatica tutta francese ambientata nella magica Parigi. Quale meta migliore per cercare l’amore? Tutto molto romantico fino a quando gli obiettivi e gli interessi di Paula, la protagonista interpretata da Laetitia Dosh, non diventano altri.

“Top of The Lake” presentata nell’esclusiva cornice di Special Screening del Festival di Cannes 2017

Iraniano e sperimentale è il lavoro della giornata per la sezione Special Screenings, “24 Frames” di Abba Kiarostami che decide di raccogliere 24 cortometraggi realizzati attraverso dipinti e fotografie, opere immobili che prendono vita sotto l’obiettivo affascinante della telecamera.

Lo stesso giorno e per la stessa sezione ma questa volta al Bazin Theatre ci sarà la serie tv “Top of the Lake” che dà il titolo alla sua seconda stagione con “China Girl”. Un cast tutto al femminile per questo secondo capitolo scritto e diretto dal premio Oscar Jane Champion: una Nicole Kidman un po’ invecchiata e Katherine Moss che invece sarà tra le protagoniste.

Due film francesi per Cannes Classics

Festival di Cannes 2017 23 Maggio

Catherine Deneuve in una scena del film francese “Belle de Jour”, del 1967

Il Festival di Cannes festeggia, ormai da 15 anni, i più grandi classici passati sulla Croisette negli ultimi 70 anni: film che hanno fatto la storia non solo della manifestazione francese, ma del cinema in generale. Il 23 Maggio ricorda un film del 1967, di Luis Buñuel, tratto dal romanzo di Joseph Kessel: “Belle de Jour” è la storia di Séverine – interpretata da Catherine Deneuve, oggi ambasciatrice dell’UNESCO – che attraverso la prostituzione, in una splendida Parigi, cerca di mandare via i demoni che sono imprigionati in lei provando ad abbattere i muri delle sue più grandi fobie e fragilità.

A rappresentare la disillusa consapevolezza di un mondo dove “l’apparire si impone come realtà necessaria” è la pellicola drammatica e sentimentale di Max Ophuls, del 1953 e dal titolo “Madame de…”

Festival di Cannes 2017: leggi qui il programma completo

Roberta Perillo

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *