Festival di Venezia 2017: Leone d’Oro a “The Shape of Water”. Ecco tutti i vincitori

Si è conclusa la 74ª Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia. È “The Shape of Waters” a portarsi a casa il Leone d’Oro come Miglior Film. Coppa volpi come migliore interpretazione femminile a Charlotte Rampling, quella maschile a Kamel El Basha. Ecco tutti i vincitori.

Festival di Venezia 2017: “The Shape of Water” vince il Leone d’Oro, Charlotte Rampling migliore attrice, Kamel El Basha miglior attore

Festival di Venezia 2017: "The Shape of Water"

“The Shape of Water” vince il Leone d’Oro

Un’edizione all’insegna dell’horror con “mother!” di Darren Aronofsky, film che più di tutti ha diviso il Festival; del musical napoletano “Ammore e Malavita” dei Manetti Bros; e del dramma americano “Ella e John- The Leisure Seeker” di Paolo Virzì. Sono queste le pellicole che hanno dominato i maggiori siti d’informazione cinematografica e le chiacchiere dei cinefili più accaniti.

Ma è “The Shape of Water” di Guillermo del Toro il film vincitore del Festival di Venezia 2017. Ecco il resto dei vincitori:

  • Leone d’oro al miglior film: “The shape of water” di Guillermo del Toro
  • Leone d’argento per la miglior regia: Xavier Legrand  (“Jusqu’à La garde”)
  • Leone d’argento – Gran premio della giuria: “Foxtrot” di Samuel Maoz
  • Premio speciale della giuria: “Sweet Country” di Warwick Thornton
  • Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile: Kamel El Basha di “The Insult”
  • Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile: Charlotte Rampling di “Hannah”
  • Premio per la migliore sceneggiatura: Martin McDonagh di “Three Billboards outside Ebbing, Missouri”
  • Premio Marcello Mastroianni ad un attore o attrice emergente: Charlie Plummer di “Lean on Pete”

 

Sezione Orizzonti

  • Premio Orizzonti per il miglior film: “Niko, 1988” di Susanna Nicchiarelli
  • Premio Orizzonti per la miglior regia: Vahid Jalilvand (“No date, no signature”)
  • Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura: “Los versos del Olvido” di Alireza Khatami
  • Premio speciale della giuria di Orizzonti: “Caniba” di Véréna Paravel, Lucien Castaing-Taylor
  • Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio: “Gros chagrin” di Céline Devaux
  • Premio Orizzonti per la miglior interpretazione maschile: Navid Mohammadzadeh di “No date, No signature”
  • Premio Orizzonti per la miglior interpretazione femminile: Lyna Khoudri di “Les bienheureux”

Venice Virtual Reality:

  • Miglior storia VR: “Bloodless” di Gina Kim
  • Best video Experience Award: “La camera insabbiata” di Laurie Anderson, Hsin-Chien Huang
  • Miglior Virtual Reality: “Arden’s Wake” di Eugene Chung

Venezia Classici:

  • Miglior documentario sul cinema: “The Prince and the Dybbuk” di Elwira Niewiera, Piotr Rosolowski
  • Miglior restauro: “Idi i smotri” di Elem Klimov

Leone del Futuro:

Premio Opera Prima Luigi De Laurentis: “Jusqu’à La garde” di Xavier Legrand

 

Silvia D’Ambrosio

09/07/2017

 

 

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *