Ettore Scola

Ettore Scola è stato uno tra i più grandi registi e sceneggiatori nella storia del cinema italiano, che ha collaborato con attori quali Alberto Sordi, Nino Manfredi, Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Ugo Tognazzi e Sophia Loren.

Ettore Scola, il regista 'brutto, sporco e cattivo'

(Trevico, 10 maggio 1931 - Roma, 19 gennaio 2016)

Ettore Scola sceneggiatoreNato a Trevico il 10 maggio del 1931 il regista e sceneggiatore Ettore Scola frequenta ancora l’università quando a Roma inizia a collaborare con il giornale “Marc’Aurelio”, in qualità di disegnatore. Si avvicina alla scrittura alla fine degli anni Quaranta come autore di trasmissioni radiofoniche e televisive per la Rai (suoi sono i testi delle indimenticabili prove di Alberto Sordi come Mario Pio e il conte Claro) e sceneggiatore di commedie.

Portano la sua firma, tra le tante, le sceneggiature di “Un americano a Roma” (1954) di Steno; “Il sorpasso” (1962) di Dino Risi, con un indimenticabile Vittorio Gassman; “I mostri” (1963) ancora di Risi; “Io la conoscevo bene” (1965) di Antonio Pietrangeli con Nino Manfredi e Stefania Sandrelli e i tanti film da lui diretti.

L’esordio alla regia avviene con la pellicola a episodi con Vittorio Gassman dal titolo “Se permettete parliamo di donne” (1964) al quale segue “La congiuntura” (1964); uno dei tre episodi di “Thrilling” (1965) e “L’arcidiavolo” (1966). Il primo titolo memorabile è l’avventuroso “Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa?” (1968) con Alberto Sordi e Nino Manfredi al quale seguirà “Il commissario Pepe” (1969) con Ugo Tognazzi.

Gli anni Settanta si aprono con un'altra pellicola passata alla storia che vede Monica Vitti, Marcello Mastroianni e Giancarlo Giannini impegnati a districarsi nel “Dramma della gelosia – Tutti i particolari in cronaca” (1970).

Nel 1974 racconta invece trent’anni del nostro paese attraverso la storia dei tre amici Gassman, Manfredi e Stefano Satta Flores, con una bellissima Stefania Sandrelli in “C’eravamo tanto amati”, vincitore del Premio César come Miglior Film Straniero.

È ancora ispirato nel successivo “Brutti, sporchi e cattivi” (1976) dove si trova nuovamente a dirigere Nino Manfredi, uno dei suoi attori preferiti, costretto a barcamenarsi nella povera periferia romana e grazie al quale vincerà la Palma come Miglior Regista a Cannes. Sempre lo stesso anno dirige con Mario Monicelli, Nanni Loy, Luigi Magni “Signore e signori, buonanotte”, in cui si sofferma sui vizi e sulle virtù dell’Italia.

Ettore Scola dirige attori sempre più grandi

Ettore Scola registaÈ il 1977 quando coglie nel segno con “Una giornata particolare”, dove Sophia Loren e Marcello Mastroianni (una delle coppie più belle della storia del cinema) mettono a nudo i propri sentimenti all’interno di un edificio popolare della Roma fascista.

La pellicola gli varrà nuovi riconoscimenti come il César per il Miglior Film Straniero, il Nastro d'Argento per la Migliore Sceneggiatura e il David di Donatello per la Regia.

Sempre nel 1977 è impegnato con Monicelli e Risi ne “I nuovi mostri”, mentre per il 1980 con “La terrazza” riunisce gli intellettuali borghesi Gassman, Trintignant, Mastroianni e Tognazzi, per poi dedicarsi al film storico incentrato sulla Rivoluzione Francese “Il mondo nuovo” (1982) con un Mastroianni Casanova affascinante.

Nel 1983 con “Ballando ballando” ottiene il premio per la Regia al Festival di Berlino, due César, la nomination all’Oscar e due David di Donatello. È ancora con Marcello Mastroianni, affiancato dall’americano Jack Lemmon il successivo “Maccheroni” (1985), al quale segue con Vittorio Gassman, Stefania Sandrelli e Fanny Ardant, “La famiglia” (1987) affresco che, attraverso i ricordi di un professore in pensione, ripercorre ottant’anni di storia.

Dirige sempre Mastroianni, stavolta con Troisi, in “Splendor” (1988) e “Che ora è” (1989), per poi dedicarsi ai guitti di Gautier nel film “Il viaggio di capitan Fracassa” (1990), o al politico e meno riuscito “Mario, Maria e Mario” (1993).

Realizza una critica della società borghese, supportato dall’ottima prova di Alberto Sordi, in “Romanzo di un giovane povero” (1995) e convoca l’ennesima riunione di famiglia con Vittorio Gassman, Giancarlo Giannini, Stefania Sandrelli e Fanny Ardant ne “La cena” (1998).

Dopo anni di assenza dalle scene, Scola torna sul grande schermo nel 2013 con "Che strano chiamarsi Federico", un film dedicato alla figura del grande maestro del cinema, Fellini, presentato alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia 2013.

Sposato con la sceneggiatrice e regista Gigliola Scola, ha fatto parte del governo ombra del PCI nel 1989 con delega ai Beni Culturali e nel 2001 ha ottenuto la medaglia d’oro ai benemeriti della cultura e dell’arte “Per la particolarità del suo cinema che è quella di lasciare degli spazi al pubblico, spazi di riflessione autonoma nei quali ognuno può trovare se stesso, i propri sogni, impulsi, desideri, delusioni. È considerato uno dei massimi registi italiani, per molti... un maestro”.

Ettore Scola muore il 19 gennaio 2016 a Roma, circondato dalla famiglia.

Isabella Gasparutti

Ettore Scola Filmografia - Regista

Ettore Scola film

  • Se permettete parliamo di donne (1964)
  • Thrilling (Episodio Il vittimista) (1965)
  • La congiuntura (1965)
  • L'arcidiavolo (1966)
  • Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa? (1968)
  • Il commissario Pepe (1969)
  • Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca (1970)
  • Permette? Rocco Papaleo (1971)
  • Festival dell'Unità 1972 (Cortometraggio documentaristico) (1972)
  • La più bella serata della mia vita (1972)
  • Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam (1973)
  • Festival Unità (Documentario) (1973)
  • C'eravamo tanto amati (1974)
  • Carosello per la campagna referendaria sul divorzio (Cortometraggio documentaristico) (1975)
  • Brutti sporchi e cattivi (1976)
  • Signore e signori, buonanotte (1976)
  • Una giornata particolare (1977)
  • I nuovi mostri (Episodi L'uccellino della Val Padana, Il sospetto, Hostaria, Come una regina, Cittadino esemplare, Sequestro di persona cara ed Elogio funebre) (1977)
  • La terrazza (1980)
  • Passione d'amore (1981)
  • Vorrei che volo (Documentario) (1982)
  • Il mondo nuovo (1982)
  • Ballando ballando (1983)
  • L'addio a Enrico Berlinguer (Cortometraggio documentaristico) (1984)
  • Maccheroni (1985)
  • Imago urbis (Documentario collettivo) (1987)
  • La famiglia (1987)
  • Splendor (1989)
  • Che ora è? (1989)
  • Il viaggio di Capitan Fracassa (1990)
  • Mario, Maria e Mario (1993)
  • Romanzo di un giovane povero (1995)
  • I corti italiani (Episodio 1943-1997) (1997)
  • La cena (1998)
  • Concorrenza sleale (2001)
  • Un altro mondo è possibile (Documentario collettivo) (2001)
  • Lettere dalla Palestina (Documentario collettivo) (2002)
  • Gente di Roma (2003)
  • Che strano chiamarsi Federico (2013)

Ettore Scola Filmografia - Sceneggiatore

  • Canzoni di mezzo secolo (1952)
  • Fermi tutti, arrivo io! (1953)
  • Due notti con Cleopatra (1953)
  • Canzoni, canzoni, canzoni (1953)
  • Ridere! Ridere! Ridere!, regia di Edoardo Anton (1954)
  • Gran varietà (1954)
  • Amori di mezzo secolo (Episodi Girandola 1910 e Dopoguerra 1920) (1954)
  • Accadde al commissariato (1954)
  • Una parigina a Roma (1954)
  • Un americano a Roma (1954)
  • Rosso e nero (1955)
  • Buonanotte... avvocato! (1955)
  • Accadde al penitenziario (1955)
  • I pappagalli (1955)
  • Lo scapolo (1955)
  • Mi permette, babbo! (1956)
  • Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo (1956)
  • I giorni più belli (1956)
  • Il conte Max (1957)
  • Primo amore (1958)
  • Non sono più Guaglione (1958)
  • Il marito (1958)
  • Totò nella luna (1958)
  • Non perdiamo la testa (1959)
  • Nel blu dipinto di blu, regia di Piero Tellini (1959)
  • Il nemico di mia moglie, regia di Gianni Puccini e Gabriele Palmieri (1959)
  • Guardatele ma non toccatele (1959)
  • Il mattatore (1960)
  • Nata di marzo (1960)
  • Adua e le compagne (1960)
  • Il carabiniere a cavallo (1961)
  • Fantasmi a Roma (1961)
  • Le pillole di Ercole (1961)
  • Anni ruggenti (1962)
  • Due contro tutti, regia di Alberto De Martino e Antonio Momplet (1962)
  • Il sorpasso (1962)
  • La parmigiana (1963)
  • La marcia su Roma (1963)
  • I cuori infranti (Episodio E vissero felici) (1963)
  • L'amore difficile (Episodio Le donne, L'avaro e L'avventura di un soldato) (1963)
  • Il successo (1963)
  • I mostri (1963)
  • Follie d'estate (1963)
  • La visita (1963)
  • Alta infedeltà (1964)
  • Se permettete parliamo di donne (1964)
  • Il magnifico cornuto (1964)
  • Thrilling (Episodio Il vittimista) (1965)
  • Il gaucho (1965)
  • La congiuntura (1965)
  • I complessi (Episodio Una giornata decisiva) (1965)
  • Io la conoscevo bene (1965)
  • Made in Italy (1965)
  • L'arcidiavolo (1966)
  • Le dolci signore, regia di Luigi Zampa (1968)
  • Il profeta (1968)
  • Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l'amico misteriosamente scomparso in Africa? (1968)
  • Il commissario Pepe (1969)
  • Dramma della gelosia - Tutti i particolari in cronaca (1970)
  • Permette? Rocco Papaleo (1971)
  • Noi donne siamo fatte così (1971)
  • La più bella serata della mia vita (1972)
  • Trevico-Torino - Viaggio nel Fiat-Nam (1973)
  • C'eravamo tanto amati (1974)
  • Il silenzio è complicità (1976)
  • Brutti sporchi e cattivi (1976)
  • Signore e signori, buonanotte (1976)
  • Una giornata particolare (1977)
  • I nuovi mostri (1977)
  • La terrazza (1980)
  • Passione d'amore (1981)
  • Il mondo nuovo (1982)
  • Ballando ballando (1983)
  • Cuori nella tormenta (1984)
  • Maccheroni (1985)
  • La famiglia (1987)
  • Splendor (1989)
  • Che ora è? (1989)
  • Il viaggio di Capitan Fracassa (1990)
  • Mario, Maria e Mario (1993)
  • Romanzo di un giovane povero (1995)
  • Passion (1996) (TV)
  • I corti italiani (Episodio 1943-1997) (1997)
  • 1943-1997 (1997)
  • La cena (1998)
  • Concorrenza sleale (2001)
  • Gente di Roma (2003)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *