Edwige Fenech

Edwige Fenech è un'attrice, produttrice cinematografica, conduttrice televisiva e stilista francese naturalizzata italiana, nota soprattutto per numerosi ruoli in film del genere giallo all'italiana e soprattutto della commedia sexy.

Edwige Fenech, l'attrice 'disonorata con onore'

(Bône, Algeria, 24 dicembre 1948)

Edwige-FenechÈ entrata nella storia del cinema non esattamente per film memorabili, ma sicuramente presenti nella storia del costume italiano. Edwige Fenech nasce, nell’Algeria francese, da padre maltese e madre siciliana. Dopo aver iniziato e lasciato la facoltà di medicina inizia a lavorare come modella. Passerà a breve a interpretare una lunga serie di pellicole di serie B.

Il film d’esordio è “Alle dame del castello piace molto fare quello” del 1967, al quale segue “Samoa, regina della giungla” del 1968 diretto da Guido Malatesta. Sarà la protagonista da allora in poi di diversi gialli, genere molto in voga all’epoca. Tra questi ricordiamo “Lo strano vizio della signora Wardh” del 1971 di Sergio Martino, fratello del produttore Luciano, che diventerà il compagno dell’attrice, dalla cui unione nascerà il figlio Edwin.

Il grande successo arriva nel 1972 con un film entrato nella storia del cinema più per il suo titolo che per il suo valore artistico. Si tratta di “Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda” di Mariano Laurenti, ambientata nel medioevo. La critica lo massacra letteralmente, con l’unica eccezione di Walter Veltroni. Eppure la pellicola, costato 90 milioni di lire ne incassa 728 e diventa un cult del genere trash. Alla pari di “Giovannona coscialunga, disonorata con onore” di Sergio Martino del 1973, con Pippo Franco e Vittorio Caprioli, che si merita una citazione nel “Secondo tragico Fantozzi” di Luciano Salce.

Edwige Fenech, le commedie sexy e il successo in tv

Da allora fino alla fine degli anni ’80 sarà un susseguirsi di commedie sexy all’italiana, in cui la Fenech passerà con disinvoltura ai panni (pochi in verità) di infermiera, insegnante, dottoressa, pretora e via dicendo. Diventerà un’attrice di culto, al punto che il critico Roland Barthes la citerà nel suo saggio “La camera chiara” sulla fotografia. Negli anni ’90, Edwige di dedica alla televisione e dal 1995 circa si lega al manager Luca Cordero di Montezemolo con cui rimarrà 16 anni. Sono oramai lontani gli anni dell’immagine dell’attrice scollacciata nei B movie.

Edwige adesso è una signora di classe, che quasi si vergogna del suo passato. Inizia una promettente carriera di produttrice televisiva; tra i lavori da lei prodotti fa una grande audience la fiction “Commesse” mandata in onda dal 1999 al 2002 su Rai Uno. Nel cast ci sono Veronica Pivetti, Sabrina Ferilli, Nancy Brilli, Anna Valle e Franco Castellano l’unico interprete maschile. Nel 2004 produce "Il mercante di Venezia" in cui recitano Al Pacino e Jeremy Irons; mentre nel 2006 è coproduttrice del film di Bellocchio “Il regista dei matrimoni”. Molto amata da Quentin Tarantino, viene chiamata da lui nel 2007 per un cameo in “Hostel: Part II” diretto da Eli Roth e da lui stesso prodotto.

Nel 2012 veste i panni regali di Caterina II di Russia per la miniserie televisiva “La figlia del capitano”, tratta dal racconto di Aleksandr Sergeevič Puškin e di cui la Fenech è anche produttrice.

Ivana Faranda

Edwige Fenech Filmografia - Cinema

Edwige Fenech Filmografia

  • Toutes folles de lui, regia di Norbert Carbonnaux (1967)
  • Samoa, regina della giungla, regia di Guido Malatesta (1968)
  • Il figlio di Aquila Nera, regia di Guido Malatesta (1968)
  • Susanna…ed i suoi dolci vizi alla corte del re, regia di Franz Antel (1968)
  • Top Sensation, regia di Ottavio Alessi (1969)
  • Il trionfo della casta Susanna, regia di Franz Antel (1969)
  • Alle dame del castello piace molto fare quello, regia di Jozef Zachar (1969)
  • Mia nipote…la vergine, regia di Eberhard Schröder (1969)
  • Testa o croce, regia di Piero Pierotti (1969)
  • L’uomo dal pennello d’oro, regia di Franz Marischka (1969)
  • Desideri, voglie pazze di tre insaziabili ragazze, regia di Jozef Zachar (1969)
  • I peccati di Madame Bovary, regia di Hans Schott-Schöbinger (1969)
  • Don Franco e Don Ciccio nell’anno della contestazione, regia di Marino Girolami (1969)
  • Satiricosissimo, regia di Mariano Laurenti (1970)
  • 5 bambole per la luna d’agosto, regia di Mario Bava (1970)
  • Le Mans – Scorciatoia per l’inferno, regia di Osvaldo Civirani (1970)
  • Lo strano vizio della signora Wardh, regia di Sergio Martino (1971)
  • Le calde notti di Don Giovanni, regia di Alfonso Brescia (1971)
  • Deserto di fuoco, regia di Renzo Merusi (1971)
  • Tutti i colori del buio, regia di Sergio Martino (1972)
  • Perché quelle strane gocce di sangue sul corpo di Jennifer?, regia di Giuliano Carnimeo (1972)
  • Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave, regia di Sergio Martino (1972)
  • Quando le donne si chiamavano madonne, regia di Aldo Grimaldi (1972)
  • La bella Antonia, prima monica e poi dimonia, regia Mariano Laurenti (1972)
  • Quel gran pezzo dell’Ubalda tutta nuda e tutta calda, regia Mariano Laurenti (1972)
  • Fuori uno… sotto un altro, arriva il Passatore, regia di Giuliano Carnimeo (1973)
  • Giovannona Coscialunga disonorata con onore, regia di Sergio Martino (1973)
  • La vedova inconsolabile ringrazia quanti la consolarono, regia di Mariano Laurenti (1973)
  • Dio, sei proprio un padreterno!, regia di Michele Lupo (1973)
  • Anna, quel particolare piacere, regia di Giuliano Carnimeo (1973)
  • Innocenza e turbamento, regia di Massimo Dallamano (1974)
  • La signora gioca bene a scopa?, regia di Giuliano Carnimeo (1974)
  • Grazie…nonna, regia di Marino Girolami (1975)
  • L’insegnante, regia di Nando Cicero (1975)
  • Nude per l’assassino, regia di Andrea Bianchi (1975)
  • Il vizio di famiglia, regia di Mariano Laurenti (1975)
  • La moglie vergine, regia di Marino Girolami (1975)
  • La dottoressa del distretto militare, regia di Nando Cicero (1976)
  • 40 gradi all’ombra del lenzuolo, regia di Sergio Martino (1976)
  • La poliziotta fa carriera, regia di Michele Massimo Tarantini (1976)
  • Cattivi pensieri, regia di Ugo Tognazzi (1976)
  • La pretora, regia di Lucio Fulci (1976)
  • La vergine, il toro e il capricorno, regia di Luciano Martino (1977)
  • Taxi Girl, regia di Michele Massimo Tarantini (1977)
  • La soldatessa alla visita militare, regia di Nando Cicero (1977)
  • Il grande attacco, regia di Umberto Lenzi (1978)
  • L’insegnante va in collegio, regia di Mariano Laurenti (1978)
  • L’insegnante viene a casa, regia di Michele Massimo Tarantini (1978)
  • La soldatessa alle grandi manovre, regia di Nando Cicero (1978)
  • Amori miei, regia di Steno (1978)
  • La poliziotta della squadra del buon costume, regia di Michele Massimo Tarantini (1979)
  • Dottor Jekyll e gentile signora, regia di Steno (1979)
  • Sabato, domenica e venerdì (episodio Sabato), regia di Franco Castellano, Pasquale Festa Campanile, Sergio Martino e Giuseppe Moccia (1979)
  • La patata bollente, regia di Steno (1979)
  • Il ladrone, regia di Pasquale Festa Campanile (1980)
  • Sono fotogenico, regia di Dino Risi (1980)
  • La moglie in vacanza…l’amante in città, regia di Sergio Martino (1980)
  • Zucchero miele e peperoncino, regia di Sergio Martino (1980)
  • Io e Caterina, regia di Alberto Sordi (1980)
  • Il ficcanaso, regia di Bruno Corbucci (1980)
  • Asso, regia di Franco Castellano e Giuseppe Moccia (1981)
  • Zitto quando parli, regia di Philippe Clair (1981)
  • Cornetti alla crema, regia di Sergio Martino (1981)
  • La poliziotta a New York, regia di Michele Massimo Tarantini (1981)
  • Ricchi, ricchissimi, praticamente in mutande, regia di Sergio Martino (1982)
  • Il paramedico, regia di Sergio Nasca (1982)
  • Sballato, gasato, completamente fuso, regia di Steno (1982)
  • Bene, bravi, bis, (Serie TV) (1984)
  • Vacanze in America, regia di Carlo Vanzina (1984)
  • Nel gorgo del peccato, (Miniserie TV) (1987)
  • Immagina, (Serie TV) (1987)
  • Un delitto poco comune, regia di Ruggero Deodato (1988)
  • Il coraggio di Anna, regia di Giorgio Capitani, (Film TV) (1992)
  • Alta società, (Miniserie TV 1 episodio) (1992)
  • Delitti privati, (Miniserie TV 4 episodi) (1993)
  • Donna, (Miniserie TV 5 episodi) (1996)
  • Il fratello minore, regia di Stefano Gigli (2000)
  • Le ragioni del cuore, (Miniserie TV) (2002)
  • Hostel: Part II, regia di Eli Roth (2007)
  • La figlia del Capitano, regia di  Giacomo Campiotti, (Film TV) (2012)
  • È arrivata la felicità (Rai 1, 2015)

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *